Il giubileo straordinario visto dalla Siria. Dio abbia misericordia di loro

siria-christian-syriaL’annuncio del Giubileo straordinario della misericordia ha avuto un effetto particolare tra i cristiani della Siria, che si trovano a vivere in condizioni di sofferenza dopo cinque anni di conflitto armato nel Paese. «Invochiamo e mendichiamo la misericordia di Dio per noi stessi, per la Chiesa di qui, per tutti i nostri amici e compagni di strada, e anche per tutti coloro che commettono cose atroci tirando in ballo il nome di Dio: che Dio stesso abbia davvero misericordia di noi e di loro, e tocchi i cuori di tutti».

È stato questo il commento, diffuso dall’agenzia Fides, del vescovo Georges Abou Khazen, vicario apostolico di Aleppo per i cattolici di rito latino.

«Per tutti noi — ha proseguito — fare esperienza della misericordia di Dio è una questione vitale, da mendicare come una cosa che ci è necessaria per vivere: solo chi fa esperienza della misericordia di Dio può essere poi misericordioso con gli altri, e farsi loro incontro per aiutarli».

«Il dolore e la sofferenza degli innocenti — ha aggiunto il vicario apostolico — ci appaiono assurdi, e di per sé possono indurire e spegnere anche i cuori più generosi, fino a farli incattivire. Solo il miracolo della misericordia può risanare le ferite altrimenti mortali della nostra anima, e produrre frutti di conversione e riconciliazione. Papa Francesco ripete che la misericordia non è un atteggiamento pastorale, ma è la stessa sostanza del Vangelo. E questo, nella condizione in cui siamo ad Aleppo, lo percepiamo tutti i giorni, fin nelle pieghe più intime delle nostre vite».

Fonte: L’Osservatore Romano

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni con il cuore, senza interessi economici o politici, solo perché il cuore ci chiama a farlo. CI DAI UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome