Home News Res Publica et Societas Governo. La crisi politica è in atto, ma non è ancora una...

Governo. La crisi politica è in atto, ma non è ancora una crisi formale

La crisi politica è in atto, ma non è una crisi formale

(Fonte avvenire.it) Sono questi i tre pilastri a cui appigliarci per provare a prevedere tempi e modi della crisi:

  • La crisi politica è in atto, ma non è ancora una crisi formale perché il premier Giuseppe Conte non si è dimesso e non sono fissate alle Camere mozioni di sfiducia contro il governo, né Matteo Renzi, per ora, ha annunciato questo passo.
  • L’esecutivo è nel pieno delle sue funzioni. Il premier nelle prossime ore assumerà l’interim delle due ministre di Italia Viva dimissionarie o le sostituirà, e con la squadra di governo in carica compirà i prossimi atti, a partire dallo scostamento di bilancio.
  • Italia Viva ha assicurato il proprio sì in Aula allo scostamento di bilancio e al futuro decreto-ristori, qualsiasi sia il governo che varerà il provvedimento.

LEGGI ANCHE: Coronavirus. Emergenza prorogata fino ad Aprile e mezza Italia diventa arancione

Il perno, in particolare, diventa lo scostamento di bilancio. Il Consiglio dei ministri dovrebbe vararlo domani. Il punto è cosa accadrà dopo il varo dello scostamento di bilancio da parte del Cdm. Probabile che il voto parlamentare di ratifica sia messo subito in calendario, scavalcando tutti gli altri provvedimenti. Ma ciò vuol dire che ci vorrà qualche giorno di tempo. L’esame parlamentare dello scostamento potrebbe avvenire la settimana prossima, e dopo questo passaggio si aprirebbe la crisi formale.

Giuseppe Conte e la crisi politica
Giuseppe Conte e la crisi politica

Dopo lo scostamento, Conte avrebbe a disposizione, sostanzialmente, tre strade:

– la prima, approvato il nuovo deficit, è quella di consegnare le proprie dimissioni al Quirinale, constatando la fine dell’attuale maggioranza. Il presidente della Repubblica potrebbe accogliere le dimissioni e quindi aprire le consultuazioni con i partiti oppure congelarle, chiedendo a Conte di andare a verificare i numeri in Aula. Questa seconda opzione dipende dal quadro che dipingerà il premier: se Conte affermerà di avere a proprio sostegno una maggioranza numerica e politica solida, avrà la chance di verificarlo alle Camere.

– la seconda strada – sempre dopo il varo del nuovo deficit – è quello della “conta” in Aula. Il premier, cioè, andrebbe dritto alle Camere a verificare se ha ancora la fiducia, sfidando apertamente Matteo Renzi. Potrebbe uscirne vincitore, grazie a una pattuglia di “responsabili” che avrebbe avuto il modo di compattarsi e darsi un’identità anche politica. O potrebbe uscirne sconfitto. In tal caso il pallino tornerebbe tra le mani del Quirinale.

– la terza strada – una via di mezzo – prevede che dopo lo scostamento di bilancio Conte torni in Aula – in particolare al Senato, dove i numeri sono più fragili – per fare delle comunicazioni sulla situazione politica. Una circostanza che gli consentirebbe di capire come sono posizionate le truppe. A seguire, il premier potrebbe salire al Colle con le proprie dimissioni. (di M. las)

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

306,044FansLike
20,431FollowersFollow
9,829FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

Italia a colori, si ricambia. Ecco la suddivisione delle zone al prossimo, ennesimo, giro. Le regioni che rischiano

Zona arancione o gialla, cambiano colore Veneto, Friuli, Marche, Sardegna e...

Zona gialla, zona arancione, zona rossa o addirittura rosso scuro? È il tormento delle regioni italiane in tempo di pandemia da Covid-19. L'ultima nata delle...