Home News Musicae et Ars Il racconto choc di Rita Pavone. Viva per miracolo: ho rischiato di...

Il racconto choc di Rita Pavone. Viva per miracolo: ho rischiato di morire

Rita Pavone ha rischiato di morire lo scorso anno

Tutto ha avuto inizio con delle fitte al petto che ha trascurato ha raccontato Rita Pavone

LEGGI ANCHE: La più bella preghiera scritta da un sacerdote per ringraziare il 2020. Leggila è bellissima, ti stupirà..

LA STORIA – Rita Pavone, lo scorso anno, gareggiò al Festival di Sanremo con il brano Niente (Resilienza 74). La scelta del titolo non è stata casuale: il numero indica la sua età mentre il termine ha il suo significato puro. Secondo il dizionario della lingua italiana, indica la capacità di un individuo di affrontare e superare un periodo di estrema difficoltà. 

Rita Pavone
Rita Pavone

La cantante rivelò a Mara Venier che ha vissuto un momento traumatico perché è stata a un passo dalla morte. Tutto ha avuto inizio con delle fitte al petto che ha trascurato, dopodiché a un tratto è caduta a terra. Per fortuna è stata subito soccorsa da medici professionisti che l’hanno riportata al mondo sana e salva.

Dopo essere scampata a una morte certa, non voleva più mostrarsi in pubblico. Ha sofferto una sorta di crisi, ma grazie all’amico Renato Zero ha deciso di esibirsi al Teatro Ariston. (Fonte meteoweek.com/Maria Giordano)

Il testo della canzone

Niente, qui non succede proprio niente
E intanto il tempo passa e se ne va
Meglio cadere sopra un’isola o un reality che qualche stronzo voterà
Niente, adesso non ricordo niente
Fammi sentire che sapore ha
E la mia testa sul cuscino certe notti vuoi sapere quanto male fa
Male fa, male fa (and I like it, I like it)
Male fa, male fa (yes I like it, I like it)
Non hai mai saputo spezzarmi, travolgermi
Resto qui nel fitto di un bosco
E il tuo vento non mi piegherà
Qui non succede proprio niente
Pensavo
Che ad ogni seme piantato corrispondesse un frutto
Dopo ogni fiato spezzato ricominciasse tutto
Che la parola di un uomo valesse oro e invece
Trova un amico ma non toccargli il tesoro
Niente, non ci ho capito proprio niente
Ma anche l’orgoglio si rimargina
Picchia più forte, non lo vedi che sto in piedi
Non ti accorgi che non servirà
Non hai mai saputo spezzarmi, travolgermi
Resto qui nel fitto di un bosco
E il tuo vento non mi piegherà
I love you, I love you, I love you, I love you, I love you
I love you.
Non hai mai saputo spezzarmi, travolgermi
Resto qui nel fitto di un bosco
E il tuo vento non mi piegherà
Mai più
Il vento non mi piegherà mai più
Il vento non mi piegherà
Qui non succede proprio niente…

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

306,035FansLike
20,431FollowersFollow
9,829FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

Vangelo di oggi, 17 Gennaio 2021

Vangelo. Lettura e Commento alla Parola di Domenica, 17 Gennaio 2021:...

Il Vangelo di oggi: Domenica, 17 Gennaio 2021 Lettura e commento al Vangelo del giorno, Domenica 17 Gennaio 2021 - Gv 1,35-42: "Videro dove dimorava...