Home News Terra Sancta et Oriens Gaza, oltre 450 bambini uccisi negli ultimi attacchi aerei. 4.500 nati a...

Gaza, oltre 450 bambini uccisi negli ultimi attacchi aerei. 4.500 nati a luglio

Lo fa sapere l’Unicef, che in occasione della tregua ha potuto portare aiuti salva-vita alla popolazione. “Insieme ai partner stiamo fornendo assistenza di base e sostegno, ma i bisogni dei bambini sono immensi”

Gaza




Solo nel mese di luglio, oltre 4.500 bambini sono nati a Gaza, più di 450 minori sono stati uccisi negli ultimi attacchi aerei e bombardamenti, mentre quasi 3 mila sono stati feriti e circa 50 mila sono senza tetto. Sono le cifre diffuse da Unicef, che in occasione del cessate il fuoco ha potuto portare aiuti salva-vita alla popolazione di Gaza. 

“Questo conflitto  ha avuto un impatto devastante sui bambini, che costituiscono la metà della popolazione di Gaza. Insieme ai partner stiamo fornendo assistenza di base e sostegno, ma i bisogni dei bambini sono immensi”, riferisce il vicedirettore generale dell’Unicef Yoka Brandt, che ha compiuto una missione a Gaza all’inizio di questa settimana insieme a Maria Calivis, direttore regionale Unicef per il Medio Oriente e il Nord Africa, e June Kunugi, rappresentante Unicef, per incontrare i 16 membri del Field Office Unicef di Gaza. “L’Unicef, insieme ai nostri partner, è impegnato a raggiungere il maggior numero di bambini. E possiamo farlo se gli operatori umanitari possono ottenere lo spazio umanitario di  cui abbiamo bisogno – ha dichiarato Maria Calivis – Solo nel mese di luglio oltre 4.500 bambini sono nati a Gaza. Per il bene di questi bambini e per il bene di tutti i bambini, esortiamo tutte le parti in conflitto a proteggere i bambini da ulteriori violenze, e  a trovare modi per raggiungere una pace duratura:una pace che protegga l’infanzia”. 

In questi giorni, la tregua militare ha permesso a squadre di tecnici sostenuti dall’Unicef di  iniziare a riparare le infrastrutture critiche danneggiate da attacchi aerei e bombardamenti, compresi acquedotti e sistemi sanitari. Fino a 110 mila persone sono state dotate di acqua potabile e kit per l’igiene, mentre gli ospedali e le strutture sanitarie sono state rifornite di medicine e attrezzature. In sei rifugi per gli sfollati sono stati creati spazi sicuri a misura di bambino e circa 6 mila bambini traumatizzati hanno ricevuto aiuto psicologico. L’Unicef ha lanciato un appello per raccogliere 13,7 milioni dollari da destinare ai bambini e alle loro famiglie a Gaza: finora sono stati raccolti meno di un quarto di questi fondi. 




Redazione Papaboys (Fonte www.redattoresociale.it)



Sostieni Papaboys 3.0

Anche se l’emergenza Coronavirus ha reso difficile il lavoro per tutti, abbiamo attivato a nostre spese la modalità di smart working (lavoro da remoto) per stare vicino ad ognuno di voi, senza avere limitazioni di pubblicazione, con informazione e speranza, come ogni giorno, da 10 anni. CI PUOI DARE UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,924FansLike
17,749FollowersFollow
9,717FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

Crolla muro a Napoli, due operai travolti, si scava a mani...

Crollo e paura alla periferia di Napoli. Un muro di contenimento è crollato poco prima delle 12.30 a Pianura, quartiere della periferia occidentale del...