Giovedì 12 marzo – Solo l’amore scaccia il male

Giovedì 12 marzo – Solo l’amore scaccia il maleIn quel tempo, Gesù stava scacciando un demonio che era muto. Uscito il demonio, il muto cominciò a parlare e le folle rimasero meravigliate. Ma alcuni dissero: «E’ in nome di Beelzebùl, capo dei demòni, che egli scaccia i demòni». Altri poi, per metterlo alla prova, gli domandavano un segno dal cielo. Egli, conoscendo i loro pensieri, disse: «Ogni regno diviso in se stesso va in rovina e una casa cade sull’altra. Ora, se anche satana è diviso in se stesso, come potrà stare in piedi il suo regno? Voi dite che io scaccio i demòni in nome di Beelzebùl. Ma se io scaccio i demòni in nome di Beelzebùl, i vostri discepoli in nome di chi li scacciano? Perciò essi stessi saranno i vostri giudici. Se invece io scaccio i demòni con il dito di Dio, è dunque giunto a voi il regno di Dio. Quando un uomo forte, bene armato, fa la guardia al suo palazzo, tutti i suoi beni stanno al sicuro. Ma se arriva uno più forte di lui e lo vince, gli strappa via l’armatura nella quale confidava e ne distribuisce il bottino. Chi non è con me, è contro di me; e chi non raccoglie con me, disperde. Luca 11,14-23

Il demonio non sempre fa rumore
Sa anche tacere.
Sa anche chiudere la bocca. La sua e la mia.
Ma anche da muto.
Ma anche senza rumore.
Tu lo scovi.
Tu lo scacci.
Con te sono al sicuro.
Se ci sei tu.
Non c’è il demonio.
Con te sono al sicuro.

No.
Non scaccia i demoni con la forza del capo.
Non scaccia i demoni perché è demone.
Solo l’amore scaccia, cancella, elimina, il male.
Solo la forza della sua parola, della sua vita, basta.
Basta vivere per vincere la morte.
Basta amare per vincere l’odio.
Basta parlare per vincere il silenzio.
Basti tu per vincere il demonio.

Basta un dito di Dio.
Basta una briciola d’amore.
E il demonio fugge.
E l’odio perde.
Basta una fessura a dividere.
E tutto cade in rovina.
Dove c’è il demonio, i regni cadono, tutto è diviso.
Basta una fessura.
Dove ci sei tu, amore mio.
Dove ci sei tu, c’è Dio.
E con un dito mi apre la bocca.
E con un dito raddrizza la mia casa.
La mia vita.
E con un dito mi rimetti in piedi.
Amore mio giudica tu la mia vita.
Sei tu il regno che aspettavo.

Non voglio armarmi.
Nessun’arma.
Nessuna forza.
Può difendermi dal demonio e dal suo regno.
Sono tanti.
Sono forti.
Non è con la forza che li fermerò.
Non è con le guardie, con le armi.
Che li fermerò.
Voglio te.
Unita a te.
Con te dentro.
Unita a te.
Con te intorno a me.
Come roccia.
Come cinta.
Non disperderò nulla.
Non perderò nulla.
La forza di un abbraccio.
Fermerà.
Caccerà.
Ogni male.

Esiste una sola casa.
Che non cade.
Esiste un solo regno.
Che non va in rovina.
È retto da un dito.
È protetto da una carezza. Il dito di Dio.
La carezza di Dio.
La tua presenza.
Voglio quella casa.
Voglio quel regno.
Voglio te.
Sei tu il segno.
Sei tu il cielo.

Di Don Mauro Leonardi

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome