Pubblicità
HomeSenza categoriaIl Papa ai leader religiosi: il dialogo è fattore di unità

Il Papa ai leader religiosi: il dialogo è fattore di unità

Il Papa ai leader religiosi: il dialogo è fattore di unità“Il dialogo è una scuola di umanità e un fattore di unità, che aiuta a costruire una società fondata sulla tolleranza e il mutuo rispetto”. E’ quanto ha affermato Papa Francesco incontrando nel pomeriggio, nella sede del Centro internazionale studentesco francescano di Sarajevo, i rappresentanti delle confessioni religiose presenti in Bosnia ed Erzegovina. L’incontro è stato scandito dalla preghiera per la pace nel Paese e in tutto il mondo. Il servizio di Amedeo Lomonaco per la Radio Vaticana:

“Noi, discendenti di Abramo secondo la fede in Te, unico Dio,
ebrei, cristiani e musulmani,
umilmente siamo davanti a Te
e con fiducia
Ti preghiamo
per questo Paese, la Bosnia ed Erzegovina,
affinché possano abitarvi in pace e armonia
uomini e donne credenti di diverse religioni, nazioni e culture.
Ti preghiamo, o Padre, perché ciò avvenga
in tutti i Paesi del mondo!”

La preghiera per la pace è stata il fulcro dell’incontro ecumenico ed interreligioso.  Questo incontro – ha detto il Papa – è “segno di un comune desiderio di fraternità e di pace” e “testimonianza di un’amicizia” costruita negli anni. E’ un messaggio di “quel dialogo che tutti cerchiamo e per il quale lavoriamo”. Nel dialogo interreligioso – ha spiegato il Pontefice – “si condivide la quotidianità dell’esistenza”, si assumono “responsabilità comuni”, si progetta “un futuro migliore” imparando “a vivere insieme, a conoscersi e ad accettarsi nelle rispettive diversità”. “Il dialogo – ha aggiunto il Santo Padre – è una scuola di umanità”:

“Per questo motivo, il dialogo interreligioso non può limitarsi solo a pochi, ai soli responsabili delle comunità religiose, ma dovrebbe estendersi quanto più è possibile a tutti i credenti, coinvolgendo le diverse sfere della società civile”.

E in tal senso un’attenzione particolare – ha osservato Papa Francesco – meritano “i giovani, chiamati a costruire il futuro di questo Paese”.Il dialogo, per essere autentico ed efficace, “presuppone una identità formata”. Esortando a continuare a percorrere il “cammino del perdono e della riconciliazione” e a fare giusta memoria del passato per imparare le lezioni della storia senza rimpianti e recriminazioni, il Santo Padre ha poi affermato che Sarajevo, nel recente passato diventata “un simbolo della guerra”, oggi “può diventare nuovamente segno di unità”:

“Questa terra può diventare un messaggio: attestare che è possibile vivere uno accanto all’altro, nella diversità ma nella comune umanità, costruendo insieme un futuro di pace e di fratellanza”.

Durante l’incontro Papa Francesco ha ricordato, in particolare, la preziosa opera del Consiglio per il dialogo interreligioso, istituito nel 1997, che riunisce musulmani, cristiani ed ebrei.

A cura di Redazione Papaboys fonte: Radio Vaticana / livetwitting di Alessandro Ginotta

Informazioni sulla Donazione

Vorrei fare una donazione del valore di :

€100€50€10Altri

Vorrei che questa donazione fosse ripetuta ogni mese

Informazioni sulla donazione

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,867FansLike
20,918FollowersFollow
10,021FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

San Gennaro: il vescovo tanto amato a Napoli

Oggi, 19 Settembre, è San Gennaro: storia, prodigi e miracolo del...

San Gennaro: il vescovo tanto amato a Napoli San Gennaro fu un vescovo e martire cristiano, venerato come santo dalla chiesa cattolica, che ne celebra...