Pubblicità
HomeTestimoniumIl Santo di oggi 25 Giugno 2020 San Guglielmo di Vercelli, noto...

Il Santo di oggi 25 Giugno 2020 San Guglielmo di Vercelli, noto per il lupo e il Santuario di Montevergine

Oggi la Chiesa ricorda San Guglielmo di Vercelli

Guglielmo da Vercelli, o di Montevergine, fu monaco ed abate, fondatore di monasteri, tra cui quello di Montevergine; è venerato come santo dalla Chiesa cattolica. È il patrono dell’Irpinia.

LEGGI: Lettura e commento al Vangelo di oggi 25 Giugno

La sua statua in San Pietro a Roma ha un lupo accovacciato ai piedi, in ricordo di un prodigio che gli attribuisce la tradizione. Quando viveva da eremita sui monti, l’asino che era il suo prezioso mezzo di trasporto fu sbranato da un lupo, che poi Guglielmo prodigiosamente trasformò in mansueto animale da soma.

La vita

Nasce a Vercelli nel 1085 all’interno di una nobile famiglia. Lo incontriamo quindicenne, già vestito da monaco e in viaggio come pellegrino. Cammina per mesi e per anni: fece un pellegrinaggio a Santiago di Compostela, pratica molto diffusa all’epoca, poi si reca a Roma ed infine si avvia verso la Puglia per imbarcarsi per la Terra Santa.

In Puglia fu malmenato da alcuni ladri e il santo considerò la disavventura un segno della volontà di Dio di farlo restare nel Sud Italia per diffondere il messaggio di Cristo. Per questo motivo decise di non partire più per Gerusalemme. Inoltre, incontrò un futuro santo, Giovanni da Matera, che lo dissuase nel partire e gli disse: “Non è lì che ti vuole il Signore“.

Nasce il monastero di Montevergine

Decide allora di andare a vivere da eremita sulla catena montuosa che domina Avellino stabilendosi in una delle sue vette, in un luogo disabitato chiamato Partenio o Monte Virgiliano (Montevergine).

Successivamente arrivarono altri uomini (e alcuni sacerdoti) attratti dalla vita eremitica, che intorno a lui formano una comunità; costruirono le celle e parteciparono alla costruzione di una chiesa dedicata alla Vergine nel 1124. Poi saliranno anche i pellegrini, i “fedeli”, a cui bisognava predicare e amministrare i sacramenti.

Da qui ebbe origine la Congregazione verginiana dell’Ordine di San Benedetto. Guglielmo adotta la Regola benedettina con marcata accentuazione eremitica, ma quest’affluenza di gente rende necessaria anche un’attività pastorale, una “cura d’anime”.

LEGGI: Oggi ricordiamo San Massimo di Torino (Ecco chi era)

Nel 1128 egli affida la comunità al futuro beato Alberto e va a stabilirsi in Lucania sul monte Cognato, dove presto nasce un monastero.

Quando è ben stabilito, ecco che Guglielmo riparte fermandosi a Goleto, ancora nell’Avellinese. Qui nasce un doppio monastero, ossia con una comunità maschile e una femminile, ognuna con propria sede e propria chiesa.

Altri monasteri egli fa nascere in Irpinia e in Puglia: “moltissimi”, dice la sua prima biografia del XII secolo. Così si forma quella che sarà chiamata Congregazione Benedettina di Montevergine, e che avrà vita plurisecolare. Nel 1879 si fonderà poi con la Congregazione Cassinese.

San Guglielmo da Vercelli, 25 Giugno
San Guglielmo da Vercelli e San Giovanni da Matera

La morte e il culto

Guglielmo muore nel monastero del Goleto il 24 Giugno 1142, e nelle sue comunità s’incomincia subito a venerarlo come santo. Alcuni vescovi autorizzano anche il culto pubblico, che sarà poi esteso a tutta la Chiesa nel 1785.

Il suo corpo verrà traslato nel 1807 dal Goleto a Montevergine, dove si trova tuttora. E lo stesso monastero, per tutta la durata della seconda guerra mondiale, sarà il rifugio segreto e sicuro della Santa Sindone di Torino.

Il Miracolo del Lupo

Secondo la tradizione cattolica, ha compiuto una serie di miracoli, dei quali il più noto è stato in passato (1591) ed è tuttora il “Miracolo del Lupo”, ragion per cui il santo viene spesso rappresentato in compagnia di un lupo “addomesticato”, persino nel monastero di Montevergine. Un giorno un lupo avrebbe sbranato l’asinello del quale il santo si serviva per il traino e altre mansioni.

Il santo si sarebbe allora rivolto al lupo e gli avrebbe intimato di prestarsi, da allora in poi, a tutte le mansioni alle quali l’asino si prestava. La feroce bestia sarebbe da allora divenuta mansueta e le genti che il santo incontrava sarebbero rimaste colpite dall’inusuale docilità dell’animale. (Fonte santiebeati.it – Domenico Agasso)

Redazione Papaboys

Informazioni sulla Donazione

Vorrei fare una donazione del valore di :

€100€50€10Altri

Vorrei che questa donazione fosse ripetuta ogni mese

Informazioni sulla donazione

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,867FansLike
20,918FollowersFollow
10,029FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

Maker Faire Rome

Torna Maker Faire Rome: un’edizione davvero speciale. Tutto quello che c’è...

Torna Maker Faire Rome: un'edizione speciale Dall’8 al 10 ottobre 2021 torna in presenza “Maker Faire Rome – The European edition” negli spazi del Gazometro...