Il Santo di oggi 1 Marzo 2019 San David di Menevia, Vescovo

San David di Menevia
San David di Menevia

A Saint David in Galles, san Davide, vescovo, che, imitando il modello e i costumi dei Padri d’Oriente, fondò un monastero, dal quale partirono moltissimi monaci ad evangelizzare il Galles, l’Irlanda, la Cornovaglia e la Bretagna.

San David di Menevia

Patronato: Galles

Emblema: Mitra, Pastorale, Colomba, Modellino

Grande figura di vescovo e monaco, evangelizzatore della Britannia, esimio rappresentante delle Chiese celtiche del Galles.

 

LEGGI ANCHE: 1 Marzo – Il Vangelo di oggi

La vita

Visse nel secolo VI e sarebbe morto nel 601; sebbene sia citato in documenti dei secoli VIII – X, una sua biografia fu scritta solo nel secolo XI da un certo Rhygyfarch, essa risulta molto fantasiosa e ricalca quella di San Benedetto.

David era figlio di Sant e Nonna e nacque nella valle di Rhos. Educato ed istruito da s. Iltut e poi da Paolino. Ordinato sacerdote e si ritirò in un’isola solitaria dove stette per dieci anni, dedito allo studio della Sacra Scrittura.

In seguito abbracciò la vita monastica e ed evangelizzò la Britannia, nome latino della Gran Bretagna, abitata ancora da popolazioni celtiche. Fondò dodici monasteri, nei quali instaurò una vita comunitaria, austera, densa di studio, lavoro e preghiera.
Scampò ad un tentativo di avvelenamento da parte dei monaci, forse per la troppa austerità (stranamente a quei tempi, si cercava di risolvere così qualche problema di insofferenza, risulta anche qualche altro caso); andò a Gerusalemme, dove fu consacrato vescovo.

Ritornato in patria succedette a s. Dubricio come vescovo di Caerlon, da dove poi si trasferì alla sede di Menevia; fu molto influente sulla vita monastica del Galles, presiedendo a parecchi sinodi, nei quali furono prese delle decisioni disciplinari e teologiche, importanti per le Chiese celtiche.

San David di Menevia

La morte e il culto

Anche se è difficile crederci, David ha avuto una vita lunga ben 147 anni. Il suo sepolcro è presto una meta di pellegrinaggi. A lui furono intestate molte chiese nel Galles, nell’Irlanda e Inghilterra.

Quasi quattro secoli dopo la sua morte, nel 966 il suo corpo fu traslato a Glastonbury.  Nei calendari celtici ed irlandesi e nel ‘Martirologio Geronimiano’ è celebrato il 1° marzo.

Del monastero e della chiesa, da lui fondati a Menevia, oggi Saint-David, non rimane più nulla; l’unica opera iconografica dove è raffigurato, sono gli affreschi della chiesa di Saint-Divy di Landerneau, nel miracolo operato quando la terra, dove era poggiato per predicare, si sollevò a formare una collina e la colomba dello Spirito Santo venne a posarsi sulla spalla.

Autore: Antonio Borrelli

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome