I funerali di Fabrizia Di Lorenzo a Sulmona . Presente il capo dello stato Mattarella

A Sulmona i funerali di Fabrizia Di Lorenzo, la trentunenne uccisa nell’attentato di Berlino, in un Duomo affollato. La madre della giovane ha accolto il feretro insieme al marito e al figlio con un dolore composto. Un lungo applauso della folla ha salutato la bara. In chiesa solo i parenti e gli amici più stretti della famiglia: la folla è trattenuta al di là delle transenne.

Il feretro di  Fabrizia Di Lorenzo viene portato a spalla dentro il duomo a Sulmona, 26 dicembre 2016. ANSA/Claudio Lattanzio
Il feretro di Fabrizia Di Lorenzo viene portato a spalla dentro il duomo a Sulmona, 26 dicembre 2016.
ANSA/Claudio Lattanzio

Presenti il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il ministro dell’Interno Marco Minniti. Il rito funebre è officiato dal vescovo di Sulmona, Angelo Spina.

Il lutto cittadino proclamato dal sindaco di Sulmona, Annamaria Casini, “in segno di rispetto e partecipazione al profondo dolore della famiglia e della comunità sulmonese”. In chiesa non è consentito l’ingresso di telecamere e fotografi.

La salma di Fabrizia Di Lorenzo è tornata in Italia il 24 dicembre. Ad accogliere all’aeroporto militare di Ciampino il rientro della salma c’erano, tra gli altri, il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, il ministro della Difesa Roberta Pinotti, il presidente della Regione Abruzzo Luciano D’Alfonso e il sindaco di Sulmona Annamaria Casini.

Un lungo abbraccio del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha concluso l’incontro che i genitori e il fratello di Fabrizia hanno avuto col capo dello stato all’aeroporto di Ciampino. Il padre Gaetano, la madre Giovanna e il fratello Gerardo, scesi dall’aereo, hanno trovato sottobordo un pulmino dell’Aeronautica militare che li ha accompagnati fino all’ingresso dell’aerea riservata al 31° Stormo dell’Aeronautica militare. Qui i familiari della giovane di Sulmona morta nell’attentato di lunedì scorso a Berlino, sono stati accolti dal presidente Mattarella e dalle altre autorità presenti.






Nel frattempo dal portellone posteriore del velivolo è stato sbarcato il feretro che è stato successivamente posizionato a bordo di un carro funebre. Il mezzo si è quindi spostato per raggiungere il 31° Stormo. Qui, prima che la signora Giovanna, accompagnata accompagnata sottobraccio dal marito Gaetano e dal figlio Gerardo deponesse una rosa rossa sulla bara bianca adagiata all’interno del carro funebre, il cappellano militare don Michele Loda ha impartito la benedizione. Prima di lasciare l’aeroporto i familiari hanno ricevuto un lungo abbraccio da parte del presidente Mattarella.

AnsaWeb

Sostieni Papaboys 3.0

Informazioni personali

Dettagli di fatturazione

Termini

Totale Donazione: €100.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome