Il Natale nelle principali diocesi italiane

Milano, card. Scola: Gesù vince ogni paura. Educarsi alla gratuità
È un Natale di festa, ma anche di preghiera e riflessione quello che si celebra oggi nelle principali diocesi italiane. Tanti i fedeli che, in diverse città, hanno partecipato alle Messe della Notte e del Giorno per celebrare la nascita di Gesù.

Duomo di Milano

Torino, mons. Nosiglia: Natale non è consumismo. Testimoniare fede con carità
Di accoglienza ha parlato, invece, il Patriarca di Venezia, Francesco Moraglia: nel suo messaggio natalizio, il presule ha sottolineato che il Presepe è “un richiamo all’attenzione per i deboli ed alla riconciliazione, in opposizione all’individualismo che crea divisione e scarto”. “Il Natale – ha aggiunto – ci indica la strada per un’umanità nuova”. Dal suo canto, l’arcivescovo di Torino, mons. Cesare Nosiglia, nella Messa celebrata stamani in Cattedrale, ha esortato i fedeli a non ridurre il Natale ad “una festa buonista o al consumismo sfrenato”, incoraggiandoli così ad “andare controcorrente e fare concreti gesti di solidarietà verso i più poveri”. Centrale anche l’appello a non vergognarsi mai di essere cristiani, ma a dare “una buona testimonianza di fede” mediante “la carità”.

Bologna, mons. Zuppi: non dimenticare il dramma dei cristiani in Iraq e Siria
Clima di preghiera anche a Bologna, per il primo Natale di mons. Matteo Zuppi come arcivescovo della città: alla Messa della Notte celebrata nella Cattedrale di San Pietro, il presule ha ricordato il dramma dei profughi siriani “che scappano dalla guerra”, “i cristiani in Iraq colpiti doppiamente dalla violenza” ed “il buio” di chi non ha lavoro o rischia di perderlo. “Sarà Natale – ha detto l’arcivescovo – quando uno straniero scoprirà di avere una casa lontano dalla sua e quando la solidarietà  abbatterà il muro” dell’emarginazione.

Napoli, card. Sepe: senza lavoro, non c’è dignità. Appello alla pace
Dall’arcivescovo di Campobasso-Bojano, mons. Giancarlo Bregantini, arriva invece l’esortazione ad “aprire il cuore”, perché oggi “si proclama la democrazia”, ma poi “non si vive da fratelli. E la porta aperta per il Giubileo fa poi fatica ad aprirsi nelle nostre case”. Si sofferma, al contrario, sul dramma della disoccupazione il card. Crescenzio Sepe, arcivescovo di Napoli che, in un breve video-messaggio natalizio, ribadisce: “Finché non diamo il lavoro, non rispettiamo la dignità”. Di qui, l’appello alle istituzioni affinché abbiano come priorità il tema dell’occupazione. L’auspicio del card. Sepe è anche che Napoli ritrovi la pace fondata su rispetto, dialogo e solidarietà.

Card. Sepe

Palermo, Mons. Lorefice: Natale è stare dalla parte degli esclusi
Anche il neo arcivescovo di Palermo, mons. Corrado Lorefice, ha rivolto un video-messaggio natalizio ai suoi fedeli: “Celebrare il Natale – ha detto – significa deporre ai piedi della mangiatoia ogni potenza, ogni vanità, ogni presunzione”, perché Dio è “Colui che sta in basso”, come il Bambino “posto nella mangiatoia”. Per celebrare degnamente la Natività, allora – è l’invito del presule – bisogna “stare dalla parte di chi, come Gesù, porta i segni dell’emarginazione, della sofferenza e dell’esclusione”.


Redazione Papaboys (Fonte it.radiovaticana.va/I.P.)

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni con il cuore, senza interessi economici o politici, solo perché il cuore ci chiama a farlo. CI DAI UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome