I ricordi (imprecisi) dell’ex nunzio Viganò che vuole la testa di Papa Francesco

Nuove smentite al racconto di Viganò che chiede la rinuncia di Francesco, il Papa che ha punito il cardinale McCarrick. Cronologia ragionata degli eventi sulla base delle notizie emerse finora.

San Giovanni Paolo II è morto nell’aprile 2005 e non può più parlare. Il Papa emerito Benedetto, spiegano i collaboratori, non intende assolutamente dire nulla in proposito. Papa Francesco ha invitato i giornalisti a leggere quanto scritto dall’ex nunzio Carlo Maria Viganò nel suo j’accuse che tenta di coinvolgere pesantemente ben tre Pontefici nella vicenda del cardinale molestatore seriale di seminaristi (scopertosi poi anche abusatore di minori) Theodore McCarrick. Ecco un’ampia cronologia ragionata delle notizie emerse finora corredata dalle prime smentite ricevute da Viganò attraverso dichiarazioni di testimoni e prove documentali.

Nunzio Viganò

1994  

Un sacerdote (presumibilmente Gregory Littleton) scrive al vescovo di Metuchen, Edward Thomas Hughes , parlando dell’abuso sessuale e psicologico che il vescovo Theodore Edgar McCarrick (nato nel 1930, ordinato prete a New York nel 1958, consacrato vescovo ausiliare di New York nel 1977, trasferito a Metuchen nel 1981, quindi promosso a Newark nel 1986), gli ha inflitto. Afferma che McCarrick lo avrebbe lasciato così traumatizzato da averlo spinto a molestare due ragazzi di 15 anni. Il prete sarà rimosso e ridotto allo stato laicale dieci anni dopo, a seguito dell’entrata in vigore delle nuove regole anti-pedofilia, sulla base delle ammissioni contenute nella lettera.

21 novembre 2000  

Giovanni Paolo II nomina Theodore McCarrick arcivescovo di Washington. Il nunzio negli Stati Uniti è Gabriel Montalvo, il prefetto della Congregazione dei vescovi (insediatosi da poche settimane) è Giovanni Battista Re. Secondo un’ipotesi di Viganò un ruolo importante nella nomina lo avrebbe svolto il cardinale Segretario di Stato Angelo Sodano. Viganò afferma che Re si sarebbe opposto in quanto il nome di McCarrick era soltanto il 14° nella lista dei candidati. Viganò nel suo comunicato non cita in alcun modo il nome del segretario particolare di Giovanni Paolo II, il vescovo Stanislaw Dziwisz, molto legato a Re. Dziwisz è infatti una delle persone più influenti nell’entourage di Papa Wojtyla. Dal racconto di Viganò emerge un ritratto desolante e offensivo del Pontefice ora proclamato santo. L’ex nunzio infatti ricorda che Giovanni Paolo II era «già molto malato» lasciando intendere: così malato da non essere più in grado di curarsi delle nomine, nemmeno le più importanti, nemmeno quelle che portavano – in quel momento – alla sicura attribuzione del cappello cardinalizio e dunque all’inclusione in un futuro conclave.

Papa Wojtyla nel 2000 aveva ancora davanti a sé cinque anni di vita. In quello stesso anno, oltre a presiedere decine di celebrazioni del Giubileo, visita l’Egitto, la Terra Santa (Giordania, Israele, Territori sottoposti all’Autorità Palestinese) e Fatima. Pochi mesi prima di McCarrick, nel febbraio 2000, Papa Wojtyla aveva nominato il nuovo arcivescovo di Westminster, Cormac Murphy-O’Connor; quindi nel giugno 2000, aveva designato Edward Michael Egan quale arcivescovo di New York. All’inizio dell’anno successivo, come vedremo, Giovanni Paolo II crea ben 44 nuovi cardinali in un unico concistoro. Dopo McCarrick a Washington avrebbe nominato – per fare qualche esempio e solo limitandoci ad alcune sedi metropolitane – Angelo Scola al patriarcato di Venezia (gennaio 2002); Philippe Barbarin ad arcivescovo di Lione (luglio 2002); Péter Erdo quale arcivescovo di Esztergom-Budapest (dicembre 2002); Tarcisio Bertone a Genova (dicembre 2002); Diarmuid Martin quale arcivescovo coadiutore di Dublino (maggio 2003); Gaudencio Rosales ad arcivescovo di Manila (dicembre 2003); Lluís Martinez Sistach ad arcivescovo di Barcellona (giugno 2004). Karol Wojtyla, nonostante il lento avanzare della malattia che lo inibisce sempre di più dal punto di vista motorio, è un Pontefice che continua a viaggiare e a governare la Chiesa. Chiunque abbia seguito le vicende vaticane sa che presentare nell’anno 2000 il Papa come un uomo incapace di intendere e di volere è una falsità.

22 novembre 2000  

Il frate domenicano Boniface Ramsey scrive una lettera al nunzio Montalvo nella quale riferisce voci di comportamenti impropri di McCarrick nei confronti dei seminaristi e afferma di conoscere alcuni di questi seminaristi e preti. Ramsey preannuncia a Montalvo per telefono l’arrivo della stessa missiva, quindi cambia idea dopo una conversazione con un amico, e telefona per riferire al nunzio di averci ripensato. Ma nel corso di questa seconda conversazione – come racconta lo stesso Ramsey al  National Catholic Register  – il nunzio lo convince ad inviarla comunque. Il documento probabilmente non transita in attraverso l’ufficio del Delegato per le rappresentanze pontificie, Carlo Maria Viganò. Secondo quanto si legge nel suo comunicato, Viganò avrà notizia di questa prima lettera contenente accuse soltanto nel 2006, dal nuovo nunzio Pietro Sambi. E insiste nel colpevolizzare solo e soltanto il cardinale Sodano che l’avrebbe ricevuta nello stesso novembre 2000, senza peraltro indicare né prove né indizi: «L’ufficio che allora ricoprivo non fu portato a conoscenza di alcun provvedimento preso dalla Santa Sede dopo quella denuncia del nunzio Montalvo alla fine del 2000, quando Segretario di Stato era il Card. Angelo Sodano».

Gennaio-Febbraio 2001  

Theodore McCarrick si insedia come arcivescovo di Washington. Il 21 febbraio dello stesso anno riceve la porpora da Giovanni Paolo II, nel Concistoro più affollato della storia della Chiesa: 44 nuovi cardinali. Tra questi ci sono molti latinoamericani e lo stesso Jorge Mario Bergoglio.

2004 –2005  

Secondo quanto affermato dalla portavoce della diocesi di Metuchen, Erin Friedlander, nel 2004 arriva alla diocesi la prima denuncia contro McCarrick. Ne seguiranno altre due, tutte relative a fatti di decenni precedenti. L’arcidiocesi di Newark e le diocesi di Metuchen e Trenton, pagano un risarcimento a Robert Ciolek, molestato da McCarrick , in cui è però compreso anche il risarcimento per gli abusi che Ciolek aveva subito da un insegnante mentre era studente in un liceo cattolico. Secondo la portavoce della diocesi di Metuchen, il risarcimento è segnalato alla nunziatura.

Aprile 2005  

McCarrick partecipa alle congregazioni pre-Conclave e poi al Conclave che il 19 aprile di quell’anno elegge Pontefice il cardinale Joseph Ratzinger.

7 luglio 2005  

McCarrick compie 75 anni e, come è tenuto a fare ogni vescovo, invia la sua rinuncia alla Santa Sede.

16 maggio 2006  

La rinuncia di McCarrick viene accettata da Benedetto XVI, otto mesi dopo l’età canonica: non è un periodo lungo (gli arcivescovi metropoliti con la porpora, se in buona salute, rimangono almeno un anno ma spesso anche due oltre la scadenza dei 75 anni); non è nemmeno un periodo così breve da far immaginare che a Roma si volesse dare un segnale punitivo nei confronti dell’arcivescovo di Washington. Al posto di McCarrick, Papa Ratzinger nomina Donald Wuerl. Il pensionamento di McCarrick avviene dopo la prima richiesta di risarcimento alla diocesi di Newark.

Giugno 2006  

L’ex prete Gregory Littleton (il suo nome per esteso non era mai stato reso pubblico, è Viganò a farlo per la prima volta) denuncia alla diocesi di Metuchen gli abusi subiti da McCarrick nel periodo in cui era vescovo lì: gli sarà pagato un risarcimento di 100mila dollari. Anche in questo caso, trattandosi di un vescovo (per di più poi divenuto cardinale), la diocesi è tenuta a informare la nunziatura apostolica negli Stati Uniti. La portavoce della diocesi di Metuchen afferma oggi che la segnalazione avvenne regolarmente.

Dicembre 2006  

Viganò, in quel momento ancora Delegato per le rappresentanze diplomatiche in Segreteria di Stato, redige un appunto sulla base della Memoria di accusa di Littleton, trasmessa in Segreteria di Stato dal nunzio Pietro Sambi e consegnata a Viganò il 6 dicembre del 2006. Nel trasmettere le informazioni, Sambi spiegava che Littleton «aveva già inoltrato questa sua Memoria a circa una ventina di persone, fra cui autorità giudiziarie civili ed ecclesiastiche, di polizia ed avvocati, fin dal giugno 2006, e che era quindi molto probabile che la notizia venisse presto resa pubblica. Egli sollecitava pertanto un pronto intervento della Santa Sede». Secondo il racconto di Viganò quello stesso 6 dicembre egli consegna l’appunto ai superiori, il cardinale Tarcisio Bertone e il sostituto Leonardo Sandri, senza però ricevere indicazioni sul da farsi. Viganò nel suo comunicato non fa alcun cenno a notizie sul pagamento dei risarcimenti alle vittime di McCarrick.

23 aprile 2008  

Viene messo online sul web lo “Statement for Pope Benedict XVI about the pattern of sexual abuse crisis in the United States” di Richard Sipe, in cui si fa riferimento anche ai comportamenti impropri e agli abusi di McCarrick con i seminaristi. Il 24 aprile il documento viene inviato al cardinale William Levada (prefetto della Congregazione per la dottrina della fede nominato da Benedetto XVI quale suo successore alla guida dell’ex Sant’Uffizio). Levada trasmette lo statement di Sipe al cardinale Tarcisio Bertone, Segretario di Stato, e il 24 maggio arriva sulla scrivania del delegato Viganò il quale redige un nuovo appunto, consegnato il 25 maggio al nuovo sostituto della Segreteria di Stato, Fernando Filoni.

Novembre-dicembre 2008  

Il nunzio negli Stati Uniti Pietro Sambi comunica al cardinale McCarrick (piuttosto bruscamente, secondo una testimonianza) l’invito del Papa a lasciare il seminario neocatecumenale Redemptoris Mater dove viveva e a ridurre la sua vita pubblica. Sulla natura e sulla portata di queste presunte “sanzioniˮ o raccomandazioni, la versione di Viganò diverge da quelle di uno stretto collaboratore di Papa Ratzinger, che oggi, seppure in forma anonima, racconta al National Catholic Register: «Si trattava di una richiesta privata», senza un decreto scritto, il cardinale era invitato «a tenere un basso profilo». Secondo quanto scrive il giornalista del NCR Edward Pentin , la fonte ratzingeriana avrebbe commentato a proposito della segretezza e della mancata severità della sanzione: «Talvolta è meglio che ciò che dorme sia lasciato dormire».

La data è soltanto presunta e la si può ipotizzare a motivo di un episodio riportato dalla Catholic News Agency : alla fine dell’anno 2008 McCarrick si prepara a lasciare il seminario Redemptoris Mater di Washington e all’inizio del 2009 va a vivere nella canonica della parrocchia di St. Thomas the Apostle, nel centro della capitale federale. Nessuno viene a sapere delle cosiddette “sanzioniˮ. Ecco invece come Viganò descrive queste ultime: «Seppi con certezza, tramite il Card. Giovanni Battista Re, allora prefetto della Congregazione per i Vescovi, che il coraggioso e meritevole statement di Richard Sipe aveva avuto il risultato auspicato. Papa Benedetto aveva comminato al Card. McCarrick sanzioni simili a quelle ora inflittegli da Papa Francesco: il cardinale doveva lasciare il seminario in cui abitava, gli veniva proibito di celebrare in pubblico, di partecipare a pubbliche riunioni, di dare conferenze, di viaggiare, con obbligo di dedicarsi ad una vita di preghiera e di penitenza».

La raccomandazione privata, non viene comunicata al delegato Viganò. Benedetto XVI ne parla presumibilmente con Bertone o con il prefetto della Congregazione dei vescovi Giovanni Battista Re. Non è escluso che la comunicazione al nunzio Sambi sia soltanto verbale, e avvenga durante un passaggio dello stesso diplomatico vaticano a Roma. Catholic News Agency conferma che il colloquio tra Sambi e McCarrick è situabile in questo periodo: «Due fonti presenti all’incontro del 2008 fra McCarrick e Sambi hanno dichiarato alla CNA che il nunzio aveva ordinato in quel momento a McCarrick di lasciare il seminario. Secondo quanto riferito da queste fonti, Sambi disse a McCarrick che il suo spostamento era una istruzione diretta di Papa Benedetto XVI». Da notare la sostanziale differenza con la versione del comunicato di Viganò: l’istruzione papale sarebbe stata soltanto di lasciare il seminario, non anche di abbandonare la vita pubblica e di vivere ritirato. I fatti fino ad ora documentabili confermano e corroborano quanto riportato dalla fonte vicina a Papa Ratzinger e sollevano invece notevoli dubbi sulle parole di Viganò circa la natura e il peso delle presunte “sanzioniˮ contro l’anziano cardinale. McCarrick infatti, a parte il cambio di residenza, non cambia abitudini e non si ritira facendo vita di penitenza . Se quello di Papa Ratzinger era un “ordineˮ (per quanto segreto), non vi obbedisce. Se era una “raccomandazioneˮ, non la accoglie. L’unica cosa che fa, è lasciare il seminario. L’esistenza di questa “raccomandazioneˮ o “istruzioneˮ segreta da parte del Pontefice rende evidente che Benedetto XVI era stato informato da Bertone delle denunce contro McCarrick.

16 luglio 2009  

Carlo Maria Viganò è nominato da Benedetto XVI segretario del Governatorato della Città del Vaticano.

2009-2010  

Secondo Viganò, le presunte “sanzioniˮ di Papa Benedetto a McCarrick sarebbero state comunicate all’interessato in una data imprecisata tra il 2009 e il 2010, «con incredibile ritardo». In realtà, considerando il cambio di residenza del porporato – unico atto documentabile che è possibile riconnettere alle “raccomandazioniˮ del Pontefice – il tutto sembra essere avvenuto un anno prima. A meno di non dover ipotizzare non uno bensì due interventi di Sambi su McCarrick: il primo, nel 2008, con l’invito a lasciare il seminario. Il secondo – nel 2009/2010 – per indurlo a vivere ritirato. Ipotetica “sanzioneˮ che – se esiste – non viene assolutamente presa in considerazione dall’interessato .

27 luglio 2011  

Muore il nunzio apostolico negli Usa, Pietro Sambi.

2011 

McCarrick, secondo quanto afferma la Catholic News Agency, lascia la canonica della parrocchia dove ha risieduto per due anni e decide di andare a vivere in una casa adiacente al seminario dell’Istituto del Verbo Incarnato. Qui viene regolarmente assistito in un primo momento da giovani sacerdoti e quindi sarà assistito da seminaristi. Non vengono riportate lamentele per suoi comportamenti scorretti o per molestie. Ma si tratta di una presenza considerata ingombrante, perché secondo alcune testimonianze, McCarrick richiede un trattamento speciale per quanto riguarda il vitto, oltre che utilizzare i seminaristi come autisti per i suoi spostamenti.

6 ottobre 2011  

Il “sanzionatoˮ McCarrick è a Roma per partecipare all’ordinazione dei nuovi diaconi del North American College, celebrazione presieduta dall’allora prefetto della Congregazione per la Dottrina della fede, il cardinale statunitense William Levada, stretto collaboratore di Papa Ratzinger.

19 ottobre 2011  

Carlo Maria Viganò viene nominato da Benedetto XVI nunzio apostolico negli Stati Uniti e allontanato dal Vaticano. Nei mesi precedenti l’arcivescovo si era contrapposto al cardinale Bertone per vicende interne al Governatorato e per aver accusato di cattiva gestione finanziaria, e anche di immoralità, alcuni prelati.

Ottobre 2011  

Viganò scrive nel suo comunicato di aver ricevuto verbalmente, prima di partire da Roma, dal cardinale Marc Ouellet (prefetto della Congregazione dei vescovi) notizia delle «disposizioni di Papa Benedetto» contro McCarrick. Ricordiamo che secondo Viganò queste disposizioni prevedono che il cardinale abusatore di seminaristi si ritiri in preghiera e penitenza. «A mia volta le ribadii al Card. McCarrick al mio primo incontro con lui in nunziatura – scrive l’ex nunzio nel suo comunicato – Il cardinale, farfugliando in modo appena comprensibile, ammise di aver forse commesso l’errore di aver dormito nello stesso letto con qualche seminarista nella sua casa al mare, ma me lo disse come se ciò non avesse alcuna importanza».

Papa Emerito Benedetto XVI

16 gennaio 2012  

Anche dopo aver ricevuto nuova comunicazione delle raccomandazioni papali da parte di Viganò, McCarrick mostra di non tenerle in alcuna considerazione. Il cardinale partecipa infatti all’udienza per la visita “ad limina” dei vescovi americani e in quell’occasione saluta per due volte di persona Benedetto XVI.

Gennaio-ottobre 2012  

Il 27 gennaio il giornale italiano Il Fatto Quotidiano pubblica una prima lettera riservata di Viganò a Bertone con la quale il prelato racconta di un complotto ai suoi danni per metterlo in cattiva luce. È l’inizio del primo Vatileaks. Le lettere di Viganò, insieme ai documenti trafugati dall’aiutante di camera Paolo Gabriele, sono la base per una trasmissione condotta dal giornalista Gianluigi Nuzzi, che pubblica un libro nel quale Viganò e il suo lavoro al Governatorato è molto citato.

16 aprile 2012  

McCarrick – che secondo il comunicato di Viganò in questo momento sarebbe sottoposto alle “sanzioniˮ di Benedetto XVI – torna una seconda volta a Roma, per partecipare ad un’udienza concessa dal Pontefice alla Papal Foundation. È una fondazione nella quale McCarrick è personalmente coinvolto da molti anni, e che ha versato ingenti somme per la carità del Papa. Quel giorno è il compleanno di Joseph Ratzinger, e gli viene regalata una torta. È la seconda volta in pochi mesi che Benedetto XVI si ritrova di fronte l’arcivescovo emerito di Washington. Non risulta che Viganò venga invitato a fare nuove comunicazioni a McCarrick, ricordandogli le “istruzioniˮ del Pontefice e le presunte “restrizioniˮ.

Il Cardinale dello scandalo

2 maggio 2012  

Carlo Maria Viganò partecipa a New York, presso un hotel di Manhattan, alla premiazione degli «ambasciatori delle Missioni Pontificie». È un galà che vede protagonista proprio il presunto “sanzionatoˮ McCarrick. Viganò lo saluta con affetto dicendogli: «Lei è tanto amato da tutti noi».

28 febbraio 2013  

McCarrick torna in Vaticano per partecipare all’ultima udienza del Papa dimissionario Benedetto XVI, che saluta uno ad uno tutti i porporati presenti. L’incontro è cordiale, come lo è con tutti gli altri.

3 marzo 2013  

Il cardinale arcivescovo di Edimburgo Keith O’Brien annuncia che non parteciperà al prossimo Conclave e ammette le accuse rivolte contro di lui affermando: «la mia condotta sessuale al di sotto degli standard». Era stato anche lui accusato di aver avuto relazioni sessuali con seminaristi e sacerdoti. Il 18 febbraio precedente Benedetto XVI aveva accettato la sua rinuncia alla guida della diocesi nonostante mancassero ancora 27 giorni al compimento dei 75 anni. (Il 20 marzo 2015 viene annunciato che Papa Francesco ha accettato la rinuncia di O’Brien ai diritti e alle prerogative del cardinalato, pur mantenendo il titolo onorifico di cardinale).

Marzo 2013  

Si svolgono le congregazioni pre-Conclave. McCarrick, la cui lista di denunce è più corposa rispetto a quelle contro O’Brien, vi partecipa. Ma in quanto già ultraottantenne non entra in Conclave e dunque non prende parte alle votazioni che la sera del 13 marzo portano all’elezione del cardinale Jorge Mario Bergoglio. Nel passaggio di consegne tra Benedetto XVI e Francesco è altamente probabile che non venga fatto alcun cenno alla vicenda McCarrick. E che questa non venga nemmeno sollevata nelle prime udienze con il prefetto della Congregazione dei vescovi. Di certo c’è che il nunzio negli Stati Uniti Viganò non riceve istruzioni circa le presunte “sanzioniˮ stabilite da Benedetto XVI e mai fatte rispettare. Nessuno da Roma lo invita a reiterarle. Nessuno da Roma gli comunica che esse hanno cessato di esistere. Per tutti gli altri, semplicemente, quelle istruzioni papali non sono mai esistite in quanto McCarrick ha continuato a fare la vita di prima.

Eppure lo stesso Viganò scrive nel suo comunicato: «Era poi evidente che a partire dalla elezione di Papa Francesco McCarrick, ormai sciolto da ogni costrizione, si era sentito libero di viaggiare continuamente, di dare conferenze e interviste». Un’affermazione che è stata smentita dai documenti audio-video e da decine di articoli. Tanto da indurre lo stesso ex nunzio a fare retromarcia smentendo sé stesso e riconoscendo, in un’intervista con il sito ultraconservatore LifeSiteNews , che in effetti McCarrick non aveva mai obbedito alle indicazioni di Benedetto XVI. A giustificazione del suo atteggiamento di stima e amicizia pubblica nei confronti del cardinale molestatore, Viganò adduce comprensibili ragioni diplomatiche: siccome le istruzioni papali erano segrete, non poteva certo fare un rimprovero pubblico all’anziano porporato, il quale era peraltro già in pensione (un altro motivo che secondo la nuova versione di Viganò avrebbe reso più leggere le “sanzioniˮ).

Viganò giustifica nello stesso modo anche le molteplici udienze di McCarrick con il Papa dopo la decisione delle presunte “sanzioniˮ, ricordando il notorio carattere “miteˮ di Benedetto XVI. Il che però dimostra la falsità dell’assunto di un McCarrick sanzionato e ritirato in preghiera che si sarebbe sentito “liberoˮ dopo l’elezione di Papa Francesco. No, McCarrick si è sentito sempre libero. E le presunte “sanzioniˮ, stando a una fonte anonima vicina a Benedetto XVI citata dal giornalista del National Catholic Register Edward Pentin, erano soltanto una «richiesta privata», senza alcun decreto scritto.

10 maggio 2013  

Viganò partecipa insieme a McCarrick a una messa solenne e a una cena di beneficenza organizzata dall’Università Cattolica di Washington. Nella foto di rito al termine della messa il nunzio è seduto proprio accanto a McCarrick.

Cardinali e Vescovi americani21 giugno 2013  

Al termine dell’udienza di Papa Francesco con i nunzi apostolici, Carlo Maria Viganò ha la possibilità di salutare per la prima volta per qualche istante il nuovo Papa. Ecco il racconto così come si legge nel suo comunicato: «Quando fu il mio turno, ebbi appena il tempo di dirgli “sono il nunzio negli Stati Uniti”, che senza alcun preambolo mi investì con tono di rimprovero con queste parole: “I vescovi negli Stati Uniti non devono essere ideologizzati! Devono essere dei pastori!” Naturalmente non ero in condizione di chiedere spiegazioni sul significato delle sue parole e per il modo aggressivo con cui mi aveva apostrofato». Anche questa affermazione del nunzio è smentita dai fatti, anzi, dalle immagini. Era apparso subito strano, in effetti, che nel primissimo saluto con il nuovo Papa, questi si mettesse pubblicamente ad apostrofare in modo aggressivo prelati che non conosceva.

Il video del Centro Televisivo Vaticano dimostra che Viganò che a distanza di qualche anno ha ricordi alquanto offuscati. Il Papa infatti lo accoglie sorridendo, con gentilezza, e appena saputo che è il nunzio negli Stati Uniti, non lo investe «senza alcun preambolo con tono di rimprovero», bensì lo ringrazia amabilmente per il suo lavoro. Poi, subito dopo, la faccia del Pontefice si fa un po’ più seria – come accade ogni qual volta in queste circostanze egli desidera comunicare un messaggio che considera importante, come sanno bene coloro che per lavoro seguono i video di questo tipo di udienze – e subito comincia tranquillamente e con voce pacatissima, senza toni aggressivi a dire: «Negli Stati Uniti…». Immediatamente dopo il video si interrompe: la Tv vaticana non divulga infatti le parole private scambiate in occasioni come queste. Ma è comunque evidente che Francesco non è aggressivo, non assale Viganò, non lo rimprovera affatto.

23 giugno 2013  

Viganò ottiene un’udienza privata di circa 40 minuti con il nuovo Papa. L’ex nunzio non racconta di essere stato lui a introdurre – dimostrando finalmente quella preoccupazione fino a quel momento mai manifestata – l’argomento McCarrick. È Francesco, che gli rivolge una domanda sull’ex arcivescovo di Washington. Sull’accaduto ci possiamo affidare soltanto dei ricordi di Viganò, che avrebbe detto al Pontefice: «Santo Padre, non so se lei conosce il card. McCarrick, ma se chiede alla Congregazione per i vescovi c’è un dossier grande così su di lui. Ha corrotto generazioni di seminaristi e di sacerdoti e Papa Benedetto gli ha imposto di ritirarsi ad una vita di preghiera e di penitenza». Il nunzio non produce documenti, non consegna appunti al nuovo Papa. Non gli parla per primo di McCarrick, già da anni in pensione. Si limita a dirgli che c’è un dossier contro di lui presso la Congregazione dei vescovi e che Papa Ratzinger gli avrebbe «imposto» una vita di preghiera e di penitenza. Viganò non racconta di aver aggiunto qualcosa sul fatto che McCarrick non ha obbedito e che Benedetto non è mai più intervenuto per farsi obbedire.

Francesco non reagisce, non nulla, ma nemmeno decide di modificare eventuali decisioni “segreteˮ del predecessore, delle quali fino a quel momento probabilmente nessuno gli aveva mai parlato. E nemmeno dice al nunzio che intende togliere anche formalmente quelle presunte “imposizioniˮ. Secondo Viganò, durante l’udienza Francesco gli avrebbe chiesto un cambiamento di linea rispetto alle ultime nomine episcopali: bisognava designare – questo è il succo – vescovi pastori, non cultural warriors (guerrieri culturali) di destra e politicizzati. L’ex nunzio afferma senza alcuna prova che questa idea sarebbe stata suggerita al Pontefice dallo stesso McCarrick. In realtà Bergoglio da diversi anni la pensa così.

Viganò riceve anche una ulteriore smentita su questo preciso punto da parte dell’ex ambasciatore Usa presso la Santa Sede, Miguel Diaz, nominato nel maggio 2009, il quale in una dichiarazione scritta e firmata si dice sorpreso per aver letto le affermazioni di Viganò a proposito delle parole di Francesco sui vescovi americani: «Perché mi hanno subito fatto venire in mente che durante il mio primo incontro con il nunzio Sambi nella sua residenza a Washington (siamo ancora nel pontificato di Benedetto XVI, ndr)» egli disse che «abbiamo bisogno di vescovi americani che siano meno politici e più pastorali, non cultural warriors». Dunque, secondo questa testimonianza, già negli ultimi anni di Papa Ratzinger l’indicazione che arrivava al nunzio apostolico negli Usa era quella di nominare vescovi pastori. Evidentemente la questione dell’eccessivo collateralismo dell’episcopato nordamericano con certe posizioni politiche e un certo interesse unilaterale soltanto per alcune questioni etiche era già sentita come problematica.

10 ottobre 2013  

Carlo Maria Viganò ottiene una seconda udienza con Papa Francesco. Dell’incontro e degli argomenti trattati l’ex nunzio dice poco nulla nel comunicato, se non che uno dei temi è stato il cardinale Donald Wuerl, nominato nel 2006 da Benedetto XVI arcivescovo di Washington. Viganò non racconta di aver nuovamente allertato il Pontefice sulla questione McCarrick.

Aprile 2014  

A fronte di un nuovo viaggio internazionale di McCarrick, Viganò afferma nel comunicato di aver scritto al Segretario di Stato Pietro Parolin per chiedere se le presunte “sanzioniˮ comminate da Papa Benedetto erano ancora valide. L’ex nunzio afferma di non aver ricevuto risposta.

22 settembre-28 settembre 2015  

Il Papa visita gli Stati Uniti, le città di Washington, New York e Philadelphia. A Washington risiede presso la nunziatura apostolica retta da Viganò. Nella capitale federale nordamericana Francesco fa visita alla Casa delle Piccole sorelle dei poveri, note in tutti gli Stati Uniti per aver iniziato un’azione legale contro l’“Obamacare” del presidente Barack Obama, la riforma sanitaria che le obbliga a garantire servizi contrari agli insegnamenti della morale cattolica. Un gesto di attenzione e vicinanza a chi si batte per il diritto alla libertà di coscienza c’è dunque stato. Le Piccole sorelle dei poveri e la loro battaglia sono note. Ma non si sono trasformate in un simbolo politico e non partecipano a comizi. Ma Viganò chiede a Francesco di incontrare privatamente anche Kim Davis, responsabile dell’Anagrafe di Ashland, nel Kentucky, finita in prigione per essersi rifiutata di rilasciare le licenze per le nozze gay e anche per aver impedito ai suoi sottoposti di farlo. La Davis, appartenente alla congregazione evangelica della “Pietra Dura”, è diventata un simbolo politico e ha sfilato a fianco di diversi candidati repubblicani. Sia il presidente della Conferenza episcopale statunitense, Joseph Kurtz, sia il cardinale arcivescovo di Washington, non sono d’accordo con l’iniziativa. Ma il nunzio procede e la presenta ai collaboratori del Papa. Francesco saluta Kim Davis e la notizia dell’incontro viene divulgata ai media riproponendo le consuete polarizzazioni politiche.

9 ottobre 2015  

Nuova udienza privata di Viganò con Papa Francesco. Il nunzio – in un nuovo comunicato diffusa attraverso i giornalisti amici – afferma oggi di essere stato richiamato d’urgenza a Roma dopo l’infuriare delle polemiche politiche negli Stati Uniti per l’udienza a Kim Davis. Ma dice che durante l’incontro Bergoglio si sarebbe limitato a ringraziarlo per l’organizzazione della visita papale. E conferma che il Pontefice sarebbe stato perfettamente informato su chi aveva di fronte. Anche in questo caso, Viganò viene smentito. La sua ricostruzione è messa infatti in discussione da due testimoni, padre Thomas Rosica e padre Federico Lombardi, quest’ultimo in quel momento ancora direttore della Sala Stampa vaticana. Entrambi hanno attestato per iscritto che il giorno dopo l’udienza papale, Viganò li aveva incontrati insieme nel suo appartamento in Vaticano. E aveva dichiarato loro: «Il Santo Padre nella sua paterna benevolenza mi ha ringraziato per la sua visita negli USA ma mi ha detto che l’ho ingannato nel presentare questa signora a lui nella nunziatura». Lasciando intendere un’evidente carenza di informazioni circa il caso e il disagio per non essere stato adeguatamente informato dal nunzio apostolico. Viganò non ci dice se durante i molteplici incontri avuti con il Papa durante il la sua permanenza negli Usa o durante l’udienza del 9 ottobre successivo, si sia riparlato del caso McCarrick. Tutto lascia pensare che ciò non sia avvenuto, perché se fosse avvenuto l’ex nunzio ne avrebbe parlato nel comunicato (a meno di non ipotizzare un lento dosaggio di indiscrezioni ad orologeria).

12 aprile 2016  

Il Papa accetta le dimissioni di Viganò da nunzio negli Stati Uniti. Da due mesi ha compiuto l’età canonica dei 75 anni (anche se i nunzi apostolici possono ritirarsi già a 70 anni).

2017 

Nei primi mesi dell’anno McCarrick lascia la casa vicina al seminario del Verbo Incarnato, secondo l’arcidiocesi per problemi di salute, e si trasferisce in una casa di riposo gestita da religiose.

20 giugno 2018  

Vengono pubblicati tre comunicati negli Stati Uniti. Il primo è a firma del cardinale Timothy Dolan, arcivescovo di New York, il quale informa di una denuncia per abuso su un minore contro McCarrick all’epoca in cui era sacerdote nella Grande Mela. «Questa è stata la prima segnalazione di una violazione della Carta per la protezione dei bambini e dei giovani mai fatta contro di lui di cui l’arcidiocesi sia a conoscenza», precisa il porporato. Secondo protocollo pubblico in vigore, «i risultati dell’indagine sono stati forniti all’Archdiocesan Review Board, un gruppo di professionisti tra giuristi, esperti di forze dell’ordine, genitori, psicologi, un prete e una religiosa. Il comitato di revisione ha ritenuto le affermazioni credibili e fondate». Contemporaneamente il cardinale Tobin, arcivescovo di Newark, dichiara: «Questa arcidiocesi e la diocesi di Metuchen hanno ricevuto tre accuse di cattiva condotta sessuale con adulti decenni fa; due di queste accuse hanno portato a dei risarcimenti». Infine, pubblica un comunicato anche lo stesso McCarrick, dicendo di non ricordare di aver abusato di un minore. Il cardinale è sospeso da ogni ministero pubblico.

28 luglio 2018  

Papa Francesco accetta le dimissioni di McCarrick dal collegio cardinalizio e gli ordina una vita di penitenza e preghiera. L’arcivescovo emerito di Washington non è più cardinale. «Papa Francesco – si legge nel comunicato vaticano – ne ha accettato le dimissioni da cardinale ed ha disposto la sua sospensione dall’esercizio di qualsiasi ministero pubblico, insieme all’obbligo di rimanere in una casa che gli verrà indicata, per una vita di preghiera e di penitenza, fino a quando le accuse che gli vengono rivolte siano chiarite dal regolare processo canonico».

Giugno-agosto 2018  

L’ex nunzio Viganò prende contatto con il vaticanista del Tg1 Aldo Maria Valli (è lui stesso rivelarlo) e con il vaticanista Marco Tosatti. Quest’ultimo racconta di aver collaborato anche alla stesura e all’editing del testo di Viganò. Rivendica un ruolo nell’operazione anche Timothy Busch, avvocato conservatore, uno degli amministratori del Eternal Word Television Network (Ewtn), che ha ricevuto il comunicato di Viganò. Busch racconta al New York Times che «i responsabili della pubblicazione gli avevano personalmente assicurato: il Papa emerito, Benedetto XVI, ha confermato il racconto dell’arcivescovo Viganò». Notizia che viene smentita dal segretario particolare di Ratzinger, l’arcivescovo Georg Gänswein, il quale la bolla come «fake news!»

26 agosto 2018  

Viene divulgato all’unisono da una rete di media americani e italiani il comunicato Viganò, documento composto da 11 pagine, che accusa Francesco di aver coperto il cardinale abusatore McCarrick e si spinge a chiederne le dimissioni. Viganò coinvolge l’intero entourage di Giovanni Paolo II (tranne il segretario particolare del Papa, Stanislao Dziwisz), ma come abbiamo visto cerca en passant di “salvareˮ Wojtyla descrivendolo come un vecchio incapace di intendere e di volere, scaricando ogni colpa su Sodano. Coinvolge pure l’intero entourage di Benedetto XVI, cercando di “salvareˮ Ratzinger perché questi – venuto a conoscenza del caso – avrebbe punito McCarrick, seppur tardivamente e blandamente, per colpa di Bertone. Com’è stato documentato, Viganò con ogni probabilità esagera la portata di queste “punizioniˮ comminate da Benedetto e mai fatte rispettare da nessuno, in primis il nunzio apostolico negli Usa, cioè Viganò stesso.

Infine, l’ex nunzio accusa l’intero entourage di Francesco: l’attuale Pontefice, l’unico Papa che ha sanzionato pesantemente McCarrick, appare come il vero obiettivo del clamoroso comunicato. Nel testo sono citati in totale 38 tra vescovi, arcivescovi e cardinali. Di tutti questi soltanto uno – l’attuale segretario della Congregazione dei vescovi – ha ottenuto la nomina episcopale durante il pontificato di Papa Francesco. Tutti gli altri sono diventati vescovi durante i pontificati di Paolo VI (soltanto 3), Giovanni Paolo II e Benedetto XVI. Ciò significa che le indagini sul candidato e il necessario processo per la prima nomina a vescovo si sono svolti durante nella quasi totalità dei casi durante i pontificati di Wojtyla e Ratzinger. Inoltre, la grande maggioranza dei cardinali citati da Viganò (in tutto 16) hanno ricevuto la porpora o da Wojtyla o da Ratzinger. Infine, anche i tre cardinali nel mirino dell’ex nunzio perché “reiˮ di essere un po’ meno conservatori rispetto ai loro predecessori – Kevin Farrell (cardinale, prefetto del Dicastero per i laici e la famiglia), Blase Cupich (cardinale arcivescovo di Chicago), William Tobin (cardinale arcivescovo di Newark) – sono tutti divenuti vescovi o arcivescovi con bolle di nomina firmate da san Giovanni Paolo II o da Benedetto XVI. Durante la conferenza stampa sull’aereo che lo riporta a Roma da Dublino, Francesco a una domanda sulle accuse di Viganò, risponde ai giornalisti: «Credo che il comunicato di Viganò parli da sé, e voi avete la maturità professionale per trarre le conclusioni».

26-27-28 agosto 2018  

Alcuni vescovi statunitensi (in tutto 24) a partire dall’arcivescovo di Philadelphia Charles Chaput, pubblicano dichiarazioni – in qualche caso anche con l’ordine di leggerle nelle chiese – per attestare la credibilità di Viganò . Richiedono un’inchiesta sul suo comunicato senza esprimersi sulla clamorosa richiesta di dimissioni avanzata dall’ex nunzio. Interviene immediatamente a sostegno di Viganò anche il cardinale Raymond Leo Burke.

1 settembre 2018  

Benjamin Harnwell, ex politico inglese e presidente del consiglio di fondazione del “Dignitatis Humanae Instituteˮ, difende il cardinale Renato Raffaele Martino, accusato da Viganò di appartenere «alla corrente filo omossessuale favorevole a sovvertire la dottrina cattolica a riguardo dell’omosessualità». Dichiarazioni assurde, secondo Harnwell, per un cardinale come Martino che rappresenta «uno degli indiscussi titani pro-life della Chiesa cattolica nell’ultimo quarto di secolo». Harnwell domanda pubbliche scuse da parte di Viganò per l’accusa che, «fino a quando non verrà presentata alcuna prova contraria», va considerata «come una macchia contro un innocente di 85 anni».

3 settembre 2018  

Nell’omelia della messa a Santa Marta Francesco afferma che di fronte a quanti «cercano solo scandalo» e «divisione» l’unica risposta è il silenzio e la preghiera. Padre Federico Lombardi, già portavoce vaticano, intervistato da Tv2000, definisce l’omelia del Papa «una riflessione che colleghiamo spontaneamente alla situazione di oggi in cui abbiamo un’ondata di accuse estremamente aggressive che mescolano alcuni elementi di verità con tanti elementi di falsità che confondono e soprattutto tendono a creare una situazione di divisione nella Chiesa». «Di fronte a questa situazione – aggiunge Lombardi – il Papa ribadisce la sua intenzione di non rispondere direttamente a queste accuse e di non lasciarsi coinvolgere in una spirale terribile di dispute, contraddizioni violente che non possono portare solo che a ulteriori divisioni e a un profondo male nella Chiesa. Il Papa sceglie di imitare l’atteggiamento di Gesù che si pone ad un livello superiore di pazienza, umiltà e non si lascia coinvolgere sul piano estremamente basso e cattivo delle accuse e contraccuse».

Fonte lastampa.it/Andrea Tornielli

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome