I soccorritori sono arrivati a pochi metri da Julen. C’è speranza di trovarlo vivo!

Sarebbe un miracolo vero e proprio dopo 7 giorni. Julen è sepolto sotto terra dentro un tunnel. «È il figlio di tutti noi, lo tireremo fuori»

C’E’ UN AGGIORNAMENTO ALL’ARTICOLO PUBBLICATO OGGI LUNEDI’ 21 GENNAIO ALLE ORE 00.25 

La roccia blocca la trivella: speranze al lumicino di recuperare vivo Julen dal pozzo

Sette giorni fa il bimbo di due anni è caduto in un pozzo vicino Malaga. Trecento persone lavorano in turni da 100 ogni otto ore. E la collina, dove si trova il carotamento, sbancata da un esercito di ruspe è diventata un gigantesco cantiere

Julien pozzo. 20 gennaio 2019

Ventisette metri. Mancano 27 metri, ormai. I soccorritori hanno scavato 33 dei 60 metri che separano Julen dalla superficie. Le operazioni — anche nel corso della notte appena terminata – hanno trovato ogni genere di difficoltà: il maltempo, le rocce. Ma i soccorritori non si arrendono. «È come fosse il figlio di tutti noi. E non si lascia un figlio là sotto. Lo tireremo fuori». La collina che imprigiona il bimbo assomiglia ora più a un cantiere per l’alta velocità che allo scenario di una ricerca umanitaria.

Bimbo pozzo Spagna

Julen è caduto in un foro di carotaggio in un campo alle porte di Totalán nella provincia di Malaga, domenica scorsa poco dopo mezzogiorno. Venticinque centimetri di diametro il buco. Due anni e mezzo per 11 chili di peso il bimbo. Julen è scivolato nel tunnel verticale come una chiave nella serratura.

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni con il cuore, senza interessi economici o politici, solo perché il cuore ci chiama a farlo. CI DAI UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €15.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome