Home News Italiae et Ecclesia Il giornalone getta nuovo fango contro il Vescovo Giovanni D'Ercole: basta!

Il giornalone getta nuovo fango contro il Vescovo Giovanni D’Ercole: basta!

2790144-ggggg - CopiaROMA – Premesso che Don Giovanni D’Ercole (Sua Eccellenza, poichè è un Vescovo) è una persona PERBENE e vicino agli ultimi e sofferenti, siamo a registrare nuove accuse dei ‘giornaloni’ che sanno costruire scandali ad arte pur di scagliarsi a più riprese contro uomini di Chiesa.

Questa volta vogliamo dare voce alla parte che è continuamente tirata in ballo, ed alla quale…  prima si fanno i titoloni e poi non si dà voce per difendersi. Don Giovanni si difende allora da solo (e cerchiamo con questo piccolo servizio di sostenerlo) con una nota pubblicata sulla sua pagina facebook che la Redazione Papaboys ha deciso di proporre!

E poi – ma è solo una ulteriore piccola nota – da chi viene l’accusa? Dall’Espresso, giornalone tenuto in piedi dal Signor De Benedetti che – prima ha fatto un buco miliardario con la sua Sorgenia, e poi si è fatto aiutare dalla politica e dalle banche  per salvarsi…. le chiappe! E se qualche persona non è informata dell’ing. che da anni condiziona l’Italia (e le succhia risorse con la sua Repubblica ed il suo Espresso), vi ricordiamo anche che il caso Sorgenia è la spina nel fianco della famiglia di Carlo De Benedetti. E, per mitigare la profonda crisi finanziaria della società elettrica, il gruppo Cir ha battuto tutte le strade. 

DE BENEDETTI: VERGOGNATI!!!! A SPESE DEGLI ITALIANI!

 

Ecco la nota di Don Giovanni D’Ercole

C’è un limite a tutto. Basta!

Ritengo fortemente lesivo della mia dignità, oltre che falso e talora incompleto e tendenzioso quanto riporta il sig. Caudio Pappaianni nell’articolo presente sull’Espresso online il 19.6.2014 con il titolo “Così il Monsignore premeva per mettere le mani sulla ricostruzione”, ripreso da altri siti.

Innanzitutto il sottoscritto non è mai stato indagato e poi assolto “per favoreggiamento e truffa per i cosiddetti fondi Giovanardi”. Si tratta d’una notizia falsa e del tutto destituita di ogni fondamento. Per la verità dei fatti, il sottoscritto fu indagato per aver rivelato notizie apprese nel corso dell’interrogatorio come persona informata dei fatti. E cioè che qualcuno, tra quanti collaboravano con me, avrebbe avuto l’intenzione di fare una truffa. Io dissi al PM che non potevo tacere se c’era questo pericolo e il PM mi pregò di non farlo, senza impormi il silenzio a termini di legge. Rinviato a giudizio con rito abbreviato sono stato assolto “perché il fatto non costituisce reato”. Avendo il PM fatto appello, in appello il vice Procuratore Generale ha chiesto egli stesso l’assoluzione perché “il fatto non sussiste”. Insomma, a ben vedere, ho patito questo calvario per aver detto a una persona di non rubare.
Quanto alla vicenda della lettera al Presidente Letta, si tratta di una iniziativa di tutti i vescovi dell’Abruzzo perché nella Legge Barca manca un chiaro riferimento alla ricostruzione degli edifici ecclesiastici vincolati e non. Tutti i vescovi, compreso l’Arcivescovo di l’Aquila (contrariamente a quanto scritto dal giornalista) hanno firmato incaricandomi di seguire la pratica, consultando vari esperti in materia tra i quali il Dr. Luciano Marchetti, fino a poco prima Vice Commissario per la ricostruzione dei beni ecclesiastici. I vescovi dell’Aquila ( dove insiste la gran parte del patrimonio artistico) hanno voluto che nella norma fosse espressamente detto – e così recita il testo – “che per i finanziamenti e le gare di appalto potevano ( e avrebbero così voluto fare) delegare la Direzione Regionale dei Beni Ambientali e Culturali, il Provveditorato alle Opere Pubbliche e i Comun”. Perché non è interesse dei Vescovi gestire i soldi e gli appalti, ma fare tutto il possibile perché le Chiese possano essere ricostruite il più rapidamente possibile. Se questo è “mettere le mani sulla ricostruzione”, lascio giudicare a chi non vede le cose con occhio preconcetto e malanimo. Se poi altri avevano intenzioni diverse, e sarà compito della magistratura approfondire, non si può imputare ai Vescovi, e a me in particolare. Presentando i fatti in maniera incompleta si rischia di trasformare un gesto di amore per la gente in qualcosa di losco e poco pulito. Ed io sono personalmente stanco di essere così trattato, come cioè un intrallazzatore e non un pastore che prende a cura le sue pecore.

+ Giovanni D’Ercole
Vescovo di Ascoli Piceno

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

1 COMMENTO

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,916FansLike
19,887FollowersFollow
9,818FollowersFollow
2,330SubscribersSubscribe

News recenti

Preghiera alla Madonna di Pompei, 24 Agosto 2020

Ogni Giorno Una lode a Maria, 29 novembre 2020. Preghiera alla...

Ogni Giorno Una lode a Maria, 29 novembre 2020. Preghiera alla Regina delle Vittorie O Santissima Vergine Maria, Regina Delle Vittorie, alza il Tuo scudo crociato...