Home Testimonium Il Santo di oggi 14 Gennaio 2019 San Felice da Nola, sacerdote

Il Santo di oggi 14 Gennaio 2019 San Felice da Nola, sacerdote

San Felice di Nola fu il primo vescovo della diocesi di Nola. Viene venerato come santo e martire della Chiesa cattolica. 

San Felice da Nola

Etimologia: Felice = contento, dal latino

La vita

Tutto quello che si conosce di san Felice, ci è trasmesso dal santo vescovo Paolino. Il quale già devoto del santo, quando arrivò a Nola ed a Cimitile, gli dedicò ben 14 dei suoi carmi, che sono detti ‘natalizi’ (carmina natalizia) perché scritti dal 395 al 409 nella ricorrenza del ‘dies natalis’ della festa del santo, il 14 gennaio.

LEGGI ANCHE: 14 Gennaio 2019 – Il Vangelo del giorno


Il racconto poetico di Paolino è il primo documento storico della vita di san Felice, cioè la prima elaborazione scritta della tradizione orale, da lui appresa in zona.


Felice nacque a Nola nel III secolo da padre siro, trasferitosi dall’Oriente in Italia, molto ricco; aveva un fratello Ermia che scelse la carriera militare, mentre lui si consacrò a Cristo come presbitero.


Divenne fedele collaboratore del vescovo di Nola, Massimo, che durante l’ultima persecuzione contro i cristiani, lasciò Nola per rifugiarsi in luogo deserto, lasciando in città il prete Felice che voleva come suo successore.


Ma Felice fu imprigionato e torturato, poi liberato miracolosamente da un angelo che lo condusse nel luogo deserto, dove il vecchio vescovo Massimo era moribondo, consumato dagli stenti e dalle sofferenze. Lo rifocillò con il succo di uva miracolosa e poi caricatolo sulle spalle, lo riportò a Nola, affidandolo alle cure di una anziana cristiana.

Le nuove persecuzione e la scelta di una vita povera


Durante la sospensione della persecuzione, poté riprendere il suo ministero sacerdotale. Quando la persecuzione riprese, Felice fu di nuovo ricercato, ma egli sfuggì alla cattura rifugiandosi in una cisterna disseccata. Per sei mesi fu alimentato, senza essere conosciuto, da una pia donna.


Cessata definitivamente la persecuzione con la pace di Costantino (313), Felice ritorna a Nola, dove morto il vecchio vescovo Massimo viene candidato a succedergli, ma egli rifiuta a favore del prete Quinto, rinuncia anche ai beni che gli erano stati confiscati e trascorre il resto dei suoi giorni nella povertà e nel lavoro.

San Felice da NolaLa morte e il culto

Non si consce l’anno della sua morte. Alcuni dati dicono sotto Valeriano (258), ma come spiegare che sia lui, che il vescovo Massimo non furono uccisi, è probabile quindi che siano morti dopo la pace di Costantino, quindi dopo il 313.

San Felice fu comunque sempre venerato come martire, anche se non era stato ucciso. Certamente aveva tanto sofferto e solo miracolosamente aveva avuto salva la vita. La sua tomba fu detta “Ara Veritatis”, perché gli si attribuiva particolare efficacia per il trionfo della verità, contro gli spergiuri.

 

Autore: Antonio Borrelli

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

306,007FansLike
20,918FollowersFollow
9,829FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

Santa Rita Cascia preghiera 4 novembre 2019

Inizia la settimana invocando Santa Rita per i problemi impossibili! Preghiera...

Inizia questa nuova settimana invocando Santa Rita per i problemi impossibili! Preghiera del mattino, 8 marzo 2021 L’uomo quando arriva il buio della “notte” e...