Home Speciali L'altro Mondiale I giocatori dell'Algeria donano i soldi del Mondiale ai bambini di Gaza

I giocatori dell’Algeria donano i soldi del Mondiale ai bambini di Gaza

C_4_articolo_2055081__ImageGallery__imageGalleryItem_11_image - CopiaL’ALTRO MUNDIAL – Accolti in patria come veri e propri eroi (nella foto su uno scassatissimo pulman a festeggiare in mezzo alle strade ndr) i giocatori dell’Algeria hanno deciso di devolvere il loro premio per essere arrivati agli ottavi ai bambini di Gaza.

L’annuncio è stato dato dall’attaccamte Islam Slimani sulla sua pagina Facebook: “Loro ne hanno più bisogno di noi”, ha spiegato.

L’Algeria, che ha entusiasmato per il bel calcio ai Mondiali prima di essere sconfitta ai supplementari dalla Germania, donerà ai piccoli di Gaza 9 milioni di dollari. La nazionale algerina ha giocato un campionato storico, qualificandosi per la prima volta agli ottavi di finale. Nel suo girone è arrivata seconda sconfiggendo la Corea, pareggiando con la Russia e perdendo contro il Belgio.

Agli ottavi ha perso con la Germania il 30 giugno pur giocando un ottima partita. La squadra tedesca ha vinto ai tempi supplementari per 2 a 1. L’Algeria è stata l’ultima squadra africana a lasciare i Mondiali. di Francesco Rossi / Redazione Papaboys

 

..

Sostieni Papaboys 3.0

Anche se l’emergenza Coronavirus rende difficile il lavoro per tutti, abbiamo attivato a nostre spese la modalità di smart working (lavoro da remoto) per stare vicino ad ognuno di voi, senza avere limitazioni di pubblicazione, con informazione e speranza, come ogni giorno, da 10 anni. CI PUOI DARE UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,875FansLike
17,047FollowersFollow
9,597FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

Preghiera molto potente per i casi impossibili a San Giuda Taddeo...

San Giuda, Apostolo glorioso fedele servo e amico di Gesù! Il nome del traditore è causa che molti ti dimentichino, ma la Chiesa ti...