Home News Italiae et Ecclesia Il cardinale Bagnasco: Roma vada a testa alta e con efficienza

Il cardinale Bagnasco: Roma vada a testa alta e con efficienza

Tutela della vita, unioni civili, lavoro, situazione politica a Roma. Sono i temi di un’intervista al presidente della Cei il cardinale Angelo Bagnasco che stamane nella Capitale è intervenuto a un convegno a 20 anni dall’Evangelium Vitae. Al microfono di Alessandro Guarasci della Radio Vaticana, il cardinale parla prima di tutto del difficile momento che sta passando il Campidoglio.

ANSA877998_Articolo

R. – Roma ha bisogno di un’amministrazione, di guide, che Roma merita moltissimo, tanto più in questo momento in cui il Giubileo è ormai alle porte. Ci auguriamo che Roma possa procedere a testa alta e con grande efficienza.
D. – Quanto è attuale oggi l’Evangelium vitae e soprattutto in tempi in cui si parla addirittura di utero in affitto?

R. – E’ ancora più attuale di 20 anni fa perché la situazione culturale e quindi sociale non mi sembra migliorata dal punto di vista di una visione della società che sia veramente rispettosa della vita delle persone, soprattutto delle persone più deboli, come i bambini che devono ancora nascere e poi i bambini in generale e poi gli anziani. La categoria di una società, di una cultura efficientista per cui contano soltanto coloro che sono forti, sono giovani, producono e sono efficienti, questo mi pare sia crescente. C’è bisogno di riaffermare il valore sacro e inviolabile della vita e la dignità di ognuno.
D. – Il governo italiano vuole puntare sulle unioni civili con relativa adozione, qual è la sua opinione?
R. – La posizione della Chiesa è stata ancora una volta ribadita in modo molto autorevole nel Sinodo, nel documento conclusivo che è stato consegnato al Santo Padre per le sue decisioni. Quindi per noi la famiglia è il valore universale come anche la nostra costituzione prevede: il papà, la mamma e i figli, ecco. Questo è il fondamento in tutto il mondo, ed è risuonato nell’aula sinodale: in tutto il mondo la famiglia è veramente il centro, la base, il perno fondamentale della società e anche della Chiesa, l’esperienza, non soltanto il grembo della vita, ma anche la prima palestra di umanità e di socialità e, se credenti, di fede. Quindi questo bene è un patrimonio veramente dell’umanità, non può essere assolutamente indebolito in nessun modo.
D. – Lei è ottimista per il futuro sociale ed economico dell’Italia?
R. – Io spero che ci sia un salto proprio visibile, molto visibile e diffuso per quanto riguarda l’occupazione. Speriamo tutti questo, specialmente per i più giovani.



Fonte: Radio Vaticana

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,981FansLike
20,863FollowersFollow
9,829FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

madonna.dei.miracoli

Vuoi chiedere una grazia alla Madonna dei miracoli? Oggi 1 marzo...

Vuoi chiedere una grazia alla Madonna dei miracoli? Oggi 1 marzo 2021, è in corso la sua Novena! O Madonna dei Miracoli e Madre mia...