Il Santo di oggi 23 Gennaio 2019 Beata Margherita Molli, mistica

Oggi 23 Gennaio, la Chiesa ricorda la Beata Margherita Molli (Russi, 8 maggio 1442; † Ravenna, 23 gennaio 1505) è stata una mistica italiana.

Beata Margherita Molli

La vita

Nacque nel castello di Russi da Francesco e Giovanna Molli, una ricca famiglia benestante. All’età di tre mesi per una grave malattia rimase cieca.

Appena le fu consentito in base alla sua età, cominciò una vita di penitenza e di contemplazione, così inusuale in una bambina, che già verso i cinque anni prese a camminare a piedi nudi con ogni tempo.

LEGGI ANCHE: 23 Gennaio – Il Santo di oggi

Crebbe in adolescenza e gioventù, perseverando nella penitenza: lasciato ogni bene terreno ai poveri, visse di elemosina, infliggendosi digiuni ed asprezze, come il dormire sulla nuda terra. Fece voto di castità, ma a causa della cecità non poté entrare in convento come suo desiderio; pertanto intraprese una modalità di vita, che oggi diremmo di monaca di casa.

Fu profeta, predisse la battaglia di Ravenna

Ebbe anche il dono della profezia; predisse la battaglia di Ravenna del 1512, il Concilio di Trento e la vittoria di Lepanto del 1571. Nella Pieve di San Pancrazio, poco distante dal paese, raccoglieva delle giovani per istruirle ed educarle alla fede.

Nel 1485 lasciò Russi per recarsi a Ravenna, dove abitò in casa di Lorenzo Orioli, un suo devoto; proseguendo nella sua attività in tante opere di carità, visitando le chiese, ricevendo e guidando tante persone, ammirate ed attirate dal suo eroico esercizio delle virtù cristiane.

Beata Margherita Molli

Conservò una grande serenità di spirito e rassegnazione, nonostante anche le calunnie di chi non le credeva. Ebbe a cuore, in unione col Papa la difesa della cristianità contro i musulmani, nel contempo faceva pregare per l’unione di tutti i cristiani.

Per i numerosi fedeli che a lei accorrevano, creò la “Confraternita del Buon Gesù”, che poi dopo la sua morte diventò, per opera del discepolo Girolamo Maluselli coadiuvato dall’altra discepola beata Gentile Giusti, la Congregazione dei Preti del Buon Gesù: l’opera fu molto attiva a Ravenna e in Romagna.

La Congregazione fu approvata nel 1538 da papa Paolo III e soppressa nel 1651 da Innocenzo X.

La morte e il culto

Margherita Molli morì a Ravenna il 23 gennaio 1505. Fu seppellita in Sant’Apollinare Nuovo e la tomba divenne meta di tanti devoti.

Un giorno fu profanata durante l’invasione dei francesi, per cui Lorenzo Orioli, il devoto parente che l’aveva ospitata, con il consenso dei sacerdoti, trafugò il corpo e caricatolo su un asino, lo lasciò libero di andare dove volesse. In piena notte l’asino si fermò vicino alla chiesa di San Pancrazio di Russi, sotto un grande albero, e lì fu inumata.

Nel 1659 le sue reliquie furono unite a quelle della beata Gentile Giusti (quest’ultima ritratta alla destra della beata nelle icone postate nell’articolo, ndr), nella Chiesa del Buon Gesù di Ravenna; dopo altre traslazioni, le reliquie delle due beate riposano ora nella chiesa arcipretale di Sant’Apollinare in Russi.

Fonte it.cathopedia.org

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome