Home Testimonium Il Santo di oggi 14 Novembre: San Giovanni da Tufara, eremita. Vita...

Il Santo di oggi 14 Novembre: San Giovanni da Tufara, eremita. Vita e Preghiera

Oggi la Chiesa ricorda la vita di San Giovanni da Tufara

Giovanni da Tufara è stato un eremita che la Chiesa cattolica considera santo; è patrono della sua città natale e di Foiano di Val Fortore. Dio l’ha amato e ha operato innumerevoli miracoli per mezzo di lui, risuscitando morti e guarendo infermi.

LEGGI: Piovono miracoli, la storia incredibile del piccolo Filippo: volato in Cielo

La vita

Giovanni nasce a Tufara (Campobasso) nel 1084 da Mainardo e Maria; sin dalla fanciullezza, benché visse in ambiente indifferente e quasi ostile, sentì i richiami del cristianesimo autentico e diede alla sua vita un indirizzo deciso.

Amava praticare l’ufficio del sacrestano nella chiesa dei santi Pietro e Paolo e questo irritò i genitori e contribuì a diffondere pettegolezzi e maldicenze.

I più invidiosi riferirono che Giovanni elargiva elemosine e donazione di cibo ai poveri del paese. I genitori informati dell’accaduto, un giorno decisero di smascherarlo mentre portava un cesto con i viveri ai poveri. Giovanni senza remore non esitò a obbedire e i genitori restarono esterrefatti nel costatare che quella cesta conteneva rose e fiori. Un segno che il Signore accordava al suo umile servo.

Accortosi di essere di peso alla famiglia, che non vedeva di buon occhio la sua profonda fede, Giovanni decise di abbandonare la casa e fuggire dal paese per seguire la strada che il Signore gli avrebbe indicato.

Appena diciottenne, mosso dal desiderio di approfondire la sua formazione filosofica e teologica, si recò a Parigi.

La solitudine e la contemplazione

Un’accreditata testimonianza afferma che Giovanni da Tufara si incontrò il conterraneo e compagno di giovinezza, beato Stefano Corumano di Riccia.

A Parigi, la vita mondana della città, il mondo di dotti e filosofi non rispondevano alle aspettative del beato Giovanni. Lui amava la solitudine perfetta, la contemplazione e il silenzio necessario per ascoltare la Parola di Dio. Decise di ritornare in Italia, a Tufara suo paesello, da dove avrebbe preso le mosse per appagare la sua sete di spiritualità.

Vendette tutto e distribuì ai poveri il ricavato. Abbandonò la sua casa e percorrendo per l’ultima volta le strade della sua Tufara varcò la porta del castello per dare l’ultimo addio a tutto ciò che lo legava al suo paese.

Incontrò un povero completamente nudo, con le mani protese verso di lui. Giovanni lo fissò attentamente, poi osservò se stesso e, preso da vergogna di ritrovarsi più ricco di quel poveretto, prese lo straccio di vestito che aveva addosso e rivestì il povero.

Completamente nudo, a passi maestosi, s’inoltrò verso le montagne boscose dove condusse vita solitaria e austera in tuguri e grotte.

Prese la sua croce

Preso dall’amore di Dio, rinnegò se stesso, prese la sua croce, assoggettò il corpo allo Spirito, digiunò, a volte, per l’intera settimana. Le sue giornate erano scandite dalla preghiera, dalla meditazione, dalla contemplazione, dalla lettura della Parola di Dio e dalla penitenza.

Trascorse la maggior parte della sua vita nelle grotte di Baselice nel beneventano. Molti uomini, attratti dal suo esempio e desiderosi di condurre una vita di contemplazione e di preghiera chiesero di unirsi a lui. Giovanni visto il fervore e la sincerità di questi uomini, diede origine ad una forma di vita comunitaria.

LEGGI: Preghiera e invocazione potente alla Madonna della Salute

La costruzione del monastero di Gualdo Mazzocca

Nel 1156 diede il via per la costruzione del monastero in “Gualdo Mazzocca” a Foiano (BN). Divenne un’abbaziache offriva contemplazione e preghiera, ma anche sostegno e aiuto concreto ai poveri e ai bisognosi.

La Morte

Nell’anno 1179, il 14 novembre, all’età di ottantasei anni, Giovanni da Tufara, colpito da forte febbre e spossato nella sua fibra pur resistente, alle ore nove morì.

Le ultime parole furono di pace e di amore. 

San Giovanni da Tufara: vita e preghiera
San Giovanni da Tufara: vita e preghiera (Fonte sangiovannieremita.it – FotografArt)

Il culto

Localmente si sviluppò un culto spontaneo subito dopo la morte dell’eremita.

Il 30 ottobre 2013 la Congregazione delle Cause dei Santi ha comunicato ufficialmente all’arcidiocesi di Benevento e al parroco di Foiano di Val Fortore che l’eremita Giovanni da Tufara deve essere invocato col titolo di santo, in quanto la canonizzazione è avvenuta, secondo la procedura all’epoca vigente, col rito della elevatio et translatio corporis officiato, il 28 agosto 1221, dai vescovi di Volturara, di Dragonara e di Montecorvino, su delega dell’Arcivescovo di Benevento, Ruggiero.

(Fonte santiebeati-it/Autore: Antonio Galuzzi – it.wikipedia.org)

Preghiera

O Beato Giovanni da Tufara,

torna ancora nel diletto Fortore

e dei tanti politici rischiara

la mente, per farti suo salvatore.

Per queste genti un futuro prepara

del presente e del passato migliore,

or che Tua missione anche a loro è chiara,

d’essere della valle protettore.

Insegna ai giovani l’amor del dono,

mostrando viveri mutati in fiori;

riscuoti l’ambiente, che giace prono,

spruzzando da terra sani liquori;

Tua guida assicura alla valle e sono

pronti della rinascita gli albori.

 

SAN GIOVANNI DA TUFARA PREGA PER TUTTI NOI!

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,914FansLike
19,967FollowersFollow
9,828FollowersFollow
2,330SubscribersSubscribe

News recenti

Vangelo di oggi, 6 Dicembre 2020

Vangelo. Lettura e Commento alla Parola di Domenica, 6 Dicembre 2020

Vangelo del giorno: Domenica, 6 Dicembre 2020 Lettura e commento al Vangelo di Domenica, 6 Dicembre 2020 - Mc 1,1-8: "Raddrizzate le vie del Signore." LEGGI:...