Home News Finis Mundi «I Boko Haram ci frustavano ogni giorno. Volevano convertirci all’islam»

«I Boko Haram ci frustavano ogni giorno. Volevano convertirci all’islam»

«Quando Boko Haram ha trucidato nove persone davanti ai miei occhi ho deciso di abbandonare il mio villaggio». Rachel Daviguidam, 30 anni, madre di sette figli, ricorda ancora il giorno in cui i terroristi islamici hanno invaso nel settembre scorso il suo villaggio, Golvadi, che si trova nella regione dell’Estremo nord del Camerun.

boko-haram-nigeria-sfollati-ansa-ap

200 MILA IN FUGA. L’area al confine della Nigeria è una delle più colpite da Boko Haram, che dal 2009 ha massacrato oltre 20 mila persone. Da un anno, Rachel insieme al marito e ai figli vive a Koza, piccola città circondata dalle montagne a 100 chilometri dal capoluogo della regione, Maroua. Altre 200 mila persone, solo nella regione dell’Estremo nord, sono dovute scappare per lo stesso motivo e molte si sono rifugiate a Koza.
«VITA INTOLLERABILE». Qui ogni famiglia riceve dalla Croce rossa un pacco con 50 chilo di riso, 25 di farina, 25 di piselli, 10 litri di olio e un chilo di sale. Altrimenti morirebbero tutti di fame. «Scappando dal villaggio, si sono lasciati alle spalle sia le case che i campi, unico loro mezzo di sostentamento», spiega un volontario, Ibrahim Dit Falke, al giornale nigeriano Vanguard. Ma vivere in un campo per sfollati è sempre meglio che subire gli attentati di Boko Haram. «La vita era diventata intollerabile a Golvadi», parla Rachel mentre culla l’ultimo figlio di tre mesi.
«VOLEVANO CONVERTIRCI ALL’ISLAM». Prima di settembre, «per tre mesi di fila i terroristi sono entrati in casa mia per frustare me e i miei figli». Il motivo è semplice: «Siamo i cristiani, ma loro ci chiamavano “pagani” e insistevano che ci convertissimo all’islam. Ma noi ci siamo sempre rifiutati». In principio, i jihadisti «perseguitavano solo i cristiani. Ma presto hanno cominciato a colpire tutti, anche i musulmani».

PERDERE I FIGLI. Di fianco a Rachel vivono altri sfollati. Tutti hanno visto le stesse scene di orrore e sangue. «Sono rimasto traumatizzato e non dormo la notte», ricorda Yauba Sumbi. «Ho visto gente morire, persone sgozzate. Non riesco a superarlo». È scappato nel 2014 da Amchide, al confine con la Nigeria, con sua moglie e i suoi figli. Ma non tutti: «I Boko Haram sono arrivati all’improvviso sparando. Siamo dovuti scappare all’improvviso, nascondendoci nei boschi, camminando così tre giorni e tre notti. Due miei figli erano con noi, ma gli altri cinque non hanno fatto in tempo a fuggire. Non so se siano vivi o morti, in Nigeria o in Camerun. Solo Dio lo sa».

boko-haram-nigeria-camerun-ansa-ap




BOKO HARAM. Per quanto siano indeboliti e abbiano dovuto abbandonare il progetto di costruire un califfato islamico nel nord della Nigeria, i jihadisti continuano ad essere attivi sul territorio. Domenica hanno giustiziato con un colpo in testa otto cristiani di ritorno dalla chiesa nel villaggio di Kwamjilari, vicino a Chibok, dove sono state rapite circa 300 studentesse cristiane nel 2014. Lunedì invece hanno ucciso sei civili e tre soldati a pochi chilometri da Maiduguri, la città più importante del nord del paese.





Redazione Papaboys (Fonte «Boko Haram voleva convertirci all’islam» | Tempi.it)

Sostieni Papaboys 3.0

Anche se l’emergenza Coronavirus rende difficile il lavoro per tutti, abbiamo attivato a nostre spese la modalità di smart working (lavoro da remoto) per stare vicino ad ognuno di voi, senza avere limitazioni di pubblicazione, con informazione e speranza, come ogni giorno, da 10 anni. CI PUOI DARE UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,879FansLike
17,189FollowersFollow
9,617FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

Star Usa in quarantena dalle pulizie alla meditazione. C'è chi medita e offre discorsi motivazionali, chi si confronta via web con gli amici, chi fa musica per rilassarsi, chi cucina, pulisce, legge favole o regala danze scatenate. Sono tanti i divi internazionali che stanno offrendo uno sguardo via social (al di là appelli per il rispetto delle misure precauzionali, sostegno al personale sanitario e alle persone in difficoltà, mini concerti) su come stiano vivendo in casa il lockdown per l'emergenza coronavirus: da Julianne Moore a Will Smith, da Madonna a Matthew McConaughey. Tra chi si sta dando particolarmente da fare c'è Miley Cyrus che per questi giorni di auto quarantena tiene su Instagram un talk show, Bright Minded «per restare 'accesì (nel senso di positivi, ndr) in questi giorni oscuri» nel quale insieme a vari ospiti/amici come Elton John, Selena Gomez (che proprio con lei ha parlato del suo disturbo bipolare) e il compagno, anche lui cantante, Cody Simpson. Anche Will Smith ha pensato a una nuova serie casalinga, Will from home, realizzata per Snapchat e ambientata nel suo garage/sala relax. Madonna tiene un videodiario denso di riflessioni, arricchito anche dalla vivace partecipazione dei figli adottivi in casa con lei. Punta sullo humour Glenn Close, dalle battaglie a backgammon con la sorella a uno dei nuovi hobby di creare e dipingere buffi piccoli mostri. Si rilassa invece con una delle sue passioni e talenti, Anthony Hopkins che suona il piano con il suo gatto Niblo come spettatore.

Coronavirus negli Stati Uniti, le ore più difficili: “Sarà come l’11...

Coronavirus negli Stati Uniti, si allarga l'incubo del Covid-19 in tutto il Paese. Una situazione sintetizzata dal capo del servizio sanitario pubblico degli Jerome...