HomeNewsSancta SedesIl dolore di Papa Franceso per la guerra che non si ferma,...

Il dolore di Papa Franceso per la guerra che non si ferma, e la preghiera per la popolazione ferita delle Marche

La terra è insanguinata dalla guerra e tante sono le famiglie che piangono vittime: a questo pensa Francesco al termine della preghiera mariana dell’Angelus.

Le sue parole spronano alla preghiera ma anche a un impegno diplomatico, sia per il Caucaso che per la martoriata terra ucraina

Pace, dialogo e preghiera. Da Piazza San Pietro si leva nuovamente la voce del Papa per il mondo e per “ogni terra insanguinata dalla guerra”. Al termine della recita dell’Angelus della domenica, Francesco volge lo sguardo nuovamente, come già nel recente viaggio compiuto in Kazakhstan, al Caucaso dove nei giorni scorsi un bilancio di 200 morti è stato il prezzo pagato per il nascere di nuovi scontri tra Armenia e Azerbaigian.

In queste ore dall’Armenia a chiedere il cessate-il-fuoco definitivo è la speaker della Camera Usa Nancy Pelosi, nei giorni scorsi è stata dura la condanna della comunità internazionale e forte la preoccupazione espressa anche dalla Conferenza delle Chiese europee. Oggi le armi tacciono grazie a una tregua concordata con la mediazione russa, ma resta alta la tensione e quindi il dolore del Pontefice che non smette di incoraggiare tutti a sostenere gli sforzi di far tacere le armi:

Sono addolorato per i recenti combattimenti tra l’Azerbaigian e l’Armenia. Esprimo la mia spirituale vicinanza alle famiglie delle vittime, ed esorto le parti a rispettare il cessate-il-fuoco, in vista di un accordo di pace.

La vicinanza di Papa Francesco agli alluvionati delle Marche

Nel dopo Angelus il Papa ha ricordato le vittime dell’inondazione di tre giorni fa assieme ai loro familiari e a chi è stato danneggiato. Proseguono i soccorsi lungo il territorio devastato alla ricerca dei dispersi, anche la Caritas locale si è attivata

Attesa, lacrime, solidarietà. Il groviglio di sentimenti e azioni quando una catastrofe sconvolge vite umane. Nelle Marche dove nella notte tra giovedì e venerdì scorsi un potentissimo nubifragio e un’alluvione hanno ucciso 11 persone e fatto due dispersi – tra cui un bambino di 8 anni, entrambi oggetto di ricerche da parte dei Vigili del fuoco – oltre un’infinità di sfollati, arriva per due volte in un giorno, a voce e per iscritto, la vicinanza del Papa.

Quello a voce è a mezzogiorno nel dopo Angelus, quando subito dopo gli appelli per la fine dei conflitti nel Caucaso e in Ucraina, Francesco si sofferma sul dramma che sta vivendo la regione italiana:

Desidero assicurare la mia preghiera per le popolazioni delle Marche colpite da una violenta inondazione. Prego per i defunti e per i loro familiari, per i feriti e per chi ha subito gravi danni. Il Signore dia forza a quella comunità!

I soccorsi

Comunità di persone che ha visto una vita inghiottita nel fango e che ora si aggrappa ai soccorsi e agli interventi più urgenti messi via via in campo. La Protezione civile ha stanziato 5 milioni di euro, mentre il presidente della Regione Marche, Francesco Acquaroli, ha disposto un contributo tra 400 e 900 euro per le famiglie che hanno avuto la casa danneggiata.

Sostieni Papaboys 3.0

Informazioni personali

Dettagli di fatturazione

Termini

Totale Donazione: €100.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Iscriviti alla newsletter gratuita