Home Testimonium Il Santo di oggi 20 Gennaio: San Sebastiano, il martire invocato contro...

Il Santo di oggi 20 Gennaio: San Sebastiano, il martire invocato contro le epidemie (Preghiera per una Grazia)

 Oggi la Chiesa ricorda San Sebastiano (Martire)

San Sebastiano è stato un militare romano, martire per aver sostenuto la fede cristiana; venerato come santo dalla Chiesa cattolica e dalla Chiesa Cristiana Ortodossa. Insieme a san Rocco viene invocato e raffigurato a protezione contro la peste.

La vita

Le notizie storiche che abbiamo su san Sebastiano sono poche. Il più antico calendario della Chiesa di Roma, la «Depositio Martyrum», confluito nel «Cronografo» risalente al 354, che lo ricorda al 20 gennaio, giorno della sua morte, e segna come luogo della sua sepoltura le catacombe lungo la via Appia. L’anno della morte, invece, è intorno al 304. 

Sant’Ambrogio, noto vescovo nel IV secolo, afferma in uno scritto che Sebastiano era nato a Milano in un tempo di scarse persecuzioni contro i cristiani, ma si era poi trasferito a Roma, dove subì il martirio.

Alcuni scritti riferiscono che proveniva da una famiglia molto credente e che si trasferì a Roma per intraprendere la carriera militare, fino a diventare tribuno della prima coorte della guardia imperiale, i pretoriani, a Roma.

Era stimato per la sua lealtà e intelligenza dagli imperatori Massimiano e Diocleziano, che non sospettavano fosse cristiano.

Grazie alla sua funzione, poteva aiutare con discrezione i cristiani incarcerati, curare la sepoltura dei martiri e riuscire a convertire militari e nobili della corte, dove era stato introdotto da Castulo, cubicolario (domestico) della famiglia imperiale, che poi morì martire.

Sebastiano incoraggia i giovani Marco e Marcellino

Un giorno furono arrestati due giovani cristiani, Marco e Marcelliano. Il loro padre, Tranquillino, ottenne un periodo di trenta giorni di riflessione prima del processo da Agrezio Cromazio, prefetto di Roma, affinché potessero salvarsi sacrificando agli dei.

LEGGI ANCHE: Padre Marciano Morra è in Paradiso. Il suo racconto: ‘Ho visto Padre Pio compiere prodigi’

I due fratelli stavano per cedere alla paura, quando intervenne il tribuno Sebastiano, riuscendo a convincerli a perseverare nella fede. Mentre lui parlava ai giovani, i presenti lo videro circondato di luce.

Tra di loro c’era anche Zoe, moglie di Nicostrato, capo della cancelleria imperiale, muta da sei anni. La donna si inginocchiò davanti a Sebastiano, il quale, dopo aver implorato la grazia divina, fece un segno di croce sulle sue labbra, restituendole l’uso della parola.

Davanti alla guarigione della moglie, lo stesso Nicostrato si prostrò ai piedi del tribuno, chiedendogli perdono per aver imprigionato Marco e Marcelliano, cui diede subito la libertà. I due fratelli, però, scelsero di non lasciare il carcere. Zoe e Nicostrato e altre persone chiesero il Battesimo, che fu loro amministrato dal sacerdote Policarpo.

Allo scadere dei trenta giorni, Cromazio chiese a Tranquillino se i due fratelli fossero pronti a sacrificare agli dei. L’uomo rispose che lui stesso era diventato cristiano e condusse a credere anche lo stesso Prefetto, che fu battezzato col figlio Tiburzio.

La denuncia e il martirio con le frecce

Tuttavia, Sebastiano fu denunciato come cristiano e condotto davanti a Diocleziano. L’imperatore, vedendo conferma della voce per cui nel palazzo imperiale erano presenti cristiani, persino tra i pretoriani, lo condannò a morte.

Sebastiano fu denudato, poi legato a un palo e colpito da frecce.

Fu quindi creduto morto e abbandonato in pasto agli animali selvatici.

Poco dopo, la nobile Irene, vedova del martire Castulo, andò a recuperarne il corpo per dargli sepoltura: i cristiani infatti usavano fare così, a costo di essere arrestati a propria volta.

La donna si accorse che il tribuno non era morto: lo fece trasportare in casa propria e lo curò.

San Sebastiano, martire: vita e preghiera
San Sebastiano, martire: vita e preghiera

Il secondo martirio

Sebastiano riuscì a guarire e si ripresentò all’imperatore, che stava salendo al tempio di Ercole, rimproverandolo per quanto aveva operato contro i cristiani.

Diocleziano ordinò che quella volta fosse flagellato a morte. Il corpo fu gettato nella Cloaca Massima (condotta fognaria), affinché i cristiani non potessero recuperarlo.

La notte dopo, il martire apparve in sogno alla matrona Lucina e gli indicò il luogo dov’era approdato il suo cadavere e le ordinò di seppellirlo accanto alle tombe degli apostoli sulla via Appia.

Fino a tutto il VI secolo, i pellegrini che vi si recavano quindi visitavano anche la tomba del martire Sebastiano, la cui figura era per questo diventata molto popolare.

Nel 680 si attribuì alla sua intercessione la fine di una grave pestilenza a Roma. Da allora, considerato il terzo patrono della città, dopo i due apostoli Pietro e Paolo, e cominciò a essere invocato contro le pestilenze.

Le reliquie

Le sue reliquie, sistemate in una cripta sotto la basilica costantiniana già detta “Basilica Apostolorum”, furono divise durante il pontificato di papa Eugenio II, il quale ne mandò una parte alla chiesa di San Medardo di Soissons il 13 ottobre 826.

Il suo successore Gregorio IV fece traslare il resto del corpo nell’oratorio di San Gregorio sul colle Vaticano. Il capo, inserito in un prezioso reliquiario, che papa Leone IV trasferì poi nella Basilica dei Santi Quattro Coronati, dov’è tuttora venerato.

Gli altri resti di san Sebastiano rimasero nella Basilica Vaticana fino al 1218, quando papa Onorio III concesse ai monaci cistercensi, custodi della Basilica di San Sebastiano, il ritorno delle reliquie risistemate nell’antica cripta.

Nel XVII secolo l’urna è posta in una cappella della nuova chiesa, sotto la mensa dell’altare, dove si trovano tuttora.

Guarda il video su San Sebastiano che abbiamo pubblicato sul canale YouTube della Redazione Papaboys 

Per iscriverti gratuitamente al canale YouTube della redazionehttps://bit.ly/2XxvSRx ricordati di mettere il tuo ‘like’ al video, condividerlo con gli amici ed attivare le notifiche per essere aggiornato in tempo reale sulle prossime pubblicazioni.

Non dimenticare di iscriverti al canale (è gratuito) ed attivare le notifiche

I patronati

San Sebastiano è considerato patrono degli arcieri e archibugieri, dei tappezzieri, fabbricanti di aghi e di quanti altri abbiano a che fare con oggetti a punta simili alle frecce.

È invocato nelle epidemie, specie di peste, così diffusa in Europa in passato.

Ancora durante la sua vita, il Papa san Caio lo denominò “difensore della Chiesa”.

È considerato patrono di molte città: ben tre comuni in Italia portano il suo nome.

All’estero, invece, è molto venerato in Spagna, in Francia, in Germania e in Ungheria.

Preghiera a San Sebastiano

O glorioso San Sebastiano, alla cui speciale protezione il cielo ha affidato il nostro paese, fa’ che sentiamo i dolci affetti della tua potente intercessione presso Dio.

Ci affidiamo interamente nelle tue mani: tu conosci le nostre necessità; provvedici tu affinché tutto concorra ad assicurarci la salute materiale e spirituale; e dopo essere stati tuoi fedeli imitatori sulla la terra, possiamo un giorno partecipare della tua gloria nel cielo. Amen.

Supplica per chiedergli una grazia

O buon San Sebastiano, che per testimoniare la tua fede a Cristo Gesù ti sei fatto martirizzare. Sii il mio protettore, sostienimi con le tue braccia vittoriose e io non avrò paura delle potenze nemiche.

Intercedi presso il Signore per il favore che ti chiedo.. Infondimi il coraggio di testimoniare con la mia vita la fede in Cristo Gesù.

San Sebastiano, prega per noi. Amen.

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,992FansLike
20,854FollowersFollow
9,829FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

Santa Rita

Oggi, 25 febbraio 2021, è il 4° dei 15 giovedì di...

Oggi, 25 febbraio 2021, è il 4° dei 15 giovedì di Santa Rita. Supplica per famiglie e sofferenti e casi impossibili I 15 Giovedì di...