Home News Pax et Justitia Francia, attentato con bandiera Is

Francia, attentato con bandiera Is

Francia, attentato con bandiera Is
Attentato con esplosione vicino Lione, in Francia. Un uomo ha fatto irruzione in un impianto di gas industriale a Saint-Quentin-Fallavier e ha aperto bombole di gas. Poco dopo è stato ritrovato un corpo decapitato vicino all’impianto. L’aggressore, che è stato arrestato, si è qualificato come un uomo dell’Is, mostrando drappi islamisti in mano.

L’irruzione. Stando alle ricostruzioni, almeno un uomo a bordo di un’auto ha fatto irruzione, intorno alle 10, nell’impianto di gas industriale Air Products a Saint-Quentin-Fallavier. L’auto ha compiuto una gimkana, cercando di colpire bombole di gas e provocando infine un’esplosione. Ci sarebbero un morto (l’uomo decapitato) e un paio di feriti non gravi. Non è chiaro se il terrorista fosse da solo.

Francia, attentato con bandiera Is

L’attentato è avvenuto poco prima delle 10 di mattina. I dipendenti dell’impianto, sotto choc, sono stati trasferiti in una palestra in un comune vicino

L’uomo decapitato. Secondo fonti media locali, l’uomo decapitato nel cortile della fabbrica “non è un dipendente della società”. La testa è stata ritrovata “a svariate decine di metri dal corpo”. Non è chiaro se la testa mozzata e il corpo siano stati trasportati sul posto o se la decapitazione sia avvenuta nel cortile dell’impianto.

Francia, attentato con bandiera Is: il corpo di un uomo, decapitato, è stato trovato nei pressi di un impianto di produzione di gas, dove un presunto terrorista è penetrato stamani, poco prima delle dieci

Autorità sul posto. Il ministro dell’interno francese, Bernard Cazeneuve, si sta recando sul luogo dell’attentato, che è a 30 chilometri da Lione e a circa 80 da Grenoble. In arrivo anche il ministro degli Esteri, Laurent Fabius. Sul posto c’è già il prefetto del dipartimento d’Isère.

Francia, attentato con bandiera Is

I fermati. Le forze di sicurezza hanno fermato e interrogato un uomo di una trentina d’anni, già conosciuto dalle forze dell’ordine. Si tratta di Yassine Sali, conosciuto dai servizi antiterrorismo, senza precedenti penali ma già noto per estremismo. L’uomo è residente nella zona di Lione. Secondo il ministro dell’Interno Cazeneuve, il sospetto “sarebbe collegato al movimento salafita” ma “non era conosciuto per avere legami con terroristi”. Un secondo uomo è stato fermato: sarebbe stato visto fare più volte avanti e indietro davanti alla fabbrica a bordo di un’auto, poco prima dell’esplosione. L’uomo è stato arrestato nella sua casa di Saint-Quentin-Fallavier e sono in corso delle perquisizioni.

Rafforzata la sicurezza. II primo ministro francese, Manuel Valls, ha ordinato di “rafforzare la vigilanza” in tutti i siti sensibili della regione Rodano-Alpi. In particolare, sicurezza rafforzata nei tre comuni vicini al luogo dell’attentato: Valencie, Romans-sur-Isère e Montelimar dans la Drome.

Gentiloni: instabilità. L’attentato avvenuto questa mattina nei pressi di Lione “ci riporta brutalmente a una dimensione di instabilità e insicurezza”. Lo ha detto il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni.

A cura di Redazione Papaboys fonti: Avvenire, La Stampa, Le Figaro

Sostieni Papaboys 3.0

Anche se l’emergenza Coronavirus ha reso difficile il lavoro per tutti, abbiamo attivato a nostre spese la modalità di smart working (lavoro da remoto) per stare vicino ad ognuno di voi, senza avere limitazioni di pubblicazione, con informazione e speranza, come ogni giorno, da 10 anni. CI PUOI DARE UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,924FansLike
17,749FollowersFollow
9,724FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

LIVIO

Padre Livio (Radio Maria): ‘Questo Mondo corre verso la catastrofe!’

Padre Livio parla del miracolo della Conversione - Estratto dal video pubblicato su Radio Maria Apostoli dell’amore di Maria Mercoledì, 3  Giugno 2020 Cari amici, quando la...