Pubblicità
HomeNewsRes Publica et SocietasGiulio Regeni, i documenti e gli oggetti, dopo anni, nelle mani degli...

Giulio Regeni, i documenti e gli oggetti, dopo anni, nelle mani degli investigatori italiani

Il passaporto e due documenti di riconoscimento universitari. Materiale di Giulio Regeni, il ricercatore sequestrato e ucciso al Cairo nel 2016, ora in possesso degli inquirenti italiani che da anni, senza poche difficoltà, stanno cercando la verità sulla tragica morte del giovane friulano.

Nelle scorse ore le autorità egiziane hanno dato il via libera all’invio in Italia di una serie di documenti ed oggetti. Un colpo di scena che arriva a pochi giorni dall’incontro tra le procure di Roma e del Cairo che è si terrà il prossimo prossimo primo luglio in videoconferenza. Il materiale giunto dall’Egitto è quello di cui fu trovato in possesso la banda di cinque «criminali comuni» uccisi nella capitale egiziana il 24 marzo di quattro anni fa.

I cinque furono fatti passare dalle autorità locali come gli autori dell’omicidio di Regeni, in quello che per gli investigatori italiani è stato, invece, un tentativo di depistaggio. Un mossa per avvalorare altri moventi dietro l’omicidio, anche quello legato ad una rapina finita male o al movente sessuale. Gli oggetti arrivati in Italia sono quelli mostrati in alcune foto dopo il blitz ai danni dei cinque malviventi: il passaporto di Giulio, le tessere di riconoscimento dell’università di Cambridge e dell’università americana del Cairo.

giulio-regeni
giulio-regeni

E ancora: un marsupio rosso con lo scudetto dell’Italia, alcuni occhiali da sole (di cui due modelli da donna), un cellulare, un pezzo di hashish, un orologio, un bancomat e due borselli neri di cui uno con la scritta Love.

In passato i genitori di Giulio, assisti dall’avvocato Alessandra Ballerini, hanno compiuto una perizia sulle foto da cui è emerso che solo i documenti di riconoscimento sono del ricercatore mentre l’altro materiale, come ad esempio gli occhiali da donna e la droga, è stata ritenuta forse funzionale ad avvalorare false piste per insabbiare la verità e depistare le indagini. Non è escluso che i genitori di Giulio Regeni vengano convocati a breve per effettuare un nuovo riconoscimento degli oggetti giunti dal Cairo nelle scorse ore. Nei giorni scorsi sul punto Claudio e Paola Regeni, genitori del ricercatore, non avevano utilizzato mezze parole.

PUOI LEGGERE ANCHE:

Sostieni Papaboys 3.0

0
Dettagli Fatturazione

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

306,125FansLike
20,918FollowersFollow
9,932FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

Giovanni Paolo II: il papa devoto alla Divina Misericordia 

Devoti a Giovanni Paolo II: la supplica di affidamento alla Divina...

Giovanni Paolo II: il papa devoto alla Divina Misericordia Giovanni Paolo II, il papa polacco che ha cambiato la storia del mondo intero... "L'amore vero...