Il Santo di oggi 14 Febbraio 2020 Santi Cirillo e Metodio, Compatroni di Europa

Oggi la Chiesa ricorda i Santi Cirillo e Metodio

Santi Cirillo e Metodio
Santi Cirillo e Metodio

Oggi è la memoria dei santi Cirillo e Metodio (fratelli e religiosi); sono considerati patroni di tutti i popoli slavi. Nell’ambito della Chiesa cattolica sono molto venerati in Slovenia, Slovacchia, in Croazia e nella Repubblica Ceca.

 

LEGGI: Oggi la Chiesa ricorda San Valentino, il santo degli innamorati

 

Nel 1980 Giovanni Paolo II con la lettera apostolica del 31 Dicembre 1980 Egregiae virtutis li elevò a compatroni dell’Europa, assieme a San Benedetto da Norcia.

 

Costantino, meglio noto con il nome monastico di Cirillo ( greco: Κύριλλος, Kýrillos , cirillico: Кирилъ, Kiril” ) (Tessalonica, 827 – Roma 14 febbraio 869) fu monaco, evangelizzatore di Pannonia e Moravia. Fu inventore dell’alfabeto glagolitico. È venerato come santo dalla Chiesa cattolica e dalla Chiesa ortodossa assieme al fratello Metodio.

Metodio (greco: Μεθόδιος, Methódios, cirillico: Меѳодїи, Metodjii) (Tessalonica, 815-820 – Velehrad, 6 aprile 885) fu vescovo e anch’egli evangelizzatore bizantino dei popoli Slavi.

 

La notizie sulle loro vite

Le poche notizie scritte relative ai due santi provengono principalmente da due Vitæ scritte in antico slavo ecclesiastico, chiamate anche Leggende Pannoniche, e dalla Leggenda italica, redatta in latino dal vescovo di Velletri Gauderico, sulla vita di San Clemente, le cui reliquie furono portate in Italia proprio da Cirillo e Metodio. Conserviamo poi le lettere inviate dai papi a Metodio.

Data la scarsità di fonti, sono nate numerose leggende legate alle due figure.

I due fratelli sono nati in Macedonia, a Tessalonica, seconda città dell’Impero bizantino. Provenivano da una nobile famiglia. La città a quell’epoca contava una forte presenza slava, dovuta alla massiccia invasione che poco tempo prima aveva investito le terre bizantine, provocando l’insediamento di numerose tribù nelle campagne e in numerosi centri e fortezze minori. I fratelli Cirillo e Metodio acquisirono così dimestichezza con la lingua dei popoli calati da nord.

Cirillo a Costantinopoli

Cirillo si trasferì presto, intorno all’842, a Costantinopoli per perfezionare gli studi di teologia e filosofia. Qui poi venne consacrato sacerdote, entrando a far parte del clero della basilica di Santa Sofia. 

Nel campo della linguistica, Cirillo, diede prova del suo genio: oltre alla lingua greca ed a quella slava, parlava correntemente anche il latino, il siriaco, l’arabo e l’ebraico.

Assieme a Fozio (suo amico) viaggiò in Oriente per importanti incarichi diplomatici presso gli Arabi di Samarra e i Cazari. Proprio durante un viaggio in Crimea, Cirillo, avrebbe rinvenuto le reliquie di papa Clemente I, lì esiliato e morto nell’anno 97.

Santi Cirillo e Metodio
Santi Cirillo e Metodio

Inviati ad evangelizzare la Pannonia

Fozio diventò patriarca di Costantinopoli nell’858 ed inviò Cirillo, assieme al fratello Metodio ad evangelizzare la Pannonia (antica regione nelle zone dell’Ungheria).

Alla fine dell’862, su richiesta del principe di Moravia, l’imperatore di Costantinopoli invitò i due fratelli a recarsi tra i kazari, presso i quali altri missionari latini avevano miseramente fallito. Cirillo e Metodio accettarono l’invito e, nell’analizzare i motivi degli insuccessi di chi li aveva preceduti (missione di Salisburgo), colsero l’importanza, anzi l’insostituibilità, di uno strumento linguistico con il quale trascrivere il messaggio cristiano. Maturarono e realizzarono così l’idea di un alfabeto per la lingua slava che ne era sprovvista.

Cirillo dunque si recò nel regno di Rastislav e incominciò a tradurre brani dal Vangelo di Giovanni inventando un nuovo alfabeto, detto glagolitico (da глаголь glagol’ che significa parola). Probabilmente già da anni stava elaborando un alfabeto per la lingua slava.

I popoli slavi poterono finalmente leggere la Bibbia, scrivere e pregare. E offrire il sacrificio eucaristico nella loro lingua. La «novità», inaudita nella chiesa cattolica dove tutti i riti si celebravano rigorosamente in lingua latina, procurò loro qualche guaio.

Nell’867 i due vennero convocati a Roma per discutere con papa Niccolò I dell’uso cultuale della lingua slava.

Lungo il viaggio sostarono nel Ducato di Venezia, dove si scontrarono con il clero locale, che rivendicava come lecite tre sole lingue sacre: latino, greco ed ebraico: le lingue parlate in Palestina all’epoca di Gesù. Costantino e Metodio opposero invece a queste argomentazioni il consolidato uso che si faceva in oriente di altre lingue liturgiche.

Costantino prende il nome di Cirillo e muore a Roma

A Roma, invece, i due trovarono una buona accoglienza. Portarono al pontefice in dono le reliquie di Papa Clemente I, morto in Crimea nel 97 e venerato come Santo. Niccolò I consacrò prete Metodio e approvò la traduzione della Bibbia in slavo, a patto che la lettura dei brani fosse preceduta dagli stessi passi espressi in Latino.

A Roma Costantino si ammalò e assunse l’abito monastico, prendendo il nome di Cirillo, qui morì il 14 febbraio del 869 e venne inumato presso la basilica di San Clemente.

San Metodio vescovo di Sirmium, poi incarcerato

Metodio ritornò in Moravia. In un altro viaggio a Roma è nominato vescovo e assegnato alla sede di Sirmiun (oggi Sremska Mitrovica). Intanto in Pannonia, a Rastislav successe il nipote, Sventopelk, per motivi politici iniziò così la persecuzione dei discepoli di Cirillo e Metodio, visti come portatori di un’eresia.

San Metodio stesso è  incarcerato per due anni in Baviera. Nel 885 anche Metodio morì; i suoi discepoli, incarcerati o venduti come schiavi a Venezia. Una parte di essi riuscì a fuggire in Bulgaria e in Dalmazia.

Fonte it.cathopedia.org

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome