Pubblicità
HomeTestimoniumIl Santo del 18 Giugno. San Gregorio Giovanni Barbarigo: il prete che...

Il Santo del 18 Giugno. San Gregorio Giovanni Barbarigo: il prete che aiutò Roma nella peste. Preghiera per invocarlo!

San Gregorio Giovanni Barbarigo: vita e preghiera

Gregorio Giovanni Gaspare Barbarigo è stato un cardinale e vescovo cattolico italiano che è venerato come santo dalla Chiesa cattolica.

La storia

Nasce a Venezia il 16 settembre 1625 da una ricca e influente famiglia veneziana; suo padre, Giovanni Francesco Barbarigo, era senatore della Repubblica di Venezia e fervente cattolico invece sua madre, Chiara Lion, morì di peste quando Gregorio aveva appena due anni.

Il padre lo iniziò all’educazione nelle scienze belliche e nelle scienze naturali e gli fece completare un corso di diplomazia.

Nel 1643, al’età di 18 anni, accompagnò l’ambasciatore veneziano Alvise Contarini a Münster in Germania per le negoziazioni in preparazione della Pace di Vestfalia che pose termine alla Guerra dei trent’anni. A Münster conobbe l’arcivescovo Fabio Chigi, nunzio apostolico in Germania e futuro papa Alessandro VII, che partecipava alle negoziazioni. Dopo tre anni, nel 1646, tornò a Venezia, e continuò gli studi a Padova.

All’Università degli Studi di Padova studiò greco, matematica, storia, filosofia, e ottenne un dottorato in utroque iure (diritto civile e in diritto canonico) il 25 settembre 1655.

Sacerdote

Nei suoi progetti, desiderava diventare religioso, ma il suo direttore spirituale gli consigliò di intraprendere la via per diventare prete diocesano, perché vedeva in lui le doti del parroco. Fu ordinato presbitero il 21 dicembre 1655 all’età di trent’anni.

Il papa Alessandro VII lo chiamò poco tempo dopo a Roma nel 1656. Gli conferì l’incarico di “prelato domestico di sua santità” e gli affidò altri incarichi tra i quali la guida del Tribunale della Segnatura Apostolica.

La peste a Roma

Nel maggio 1656 scoppia a Roma la peste bubbonica, che dura fino all’agosto 1657, facendo migliaia di vittime. Il papa Alessandro VII (Fabio Chigi), che era a Castelgandolfo, torna subito nell’Urbe e si fa vedere in giro anche a piedi, per incoraggiare i romani. A dirigere i soccorsi in Trastevere, epicentro del contagio, sceglie il prete trentunenne Gregorio Barbarigo, di famiglia veneziana. E sa quello che fa. Era nunzio papale a Münster (Germania) nel decennio precedente, per la pace dopo la Guerra dei Trent’anni; e lì ha conosciuto il giovane Barbarigo, allora segretario dell’ambasciatore di Venezia. Lo ha poi consigliato negli studi, fino al sacerdozio. Infine, eletto Papa nel 1655, lo ha chiamato a Roma. Se ne fida come di sé stesso, e perciò lo manda tra gli appestati di Trastevere.

Lui obbedisce, senza però nascondere la paura. Ne scrive anche a suo padre. Ma quando vede come vive e muore quella gente, sa farsi capo, guida, fratello; è prete, infermiere, seppellitore, è il padre dei trasteverini.

Il Papa nel 1657 lo nomina vescovo di Bergamo ma prima di acconsentire, Gregorio Barbarigo chiese che lo si lasciasse celebrare prima una Messa nella quale chiedere a Dio che gli rivelasse ciò che doveva fare. Durante questa Messa avvertì che il Signore lo invitava ad accettare il nuovo incarico. Fu così eletto vescovo il 9 luglio e ordinato il 29 luglio 1657.

San Gregorio Giovanni Barbarigo: vita e preghiera
San Gregorio Giovanni Barbarigo: vita e preghiera

Giunto a Bergamo chiese che si desse ai poveri ciò che si sarebbe speso per i festeggiamenti del suo ricevimento. In seguito vendette tutti i suoi averi e li distribuì ai bisognosi. 

Nel 1658 diventa cardinale. In diocesi prende a modello Carlo Borromeo, con un appassionato accento personale nell’istruzione religiosa.

Viene poi nominato vescovo di Padova (1664). Nella città del grande Ateneo dà slancio al grande Seminario: stimola la formazione teologica e biblica e la vuole arricchita di sapere classico, di scienza e di familiarità con le lingue; dà ai chierici una ricchissima biblioteca e crea una tipografia anche con caratteri greci e orientali, gettando ponti culturali tra Europa e Asia. Al tempo stesso, dice un testimone, “mangia con la servitù e non lascia mai d’insegnare la dottrina cristiana, di fare missioni e assistenza a’ moribondi”.

Sui costumi del clero, poi, davvero non scherza. Venne incaricato da papa Innocenzo XI di ispezionare un convento romano chiacchierato.

Due volte è sul punto di diventare Papa, e dice sempre di no. Per lui, vivere è Padova, è lo studio, è la carità. È suonare la campana del catechismo ai bambini, preparando banchi e sedie da sé, per la gioia di educarli personalmente alla fede; come un tempo accudiva con le sue mani gli appestati di Trastevere.

La morte e il culto

Muore il 17 giugno 1697 e fu esposto e sepolto nella cattedrale di Padova. Gregorio viene beatificato da Clemente XIII nel 1761. Poi tutto si ferma per 150 anni.

Nel 1911 giungono a Pio X appelli per la sua canonizzazione, e uno di essi ha tra i firmatari anche il “prof. sac. Angelo Roncalli” di Bergamo. Il quale ancora non sa che deve passare un altro mezzo secolo ancora. E che infine sarà lui, col nome di Giovanni XXIII, a proclamare santo Gregorio, il 26 maggio 1960, in San Giovanni in Laterano, con un lieve, elegante accenno alla lunga attesa:

Noi amiamo felicitarci devotamente con lui scorgendolo elevato dalla Santa Chiesa al posto suo“. (Fonte www.santiebeati.it -it.wikipedia.org)

LEGGI ANCHE: La testimonianza: ‘Mi sento miracolato per due volte da Sant’Antonio’

Preghiera

O Gesù, Sacerdote Sommo ed Eterno, che avete voluto continuare il Vostro ministero di redenzione e santificazione delle anime per mezzo del Sacerdozio Cattolico da Voi istituito e che ci avete insegnato a pregare Il padrone della messe perchè mandi operai alla sua messe, noi Vi preghiamo di voler suscitare numerose sante vocazioni al sacerdozio.

Vi preghiamo per il Seminario, destinato ad accogliere e coltivare i Vostri eletti. Mandate su questo cenacolo il Vostro Spirito, la Vostra luce e verità, i Vostri aiuti: fate ch’esso possa preparare alla Vostra vigna operai emuli di quegli Apostoli, che educaste alla scuola del Vostro Cuore.

E Vi preghiamo per il Clero: mantenete sempre i ministri Vostri, i dispensatori dei divini misteri all’altezza della loro missione, e fate che alla loro missione divina corrispondano generosamente e fedelmente le anime!

Con Voi e per mezzo Vostro supplichiamo l’Eterno Padre: Custoditeli nel vostro nome, guardateli dal male consacrateli nella verità. Amen.

Al termine puoi chiedere una grazia a Sant’Antonio

Per iscriverti gratuitamente al canale YouTube della redazionehttps://bit.ly/2XxvSRx ricordati di mettere il tuo ‘like’ al video, condividerlo con gli amici ed attivare le notifiche per essere aggiornato in tempo reale sulle prossime pubblicazioni.
Non dimenticare di iscriverti al canale (è gratuito) ed attivare le notifiche

Informazioni sulla Donazione

Vorrei fare una donazione del valore di :

€100€50€10Altri

Vorrei che questa donazione fosse ripetuta ogni mese

Informazioni sulla donazione

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,867FansLike
20,918FollowersFollow
9,961FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

Ogni Giorno Una Lode a Maria, 26 luglio 2021: Santa Maria Annunziata a Firenze, prega per noi

Ogni Giorno Una Lode a Maria, 26 luglio 2021: Santa Maria...

Salve, o raggio del sole spirituale; salve, o dardo della luce che non tramonta! Salve, o baleno che illumini le anime; salve, o folgore che...