Home Testimonium Il Santo di oggi 17 Ottobre: Sant'Ignazio di Antiochia. Vita e Preghiera

Il Santo di oggi 17 Ottobre: Sant’Ignazio di Antiochia. Vita e Preghiera

La Chiesa ricorda Sant’Ignazio di Antiochia (Vescovo)

Sant’Ignazio di Antiochia, detto L’Illuminatore, è stato un vescovo, teologo siro e martire. È venerato come santo dalla Chiesa ortodossa e dalla Chiesa cattolica, ed è annoverato fra i Padri della Chiesa e Padre Apostolico.

LEGGI ANCHE: Oggi la Chiesa ricorda un grande beato. Ecco chi è

La vita

Nasce nel 35 d.C. (circa), e cresce in un ambiente pagano. Fu convertito al cristianesimo in età adulta da san Giovanni evangelista.

Secondo la tradizione, nel 69 è nominato secondo successore di San Pietro, dopo sant’Evodio, alla sede episcopale di Antiochia.

Condannato ad bestias durante il regno dell’imperatore Traiano (98-117), fu imprigionato e condotto da Antiochia a Roma sotto la scorta di una pattuglia di soldati per esservi divorato dalle fiere (tigri o leoni).

Le 7 lettere

Nel corso del viaggio da Antiochia a Roma scrisse sette lettere alle chiese che incontrava sul suo cammino o vicino ad esso. Esse ci sono rimaste e sono una testimonianza unica della vita della chiesa dell’inizio del II secolo.

Le prime quattro lettere furono scritte da Smirne a tre comunità dell’Asia Minore, Efeso, Magnesia e Tralli, ringraziandole per le numerose dimostrazioni d’affetto testimoniate nei suoi travagli. 

Con la quarta lettera supplicava i Romani di non impedire il suo martirio, inteso come desiderio di ripercorrere la vita e la passione di Gesù: «Com’è glorioso essere un sole al tramonto, lontano dal mondo, verso Dio. Possa io elevarmi alla tua presenza».

Partito da Smirne, Ignazio giunse nella Troade, dove scrisse altre tre lettere: alla chiesa di Filadelfia e a quella di Smirne, chiedendo che i fedeli si congratulassero con la comunità d’Antiochia, che aveva sopportato con coraggio le persecuzioni.

Scrisse anche a Policarpo, vescovo di Smirne, aggiungendovi interessanti direttive per l’esercizio della funzione episcopale, consigliandogli di «tenere duro come l’incudine sotto il martello».

Le sue lettere esprimono calde parole d’amore a Cristo e alla Chiesa. Appare per la prima volta l’espressione “Chiesa cattolica“, che è ritenuta un neologismo creato da lui.

Le Lettere di Ignazio sono una finestra aperta per conoscere le condizioni e la vita della chiesa del suo tempo. In particolare appare per la prima volta nelle sue lettere la concezione tripartita del ministero cristiano: vescovo, presbiteri, diaconi.

Ignazio auspicava una nuova organizzazione della chiesa cristiana in cui un solo vescovo presiedesse “al posto di Dio”. Questo vescovo avrebbe esercitato l’autorità su molti sacerdoti. Tali idee influenzarono e stimolarono l’elaborazione teologica successiva.

Raccomandava ai fedeli di fuggire il peccato; di guardarsi dagli errori delle varie forme eretica di quei secoli e sottolineava spesso l’importanza dell’unità della Chiesa e l’unità dei fedeli.

«Amatevi l’un l’altro con cuore non diviso. Il mio spirito si offre in sacrificio per voi, non solo ora, ma anche quando avrà raggiunto Dio. (..) In Cristo possiate essere trovati senza macchia.»  

Sant'Ignazio da Antiochia, Vita e Preghiera
Sant’Ignazio da Antiochia, Vita e Preghiera (Pier Leone Ghezzi)

Il martirio e il culto

Raggiunta Roma dopo il faticoso viaggio, Ignazio subisce il martirio nell’Urbe nel decimo anno del regno di Traiano (107), secondo la notizia riferita da Eusebio.

È stato esposto alle fiere durante i festeggiamenti in onore dell’imperatore Traiano, vincitore in Dacia.

Le sue ossa furono raccolte da alcuni fedeli e ricondotte ad Antiochia, dove furono sepolte nel cimitero della chiesa fuori della Porta di Dafne.

A seguito dell’invasione saracena, le reliquie furono ricondotte a Roma e lì sepolte nel 637 presso la basilica di San Clemente al Laterano dove tuttora riposano.

Una parte del cranio è custodita nella chiesa di Sant’Ignazio d’Antiochia, situata nella periferia sud di Roma. (Fonte it.wikipedia.org)

Preghiera a Sant’Ignazio di Antiochia

O Glorioso Sant’Ignazio, ti ringraziamo per l’ardente testimonianza di fede che ci hai dato e per la Tua intercessione per noi.

Resta vicino a chi soffre, a chi si sente solo, al povero, al disoccupato.

Consola i malati, illumina gli atei, riscalda i cuori degli indifferenti, abbi cura degli anziani, prega per le famiglie, custodisci i giovani, proteggi i bambini. Intercedi presso Gesù, nostro Signore dalla quale riceviamo il Suo amore infinito tramite la Sua Parola e i Suoi Sacramenti.

Prega perché Dio conceda la grazia ai sacerdoti e alle famiglie di rinnovarsi nella fede, nella speranza e nella carità affinché la comunità cristiana sia sempre testimone credibile di Suo Figlio nella nostra società. Amen.

Padre, Ave Maria, Gloria

Redazione Papaboys

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,853FansLike
19,529FollowersFollow
9,792FollowersFollow
2,330SubscribersSubscribe

News recenti

Nuovo lockdown in Italia?

Coronavirus. Italia verso un lockdown alla francese? Ecco come potrebbe essere

L'Italia potrebbe andare incontro ad un lockdown come la Francia? Potrebbero esserci limitazioni per gli esercizi commerciali, con chiusure totali o su base orari Secondo quanto...