Pubblicità
HomeNewsTerra Sancta et OriensHamas: intifada fino a liberazione Palestina. Kerry: 'basta violenza'

Hamas: intifada fino a liberazione Palestina. Kerry: ‘basta violenza’

Continua il confronto aspro tra Israele e Francia riguardo la presenza internazionale sulla Spianata delle Moschee, avanzata da Parigi ma avversata dagli Stati Uniti. Intanto nonostante le richieste, specie da parte americana, di porre fine alla spirale di “violenza senza senso”, le provocazioni reciproche non si fermano. Il servizio di Gabriella Ceraso:

Israele

“Questa intifada continuera’ fino alla liberazione di Gerusalemme, della Cisgiordania e della intera Palestina. La sosterremo col lavoro e col sangue”. Così la dirigenza di Hamas, che, soffiando sul fuoco della tensione già alta, attraverso un sito web a Gaza, incita i palestinesi all’azione armata “in risposta a quanto fanno”, dice,“i sionisti”. Il richiamo sarebbe anche agli attacchi suicidi, come apprende e rilancia la radio israeliana. Intanto il governo di Netanyahu è alle prese con una serie di decisioni difficili. In un confronto duro è stato ribadito alla Francia il rifiuto di una presenza multinazionale a garanzia della Spianata delle Moschee a Gerusalemme, dove è stabilito che non si erigano più muri tra quartieri, segno di paura e di ripartizione, si è detto, della Citta’ Santa che Israele rivendica “indivisibile”. I ministri hanno chiesto però maggiore difesa per case e scuole, ottenendo il divieto per tutti gli operai, di entrare durante gli orari di lezione. Intanto si aggrava il bilancio dell’attentato di ieri alla stazione di Beersheva: i morti sono tre, perchè oltre l’attentatore e un soldato israeliano, non ce l’ha fatta l’immigrato eritreo colpito dalle forze di sicurezza e poi linciato dalla gente, episodio su cui è stata aperta un’indagine. La diplomazia è sempre a lavoro: oggi da Madrid il segretario di Stato Usa Kerry che incontrerà in settimana entrambe le parti in conflitto, è tornato a dire il suo “basta a violenza senza senso”.

Sulle ultime dichiarazioni di Kerry e sull’aggravarsi della situazione nella regione, Giada Aquilino ha intervistato Ugo Tramballi, editorialista ed analista di questioni mediorientali:

R. – Eventualmente, gli americani possono tentare di esprimere una tattica, ma non certo una strategia a lungo termine, non solo perché tra un anno ci saranno nuove elezioni – è già cominciata la campagna elettorale – ma anche perché tutta l’iniziativa di pace fatta da John Kerry è stata appunto una iniziativa soltanto sua, cioè del segretario di Stato. La conseguenza è quello che stiamo vedendo appunto in Cisgiordania e a Gerusalemme.

D. – I contatti di Kerry con israeliani e palestinesi, per un vertice che si era detto a tre, a che punto sono? Netanyahu ha anticipato una possibile cancellazione dell’incontro…

R. – Comunque, non sarebbe stato un incontro a tre, anche se era logico pensare che questo fosse non certo la soluzione, ma quanto meno un tentativo per fermare l’escalation di ciò che sta accadendo. Sarebbe comunque stato un incontro separato. E adesso – si sa, ma non è certo – che Kerry giovedì o venerdì incontrerà Netanyahu in Germania. Dopodiché, volerà in Giordania, ad Amman, dove incontrerà Abu Mazen e il re Abdallah, che comunque è storicamente una parte in causa della questione. Però, sembra che Netanyahu non voglia neanche incontrare Kerry in Germania, quando invece sarebbe proprio solo il dialogo il primo tentativo serio per cercare di fermare la violenza. Ed è possibile fermarla, perché non è una Intifada – e per “Intifada” intendo una vera rivolta nazionale, popolare, come ad un certo punto furono sia la prima sia la seconda – ma è ancora qualcosa di incomprensibile: è una rivolta giovanile che non è seguita non solo dall’Autorità nazionale palestinese, ma persino da Hamas. Quindi, c’è ancora il tempo per una soluzione ma attraverso quel dialogo politico che Netanyahu e il suo governo di destra, destra-centro, non intende aprire.

D. – Le ultime notizie, però, parlano di una cellula del movimento islamico palestinese di Hamas ad Hebron che avrebbe detto ai suoi miliziani di sferrare attentati kamikaze nella zona di Hebron e di Nablus, in Cisgiordania…

R. – Questo è sempre possibile, anche perché, diversamente ad esempio da Hezbollah in Libano, il movimento sciita libanese – che è un’organizzazione monolitica, ben strutturata, a struttura piramidale con un vertice, Hamas – ha innanzitutto un’ala politica da una parte e un’ala militare, molto più interventista, dall’altra. E inoltre stanno crescendo dentro casa elementi di fondamentalismo religioso – un islam militarista – che si richiama sempre di più, oltre ad Al Qaeda, anche all’Is.

D. – Le polemiche riguardo alle barriere rimovibili a Gerusalemme, come quella appena eretta tra un quartiere arabo e uno ebraico: Netanyahu ha ordinato lo stop ad altri muri simili. Che decisione è questa?

R. – Con questi muri temporanei, la gente cerca in qualche modo di difendersi nell’attesa che il governo prenda la decisione di riavviare il dialogo con i palestinesi: ma non solo un dialogo per fermare questa rivolta, bensì un dialogo di pace, definitivo, che quanto meno offra una prospettiva ai giovani. Il fatto che Netanyahu sia scettico sul voler moltiplicare queste barriere è una questione politica: nel momento in cui si eleva un muro, si riconosce che dall’altra parte non c’è la “tua” gente e sarebbe come implicitamente riconoscere ciò che tutti noi sappiamo – che chiunque sia mai stato a Gerusalemme sa – e cioè che questa è una città divisa da sempre e che esiste una Gerusalemme est araba e una ovest ebraica.

Redazione Papaboys (Fonte it.radiovaticana.va)

Sostieni Papaboys 3.0

0
Dettagli Fatturazione

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

306,126FansLike
20,918FollowersFollow
9,929FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

Da Lunedì le Regioni cambiano di nuovo colore: ecco cosa ci aspetta

Da Lunedì le Regioni cambiano di nuovo colore: ecco cosa ci...

Cambiano nuovamente i colori delle Regioni italiane Dal 12 aprile 2021 cambieranno di nuovo i colori per le Regioni italiane. Zona arancione: Piemonte, Emilia Romagna, Lombardia, Lazio,...