Pubblicità
HomeNewsRes Publica et SocietasIl piccolo Mustafa è mutilato dalla guerra in Siria. E l'Italia si...

Il piccolo Mustafa è mutilato dalla guerra in Siria. E l’Italia si mobilita per sostenerlo

Da quella foto simbolo è partita una raccolta fondi per comprare delle protesi al piccolo e la politica si sta muovendo per offrirgli cure e ospitalità. Raggiunti circa 27mila euro – riferisce il TgCom24 – in una settimana.

Un padre, mutilato della gamba destra, che tiene in braccio il figlio, sorridente, senza nessuno degli arti. Sono Munzir al-Nazzal e Mustafa, protagonisti della foto che ha vinto il Siena Photo Awards e simbolo del dramma della guerra in Siria. Ora, quell’immagine, potrebbe cambiargli la vita: subito è partita una raccolta fondi per comprare delle protesi al piccolo Mustafa e l’Italia si sta muovendo per offrirgli cure e ospitalità. 

Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, si è messo a disposizione. “Il sistema sanitario del Lazio – ha scritto in un tweet –  è disponibile ad accogliere e prendere in carico Mustafa per garantirgli cure e una vita migliore”. Ma non è il solo politico. La Repubblica scrive che “la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese ha dato mandato al capo del Dipartimento per l’Immigrazione di studiare una soluzione per portare nel nostro Paese Mustafa e la sua famiglia”. Anche la Farnesina, insieme con l’ambasciata di Istanbul, si sta interessando del caso.

Informazioni sulla Donazione

Vorrei fare una donazione del valore di :

€100€50€10Altri

Vorrei che questa donazione fosse ripetuta ogni mese

Informazioni sulla donazione

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,867FansLike
20,918FollowersFollow
10,154FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

Il Vangelo di oggi, 27 novembre 2021

Vangelo: ‘Vegliate perché abbiate la forza di sfuggire a..’. Lettura e...

Il Vangelo del giorno: Sabato, 27 novembre 2021 Lettura e commento al Vangelo di oggi - Lc 21,34-36: "Vegliate, perché abbiate la forza di sfuggire...