Il Santo del giorno 15 Settembre: Beata Vergine Maria Addolorata. Culto e Preghiera

Beata Vergine Maria Addolorata
Beata Vergine Maria Addolorata (jesusario.blogspot.com -Parroquia de San Julián / Asociación de Nuestra Señora de los Dolores Toro - Zamora)

La Chiesa ricorda la Beata Vergine Maria Addolorata

 La La data della festa liturgica è variata nei secoli e dal 1913 è fissata al 15 settembre.

(Fonte santiebeati.it – Autore: Antonio Borrelli)

Il culto

Con il titolo di Beata Vergine Maria Addolorata (in latino Mater dolorosa), la Chiesa, ricorda la vicinanza e il dolore della Madonna alle sofferenze e ai sacrifici del figlio Gesù, in particolare con la sua presenza ai piedi della croce durante la passione e morte.

La devozione alla Madonna Addolorata, che trae origine dai passi del Vangelo, dove si parla della presenza di Maria Vergine sul Calvario, prese particolare consistenza a partire dalla fine dell’XI secolo e fu anticipatrice della celebrazione liturgica, istituita più tardi.

LEGGI ANCHE: La preghiera ai 7 Dolori della Vergine Maria

Con il libro “Liber de passione Christi et dolore et planctu Matris eius” (di autore ignoto ma erroneamente attribuito a San Bernardo) iniziarono le composizioni sul tema del Pianto della Vergine. Nel XII secolo, anche a seguito di apparizioni della Madonna, si ebbe un incremento di questo culto e ci fu la stesura della Stabat Mater’ in latino (preghiera, più precisamente una sequenza), attribuito a Jacopone da Todi, il quale compose in lingua volgare anche le famose ‘Laudi’; da questa devozione ebbe origine la festa dei “Sette Dolori di Maria Santissima.”

Nel secolo XV si ebbero le prime celebrazioni liturgiche sulla “compassione di Maria” ai piedi della Croce, collocate nel tempo di Passione.

La diffusione del culto

A metà del secolo XIII, nel 1233, sorse a Firenze l’Ordine dei frati “Servi di Maria”, fondato dai santi Sette Fondatori e ispirato dalla Vergine; l’Ordine, che già nel nome si qualificava per la devozione alla Madre di Dio, si distinse nei secoli per l’intensa venerazione e la diffusione del culto dell’Addolorata.

Il 9 giugno del 1668, la Sacra Congregazione dei Riti permetteva all’Ordine di celebrare la Messa votiva dei sette Dolori della Beata Vergine, facendo menzione nel decreto che tali frati, portavano l’abito nero in memoria della vedovanza di Maria e dei dolori che essa sostenne nella passione del Figlio.

Successivamente, papa Innocenzo XII, il 9 agosto 1692 autorizzò la celebrazione dei Sette Dolori della Beata Vergine la terza domenica di settembre.

Ma la celebrazione ebbe ancora delle tappe, man mano che il culto si diffondeva.

Il 18 agosto 1714 la Sacra Congregazione approvò una celebrazione dei Sette Dolori di Maria, il venerdì precedente la Domenica delle Palme.

Papa Pio VII, il 18 settembre 1814, estese la festa liturgica della terza domenica di settembre a tutta la Chiesa, con inserimento nel calendario romano.

Infine papa Pio X (1904-1914), fissò la data definitiva del 15 Settembre, subito dopo la celebrazione dell’Esaltazione della Croce (14 settembre). Con memoria non più dei “Sette Dolori”, ma più opportunamente come “Beata Vergine Maria Addolorata”.

Beata Vergine Maria Addolorata
Beata Vergine Maria Addolorata (Paolo Curtaz)

Le devozioni

Tradizionalmente, dalla lettura dei Vangeli, i cristiani hanno enucleato sette dolori affrontati da Maria.

1) La profezia dell’anziano Simeone, quando Gesù fu portato al Tempio “E anche a te una spada trafiggerà l’anima”.

2) La Sacra Famiglia è costretta a fuggire in Egitto “Giuseppe destatosi, prese con sé il Bambino e sua madre nella notte e fuggì in Egitto”.

3) Il ritrovamento di Gesù dodicenne nel Tempio a Gerusalemme “Tuo padre ed io angosciati ti cercavamo”. 

4) Maria addolorata, incontra Gesù che porta la croce sulla via del Calvario.

5) La Madonna ai piedi della Croce in piena adesione alla volontà di Dio, partecipa alle sofferenze del Figlio crocifisso e morente. 

6) Maria accoglie tra le sue braccia il Figlio morto deposto dalla Croce. 

7) Maria affida al sepolcro il corpo di Gesù, in attesa della risurrezione.

La liturgia e la devozione hanno compilato anche le Litanie dell’Addolorata.

La Vergine è implorata in tutte le necessità, riconoscendole tutti i titoli e meriti della sua personale sofferenza.

LEGGI ANCHE: Recita la ‘Via Matris dolorosa’ e mettiti in cammino con la Vergine

La “Via Matris” e le processioni

La tradizione popolare ha identificato la meditazione dei Sette Dolori, nella pia pratica della ‘Via Matris’, che al pari della Via Crucis, ripercorre le tappe storiche delle sofferenze di Maria. Sempre più numerosi sorgono questi itinerari penitenziali.

Specialmente in prossimità di Santuari Mariani, rappresentati con sculture, ceramiche, gruppi lignei, affreschi.

Le processioni penitenziali, tipiche del periodo della Passione di Cristo, comprendono anche la figura della Madre dolorosa che segue il Figlio morto, l’incontro sulla salita del Calvario, Maria posta ai piedi del Crocifisso. In certi Comuni le processioni devozionali, assumono l’aspetto di vere e proprie rappresentazioni altamente suggestive specie quelle dell’incontro tra il simulacro di Maria vestita a lutto e addolorata e quello di Gesù che trasporta la Croce tutto insanguinato e sofferente. 

Come viene raffigurata?

Di solito è vestita di nero per la perdita del Figlio, con una spada o con sette spade che le trafiggono il cuore.

Altro soggetto molto rappresentato è la Pietà, penultimo atto della Passione, che sta fra la deposizione e la sepoltura di Gesù. Il termine “Pietà” sta ad indicare nell’arte, la raffigurazione dei due personaggi principali Maria e Gesù, la madre e il figlio; Maria lo sorregge adagiato sulle sue ginocchia, oppure sul bordo del sepolcro insieme a San Giovanni apostolo (famosa nel mondo è La Pietà di Michelangelo).

 Nel Santuario dell’Addolorata di Castelpetroso (Isernia), secondo l’apparizione del 1888, Gesù è adagiato a terra e Maria sta in ginocchio accanto a lui e con le braccia aperte lo piange e lo offre nello stesso tempo.

Preghiera

Regina dei martiri, che sostenesti i più atroci dolori e compisti nel tuo cuore il più eroico dei sacrifici, io voglio unire le mie pene alle tue.

Vorrei essere vicina a te come san Giovanni e le pie donne per consolarti della perdita del tuo Gesù. Purtroppo riconosco che anch’io con i miei peccati sono stato causa della morte del tuo Figlio diletto.

Ti chiedo perdono, o madre addolorata. Accetta in riparazione l’offerta che io ti faccio di me stesso, e il proposito di volerti sempre amare per l’ avvenire.

Metto nelle tue mani tutta la mia vita; fa’ che io possa farti amare anche da tante anime che vivono lontane del tuo Cuore materno. Amen.

Redazione Papaboys 3.0

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome