Il Santo di oggi 10 Gennaio 2019 Sant’Aldo, eremita

Sant’Aldo è vissuto probabilmente nei secoli intorno al Mille. Secondo una tradizione fu eremita e carbonaio a Carbonia presso Pavia.

Sant'Aldo - Eremita

Etimologia: Aldo = vecchio, inteso come esperto, saggio, dal longobardo

Di Sant’ Aldo, assai popolare nel nord, si conosce ben poco. Ignoriamo perfino il luogo e la data della nascita, e quando si vuol determinare l’epoca in cui visse si parla vagamente del sec. VIII.

LEGGI ANCHE: 10 Gennaio – Il Vangelo del giorno

Un dato sicuro è il luogo di sepoltura, a Pavia, dapprima la cappella di S. Colombano e poi la basilica di S. Michele.

Un’antica tradizione ce lo presenta come carbonaio ed eremita nel pressi di Pavia, a Carbonaria. L’inclusione di S. Aldo nei Martirològi dell’Ordine benedettino ha fatto supporre che egli sia stato monaco a Bobbio. I il celebre monastero fondato nel 614 da S. Colombano. Si trova a mezza strada tra il cenobio degli orientali e la comunità monastica creata un secolo prima da S. Benedetto.

Il punto d’incontro di queste due forme di ascesi sembra indicato dall’esperienza religiosa del santo eremita che commemoriamo, un orante dalle mani incallite e il volto annerito dalla fuliggine delle carbonaie.

I monaci irlandesi di S. Colombano non conducevano una vita eremitica in senso stretto. Ognuno si costruiva la propria capanna di legno e di pietre tirate su a secco, entro una cinta rudimentale, per isolarvici in solitaria contemplazione nelle ore dedicate alla preghiera. Poi ne usciva con gli attrezzi da lavoro per recarsi alle consuete occupazioni giornaliere e guadagnarsi da vivere tra gli uomini col sudore della fronte. Insomma, l’eremita si allontanava provvisoriamente dagli uomini per dare più spazio alla preghiera e riempire la solitudine esteriore con la gioiosa presenza di Dio. Ma non si estraniava dalla comunità, alla cui spirituale edificazione contribuiva con l’esempio della sua vita devota e anche con carità fattiva.

Possiamo quindi ritenere S. Aldo un felice innesto dello spirito benedettino con quello apportato dai fervidi missionari provenienti dall’isola di S. Patrizio, l’Irlanda, l'”isola barbara” trasformata in “isola dei santi” per la straordinaria fioritura del cristianesimo. S. Colombano ne aveva portato sul continente una primaverile ventata di nuova spiritualità. Si era cioè prodotto un movimento inverso a quello che aveva recato la buona novella nell’isola degli Scoti. Decine di monaci e di eremiti irlandesi, fattisi “pellegrini per Cristo”, in un esaltante scambio evangelico, da evangelizzati diventavano evangelizzatori.

Autore: Piero Bargellini

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome