Home Testimonium Il Santo di oggi 14 Aprile 2020 Santa Liduina, Vergine

Il Santo di oggi 14 Aprile 2020 Santa Liduina, Vergine

Oggi la Chiesa ricorda Santa Liduina, Vergine

Santa Liduina, Vergine
Santa Liduina, Vergine – Wikiwand

Oggi la Chiesa ricorda Santa Liduina, vergine e mistica olandese; il suo culto come santa è stato confermato nel 1890 da papa Leone XIII ed è una delle sante olandesi più venerate.

LEGGI: Lettura e commento al Vangelo di oggi

Emblema: Giglio

La vita

Liduina nasce a Schiedam il 18 marzo 1380; era l’unica figlia femmina di Peter, una guardia notturna, e Petronella, che avevano altri otto figli maschi.

All’età di 15 anni, a seguito di una caduta sul ghiaccio, restò paralizzata e trascorse il resto della sua vita a letto. L’invalidità aumentò progressivamente, e negli ultimi anni di vita poteva usare solo la mano sinistra.

Grazie al supporto di un sacerdote accetta la malattia ma chiede qualcosa, un segno dall’alto – come hanno fatto certi personaggi dell’Antico Testamento – che confermi la volontà divina. E lo ottiene, scrivono i suoi biografi, citando le testimonianze: sopra il suo capo appare splendente l’Ostia eucaristica. E la vedono anche parenti e vicini, i quali poi rifiutano di ascoltare il parroco, accorso anche lui, che parla di “frode del demonio”. Anzi, ricorrono al vescovo, che manda a Schiedam un altro sacerdote. Persone da ogni parte accorrono per vedere questa miracoli, ma non accadono più, lei stessa diventerà un miracolo e un esempio di mistica che come Gesù soffre e ama fino alla fine.

Secondo le agiografie Liduina avrebbe avuto le stigmate.

Liduina è la prima persona di cui si abbia notizia a cui furono riscontrati i sintomi della sclerosi multipla. Secondo altri autori presentava i sintomi dell’anoressia.

Per la sua forza d’animo molti contemporanei, specialmente malati cronici, andavano a trovarla per riceverne consiglio e conforto. Dopo la morte, la sua tomba è divenuta meta di pellegrinaggi.

Santa Liduina
Santa Liduina

La morte

Muore a Schiedam il 14 Aprile 1433 (settimana santa della Pasqua); subito dopo la sua morte nacque spontaneamente un culto popolare. Si costruì una cappella, le si fecero dei ritratti e si scrissero numerosi libri sulla sua vita. 

Il suo culto fu approvato nel 1650 e solennemente confermato da Leone XIII nel 1890. È la patrona dei malati cronici e dei pattinatori su ghiaccio.

Redazione Papaboys

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,853FansLike
19,463FollowersFollow
9,785FollowersFollow
2,330SubscribersSubscribe

News recenti

Vangelo di oggi, 26 Ottobre 2020

Vangelo. Lettura e Commento alla Parola di Lunedì, 26 Ottobre 2020

Vangelo del giorno - Domenica, 26 Ottobre 2020 Lettura e commento al Vangelo di oggi, 26 Ottobre 2020 - Lc 13,10-17: "Questa figlia di Abramo...