Home News Humanitas et Web Giovedì 13 agosto - Aiutami a fermare il cuore sulla parola fratello

Giovedì 13 agosto – Aiutami a fermare il cuore sulla parola fratello

Giovedì 13 agosto - Aiutami a fermare il cuore sulla parola fratelloIn quel tempo Pietro si avvicinò a Gesù e gli disse: «Signore, quante volte dovrò perdonare al mio fratello, se pecca contro di me? Fino a sette volte?». E Gesù gli rispose: «Non ti dico fino a sette, ma fino a settanta volte sette. A proposito, il regno dei cieli è simile a un re che volle fare i conti con i suoi servi. Incominciati i conti, gli fu presentato uno che gli era debitore di diecimila talenti. Non avendo però costui il denaro da restituire, il padrone ordinò che fosse venduto lui con la moglie, con i figli e con quanto possedeva, e saldasse così il debito. Allora quel servo, gettatosi a terra, lo supplicava: Signore, abbi pazienza con me e ti restituirò ogni cosa. Impietositosi del servo, il padrone lo lasciò andare e gli condonò il debito. Appena uscito, quel servo trovò un altro servo come lui che gli doveva cento denari e, afferratolo, lo soffocava e diceva: Paga quel che devi! Il suo compagno, gettatosi a terra, lo supplicava dicendo: Abbi pazienza con me e ti rifonderò il debito. Ma egli non volle esaudirlo, andò e lo fece gettare in carcere, fino a che non avesse pagato il debito. Visto quel che accadeva, gli altri servi furono addolorati e andarono a riferire al loro padrone tutto l’accaduto. Allora il padrone fece chiamare quell’uomo e gli disse: Servo malvagio, io ti ho condonato tutto il debito perché mi hai pregato. Non dovevi forse anche tu aver pietà del tuo compagno, così come io ho avuto pietà di te? E, sdegnato, il padrone lo diede in mano agli aguzzini, finché non gli avesse restituito tutto il dovuto. Così anche il mio Padre celeste farà a ciascuno di voi, se non perdonerete di cuore al vostro fratello». Terminati questi discorsi, Gesù partì dalla Galilea e andò nel territorio della Giudea, al di là del Giordano. Matteo 18,21-35.19,1

Se mio fratello commette colpe contro di me.
Aiutami.
Aiutami a fermare il cuore sulla parola fratello.
Aiutami a contare l’amore.
E non a contare le colpe.
Se c’è amore i conti saltano.
Aiutami.

Abbi pazienza con le mie lunghe colpe e con la mia memoria corta.
Abbi pazienza con il mio cuore pronto a prendere e lento a dare.
Abbi pazienza con la mia finta umiltà da servo e il mio orgoglio da padrone.
Abbi pazienza della mia bocca generosa di preghiere per salvarmi e delle mie orecchie sorde e avare per le preghiere altrui.
Abbi pazienza e pietà di me.

Non so amare.
Desidero l’amore ma non so amare.

Di Don Mauro Leonardi

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,853FansLike
19,428FollowersFollow
9,782FollowersFollow
2,330SubscribersSubscribe

News recenti

Vangelo di oggi, 25 Ottobre 2020

Vangelo. Lettura e Commento alla Parola di Domenica, 25 Ottobre 2020

Vangelo del giorno - Domenica, 25 Ottobre 2020 Lettura e commento al Vangelo di oggi, 25 Ottobre 2020 - Mt 22,34-40 "Amerai il Signore tuo Dio,...