Il Santo di oggi 15 Ottobre 2019 Santa Teresa di Gesù (d’Avila), Vergine e Dottore della Chiesa

Il Santo di oggi 15 Ottobre 2019 Santa Teresa di Gesù (d’Avila), Vergine e Dottore della Chiesa

.

Teresa di Gesù, o d’Avila, al secolo Teresa Sánchez de Cepeda Dávila y Ahumada, è stata una religiosa e mistica spagnola.

Santa Teresa di Gesù (d'Avila)

Santa Teresa di Gesù, al secolo Teresa Sánchez de Cepeda Ávila y Ahumada, conosciuta anche come Santa Teresa d’Ávila (Ávila, 28 marzo 1515; † Alba de Tormes, 15 ottobre 1582), è stata una religiosa e mistica spagnola, proclamata dottore della Chiesa da Paolo VI.

Figura di spicco della Riforma cattolica, autrice di importanti scritti di mistica, riformò con San Giovanni della Croce l’ordine dei Carmelitani, fondando i Carmelitani scalzi e le Carmelitane scalze.

La vita

Teresa nasce nel il 28 Marzo 1515 ed era figlia di don Alonso de Cepeda, mercante originario di Toledo di origini giudaiche convertitosi al Cristianesimo nel 1485 e di Beatriz de Ahumada, di una nobile famiglia di Avila. Ai due figli che il padre di Teresa aveva avuto dal suo primo matrimonio se ne aggiunsero altri nove, nati dalle nozze con Beatriz, dei quali Teresa fu la secondogenita.

Il 4 aprile dello stesso anno è battezzata nella parrocchia di San Juan, Avila. Nel novembre del 1528 perse la madre.

Nella primavera del 1531 entrò nel collegio agostiniano di Santa Maria de Gracia. Nell’autunno dell’anno seguente dovette lasciare il collegio per malattia.

Nel 1533 dichiarò al padre il suo desiderio di farsi religiosa. Il 2 novembre del 1535 fuggì da casa per entrare nel monastero carmelitano dell’Incarnazione ad Ávila. Il 3 novembre del 1537 fece la professione religiosa nello stesso convento.

La sua “conversione”

Dapprima faticò a raggiungere quella che lei stessa, nelle sue opere, definì la sua “conversione”, avvenuta all’età di trentanove anni. Tuttavia, l’incontro con alcuni direttori spirituali la lanciò a grandi passi nel cammino della vita mistica.


Riformatrice dell’Ordine dei Carmelitani

Unì alla più alta contemplazione un’intensa attività come riformatrice dell’Ordine carmelitano: nel Carmelo di Ávila concepì e attuò la cosiddetta riforma teresiana, che proprio da lei prese il nome.

Dal monastero di San José si recò poi in tutta la Spagna, portando a termine numerose fondazioni ma suscitando anche molti risentimenti. Per un certo periodo le venne revocato il permesso di riformare altri conventi o di fondare nuove case.

Con grande spirito pratico, si occupava delle minime cose del monastero e non ne sottovalutava l’aspetto economico, perché, ella diceva:

«Teresa senza la grazia di Dio è una povera donna; con la grazia di Dio, una forza; con la grazia di Dio e molti denari, una potenza.»

LEGGI: Preghiera per chiedere una grazia a Santa Teresa d’Avila

Mistica

Fu al tempo stesso maestra di mistici e direttrice di coscienze, tenne contatti epistolari con lo stesso re Filippo II di Spagna e con i personaggi più illustri del suo tempo. San Giovanni della Croce fu un suo discepolo famoso, pietra miliare della teologia mistica spagnola e poi nell’intera Chiesa.

Durante i momenti di grave sofferenza patita per le sue malattie che fece alcune esperienze mistiche che la trasformarono interiormente affinando in lei la percezione di Dio, con esperienze estatiche, descritte nei suoi libri.

Morì la notte tra il 4 ottobre e il 15 ottobre 1582. Quella notte, infatti, entrava in vigore la riforma gregoriana del calendario, che prevedeva il salto di dieci giorni tra le due date in questione.

Scritti

Su sollecitazione del suo confessore, nel 1567 scrisse la storia della sua vita. Nella prefazione osserva:

«Io vorrei che, come mi hanno comandato di scrivere il mio modo di orazione e le grazie che mi ha fatte il Signore, mi avessero concesso anche di raccontare minutamente e con chiarezza i miei grandi peccati.»

Santa Teresa di Gesù (d'Avila)

LEGGI: Nulla ti turbi. 15 ‘pillole spirituali’ di Santa Teresa D’Avila

Ha composto inoltre:

Il cammino della perfezione (titolo originale: Camino de perfecciòn), scritto anch’esso dopo il 1567 sotto la direzione del suo confessore. Il castello interiore, (titolo originale: Castillo interior, Las Moradas) scritto nel 1577, in cui paragona l’anima contemplante ad un castello composto da 7 camere interne successive.

Le Relazioni, un’estensione della sua autobiografia sotto forma di racconto epistolare delle sue esperienze interiori ed esterne. Sono opere minori i Concetti dell’amore, le Esclamazioni e le Carte, una raccolta di 342 lettere complete e 87 frammenti di altre.

Oggi vi sono molte edizioni di tutte le opere della santa. La prosa di Teresa è caratterizzata da spontaneità, eleganza stilistica e forza espressiva, che la fanno figurare tra i più importanti prosatori della letteratura spagnola.

Il culto

Il 24 aprile 1614 fu beatificata da papa Paolo V; il 12 marzo 1622 fu proclamata santa da Papa Gregorio XV a quarant’anni dalla morte. Papa Paolo VI il 27 settembre 1970 la riconobbe come dottore della Chiesa, prima donna nella storia della Chiesa a ricevere questo titolo. Fonte it.cathopedia.org

SANTA TERESA D’AVILA PREGA PER NOI!

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome