Il giorno più triste. Ai funerali del piccolo Julen tutto il dolore di mamma e papà. E tutti noi

E’ il giorno del dolore. I funerali di Julen Rosello sono stati celebrati al cimitero di El Palo. Julen è il bambino caduto in un pozzo lo scorso 13 gennaio nei dintorni di Malaga, a Totalan, e recuperato cadavere dopo 13 giorni.

julen-news.ultima.26.01.2019

La sepoltura è avvenuta alle 13.30, preceduta da una cerimonia religiosa. Dopo l’autopsia, avvenuta il giorno stesso del ritrovamento del corpicino e dalla quale è emerso che il piccolo è morto lo stesso giorno della caduta dopo aver battuto la testa, Julen è stato trasferito nel pomeriggio al cimitero di El Palo.

«Non c’erano mai state così tante persone in questa casa di pompe funebri», ha riferito una presente, mentre corone di fiori e palloncini con il nome di Julen continuavanono ad arrivare.
«Siamo stati qui tutta la notte. E’ stato molto difficile. Ma siamo molto grati a tutti i nostri vicini di El Palo. Ci sono stati vicini per tutto questo tempo. E’ incredibile quante brave persone ci siano qui» , ha detto un cugino della madre di Julen.

Julen.papà

Tredici giorni di angoscia, speranza, paura. Ma il miracolo non c’è stato. E, alla fine, quando la squadra di soccorritori che ha lavorato senza sosta in condizioni al limite dell’impossibile è riuscita a raggiungere il piccolo Julen, all’1.25 della notte scorsa, ha trovato quello che tutti avevano temuto fin dall’inizio: un corpicino senza vita.

L’autopsia condotta all’Istituto di Medicina Legale di Malaga, secondo i primi risultati, ha stabilito che il piccolo è morto il giorno stesso della caduta e che il corpo presenta un «trauma cranio-encefalico importante», oltre a molteplici lesioni. Il bimbo di due anni caduto il 13 gennaio in un pozzo largo 25 centimetri e profondo oltre 100 metri a Totalan, è precipitato «in caduta libera per 71 metri» e su di lui sono cadute pietre e altri detriti. Il corpo è stato ritrovato con le braccia in alto, ha riferito il delegato del governo in Andalusia Rodriguez Gomez de Celis. (Leggo.it)

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni, con il cuore, senza interessi economici o politici, semplicemente perché il cuore ci chiama a farlo. E ci mettiamo passione, costanza, ed anche quel pizzico di professionalità che deve contraddistinguere i cristiani. Ecco perché siamo “missionari di parabole antiche e sempre nuove: chiamati ad esserci, ed a stare anche vicini ad ognuno di voi”.

Un numero sempre maggiore di persone legge Papaboys.org senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente. Soprattutto quando si parla di cristianesimo.

Purtroppo il tipo di informazione che cerchiamo di offrire richiede molto tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire tutti i giorni i costi quotidiani di Papaboys.org ed abbiamo deciso di chiedere proprio a te che leggi di essere per noi, proprio Provvidenza.

Puoi aiutarci a continuare questa missione sempre meglio e con maggiore spessore ed incisività? L’unica cosa che non possiamo garantirti è aumentare il cuore che ci mettiamo per fare questo lavoro, perché fino ad oggi ce lo abbiamo messo davvero tutto! Ma con un po’ di sostegno in più, possiamo essere davvero più incisivi, per te, e per tutti coloro che ci seguono (quasi 2.000.000 di lettori ogni mese!)

Inviaci il tuo contributo, quello che vuoi, e che puoi. E che Dio ti benedica!

Grazie
Daniele Venturi
Direttore Papaboys.org

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €10.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome