I ragazzi dell’AC a Papa Francesco: sei il nostro capotreno nel viaggio con Gesù!

Bellissime parole lette da una ragazzina dell’Azione Cattolica a Papa Francesco dopo la recita dell’Angelus di questa domenica: ‘Tu sei il nostro capotreno caro Papa, nel viaggio verso Gesù”. Dopo la preghiera mariana il Pontefice ha parlato della Giornata Mondiale della Lebbra che si celebra in questa domenica, ed ha ascoltato la lettera dei giovani dell’Azione Cattolica, presenti in gran numero in piazza San Pietro.

viaggio.vita3

Le parole di Papa Francesco dopo la recita dell’Angelus

Cari fratelli e sorelle,
si celebra oggi la Giornata mondiale dei malati di lebbra. Questa malattia, pur essendo in regresso, purtroppo colpisce ancora soprattutto le persone più povere ed emarginate. È importante mantenere viva la solidarietà con questi fratelli e sorelle, rimasti invalidi a seguito di questo morbo. Ad essi assicuriamo la nostra preghiera e assicuriamo il nostro sostegno a quanti li assistono. Bravi laici, suore e i preti! Saluto con affetto tutti voi, cari pellegrini venuti da diverse parrocchie d’Italia e di altri Paesi, come pure le associazioni e i gruppi. In particolare, saluto gli studenti di Cuenca e quelli di Torreagüera (Spagna). Saluto i fedeli di Taranto, Montesilvano, Macerata, Ercolano e Fasano.

Adesso saluto i ragazzi e le ragazze dell’Azione Cattolica della Diocesi di Roma! Cari ragazzi, anche quest’anno, accompagnati dal Cardinale Vicario e dai vostri Assistenti, siete venuti numerosi al termine della vostra “Carovana della Pace”. Quest’anno la vostra testimonianza di pace, animata dalla fede in Gesù, sarà ancora più gioiosa e consapevole, perché arricchita dal gesto, che avete appena compiuto, del varcare la Porta Santa. Vi incoraggio ad essere strumenti di pace e di misericordia tra i vostri coetanei! Ascoltiamo ora il messaggio che i vostri amici, qui accanto a me, ci leggeranno.

viaggio.vita2

Dopo la lettura del messaggio dei ragazzi, affacciati con lui alla finestra del Papazzo Apostolico, Papa Francesco ha concluso l’appuntamento della domenica con queste parole:

E ora i ragazzi in piazza lanceranno i palloncini, simbolo di pace. A tutti auguro buona domenica e buon pranzo. E per favore non dimenticatevi di pregare per me. Arrivederci!




di Francesco Rossi per la Redazione Papaboys

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome