Pubblicità
HomeTestimoniumIl Santo di oggi 22 Dicembre 2018 Beato Tommaso Holland, sacerdote e...

Il Santo di oggi 22 Dicembre 2018 Beato Tommaso Holland, sacerdote e martire

A Londra in Inghilterra, beato Tommaso Holland, sacerdote della Compagnia di Gesù e martire, che, condannato a morte sotto il re Carlo I per aver svolto clandestinamente il suo ministero, rese con l’impiccagione lo spirito a Dio.

Beato Tommaso Holland

La vita

Nato nel 1600 a Sutton (Lancaster), dopo aver studiato al collegio di S. Omer, entrò nel­la Compagnia di Gesù. Fece il noviziato a Watten, nel Belgio, e frequentò gli studi di teologia a Liegi, da dove, ordinato sacerdote, fu inviato subito come direttore spirituale del collegio di S. Omer. La sua pietà e la sua cultura ascetica gli avevano meritato il titolo di Bibliotheca Pietatis.

LEGGI ANCHE: 22 Dicembre – Santa Francesca Saverio Cabrini

Per la salute debolissima, fu mandato dai superiori in Inghilterra, dove giunse nel 1635. Non ne ricavò alcun miglioramento, anzi, i suoi disturbi si aggravarono sia per una ostinata inappetenza, sia per il fatto che doveva esercitare il suo mini­stero soprattutto di notte. Riuscì tuttavia a resistere per sette anni, esercitando un continuo apostolato attraverso peripezie di ogni genere. Dedicava tutto il tempo libero alla preghiera e ciò spiega come chi lo avvicinava avvertisse subito un’atmosfera soprannaturale.

Sospettato come sacerdote, sebbene senza prove, fu condotto in carcere a Newgate, il 4 Ottobre 1642. Fu molto abile nel difendersi durante il processo e nessuna prova fu raccolta contro di lui, ma fu ugualmente condannato a morte il 10 Dicembre. Alla condanna rispose con gioia: Deo Gratias e, giunto in carcere, volle cantare il Te Deutn. Per due giorni la prigione fu assiepata di visitatori a cui egli rivolgeva parole piene di fede e di elevata spiritualità. Non volle che l’ambasciatore francese chiedesse per lui la grazia della liberazione, come si legge in una lettera da lui scritta ai superiori.

Beato Tommaso Holland

LEGGI ANCHE: 22 Dicembre – Il Vangelo del giorno

La morte e il culto

La mattina del 12 Dicembre potè celebrare la Messa in carcere e poi fu condotto al patibolo del Tyburn. Qui manifestò pubblicamente la sua qualifica di sacerdote e di gesuita, fece atti di fede, offri a Dio la sua vita, perdonò tutti, diede poi al carnefice il poco denaro che possedeva, rice­vette l’assoluzione da un confratello nascosto tra la folla. E’ stato impiccato mentre teneva le mani giunte. Aveva quarantotto anni, dei quali diciannove vissuti nella Compagnia di Gesù. Beatificato da Pio XI nel 1929 e la sua festa si celebra il 12 dicembre.

Autore: Giovanni Battista Proja

Sostieni Papaboys 3.0

0
Dettagli Fatturazione

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

306,125FansLike
20,918FollowersFollow
9,932FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

Giovanni Paolo II: il papa devoto alla Divina Misericordia 

Devoti a Giovanni Paolo II: la supplica di affidamento alla Divina...

Giovanni Paolo II: il papa devoto alla Divina Misericordia Giovanni Paolo II, il papa polacco che ha cambiato la storia del mondo intero... "L'amore vero...