Pubblicità
HomeNewsItaliae et EcclesiaSan Gennaro, perché il sangue si scioglie?

San Gennaro, perché il sangue si scioglie?

Alle 10.38 si è rinnovato, nella cattedrale di Napoli, l’evento della liquefazione del sangue di San Gennaro. Nell’ampolla tenuta in mano dall’arcivescovo della città, card. Crescenzio Sepe, il sangue si è sciolto come accade ogni anno nel giorno della celebrazione della festività del santo patrono partenopeo e campano. Prodigio salutato dallo sventolio di un fazzoletto bianco. Il sangue era già sciolto quando il card. Sepe ha portato sull’altare maggiore del Duomo le sacre ampolle, ma il presule ha dato l’annuncio tanto atteso soltanto a celebrazione eucaristica iniziata.
.

.
La criminalità organizzata è le piaga più purulenta da estirpare
All’omelia della Messa per la festività di san Gennaro – riferisce l’agenzia Adnkronos – il card. Sepe ha detto che “I mercanti di morte e i meschini professionisti della violenza non prevarranno sulla dignità, la pace e la civile convivenza del nostro popolo, e dovranno arrendersi dinanzi a quegli uomini di buona volontà che lavorano ogni giorno per mantenere viva la speranza di un futuro migliore”. La camorra, la criminalità organizzata, “è la piaga più purulenta da estirpare – ha aggiunto – perché capace di contaminare e offendere un corpo già debole e provato”. Di fronte a “chi pugnala Napoli alle spalle”, ha proseguito il cardinale, “c’è chi continua ad amarla senza riserve con onestà, con civismo, col tendere la mano a chi è nel bisogno, col guardare con rispetto, per non sciuparle, le bellezze che ci circondano”.

La mancanza di lavoro è la causa più grave delle diseguaglianze
La mancanza di lavoro “è la piaga più grave e causa principale delle diseguaglianze” ha sottolineato il card. Crescenzio Sepe, La Chiesa di Napoli, ha spiegato, “si sente fortemente interpellata a calarsi nella realtà esistenziale della sua gente, che sta vivendo un momento difficile”. Così facendo “succede di constatare che non tutti possono beneficiare delle stesse opportunità di crescita sociale, per cui accanto ai più fortunati convivono sacche di poveri”. Proprio la mancanza di lavoro “è la causa più grave di queste diseguaglianze, ed è emblematico vedere le saracinesche abbassate di tanti negozi, costretti a chiudere mostrando un panorama avvilente in molte zone della città”.

Non ammainare la bandiera della speranza
“C’è bisogno di avere della città una visione complessiva e alta, pensando al suo futuro oltre alle emergenze. Napoli – ha aggiunto il porporato – non ha mai fatto mancare vento alla bandiera della speranza, è questa la bandiera che innalziamo come segno e presenza di una Chiesa che è chiamata dal suo divino fondatore non a esercitare il mestiere del fare, quanto invece quello del dare”.

MA PERCHE’ IL SANGUE SI SCIOGLIE?

Negli anni tanti studi, più o meno scientifici, hanno cercato di svelare il ‘mistero’ della liquefazione – E’ il giorno del miracolo di San Gennaro. A Napoli, fedeli e non solo, attendono il rinnovarsi del miracolo dello scioglimento del sangue del Santo.

download

Una tradizione iniziata nel lontano nel 1389 e che si ripete secondo cadenze regolari tre volte l’anno (il sabato precedente la prima domenica di maggio; il 19 settembre e il 16 dicembre). E nel giorno del miracolo, il sangue contenuto in due ampolle custodite al Duomo, si scioglie e ritorna nuovamente liquido. Per i napoletani, laliquefazione è segno di buon auspicio e quando viene a mancare è interpretato come profezia di imminenti sventure.

Ma perché il sangue di San Gennaro si scioglie? Nel corso degli anni tanti studi, più o meno scientifici e tante teorie si sono susseguite.

LA CHIESA – La Chiesa ha da sempre adottato una posizione molto prudente, sostenendo che non ci sono prove che il sangue di quelle ampolle appartenga effettivamente al Santo e che non ci sono abbastanza elementi né per dimostrare né per escludere che il fenomeno abbia spiegazioni fisiche. Secondo l’Uccr (Unione Cristiani Cattolici Razionali) quello della liquefazione non è mai stato considerato un ‘miracolo’ da parte della Chiesa cattolica, qualcuno ha parlato piuttosto di prodigio.

LA SCIENZA – Tra gli scettici invece, compresi alcuni studiosi del Cicap(Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sulle Pseudoscienze), era dominante l’ipotesi per cui alla base della liquefazioni ci fosse la tissopria (la capacità di alcuni fluidi quasi solidificati di passare, se opportunamente agitati, allo stato liquido). E anche l’astrofisica Margherita Hack, tra i fondatori del Cicap, ribadì che si tratterebbe “solo una reazione chimica”.
La teoria però è stata smontata negli anni: infatti oggi non ci sono dubbi sul fatto che nelle due ampolle ci sia del sangue. La conferma arrivò già nel 1902 grazie ad alcuni scienziati, e ulteriori conferme si susseguirono negli anni, fino all’ultima avuta nel 2010.

download-1




Ma tutte le teorie circolate negli anni non hanno mai sconfortato i credenti, che vivono l’evento come un mix di religiosità, supertistione e anche tradizione.

di Redazione Papaboys /Fonti: Quotidiano.net-AdnKronos-RadioVaticana

Informazioni sulla Donazione

Vorrei fare una donazione del valore di :

€100€50€10Altri

Vorrei che questa donazione fosse ripetuta ogni mese

Informazioni sulla donazione

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

306,154FansLike
20,918FollowersFollow
9,946FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

La breve supplica che puoi recitare ogni Venerdì

Oggi è Venerdì: la breve supplica da recitare nel giorno in...

+ La breve supplica che puoi recitare ogni Venerdì + Il Venerdì è il giorno in cui Gesù ha sofferto per la salvezza delle nostre...