Francesco all’Angelus: ‘Porteremo in cielo solo ciò che abbiamo condiviso con gli altri’

Vatican PopeCITTA’ DEL VATICANO –  Chiede pace per l’Ucraina il Papa e responsabilizza la comunità internazionale per il popolo che soffre e per favorire dialogo e concordia.  Sotto la pioggia di Piazza San Pietro Papa Francesco ha ricordato che l’umanità ha bisogno di giustizia, riconciliazione e pace, introducendo il cammino della Quaresima che sta per iniziare. Il mondo sembra dover conoscere l’apertura di un nuovo fronte di guerra. I recenti fatti che hanno sconvolto gli assetti interni dell’Ucraina, innescando la reazione dei filorussi in Crimea e spingendo Mosca a lasciare la soluzione della disputa alle armi preoccupano molto Papa Francesco, che dalla finestra del suo studio termina l’Angelus chiede due parti in contrasto di spezzare una spirale che promette solo drammi:

“Mentre auspico che tutte le componenti del Paese si adoperino per superare le incomprensioni e per costruire insieme il futuro della Nazione, rivolto alla comunità internazionale un accorato appello affinché sostenga ogni iniziativa in favore del dialogo e della concordia”.

La ricerca di un equilibrio che disinneschi la tensione in Crimea richiama per certi versi la riflessione precedente, che Papa Francesco imposta mettendo a confronto la sobrietà con l’accumulo di ricchezze, con la prima che sa rendersi conto degli altri, mentre il secondo solo di se stesso. La figura di Dio, il Padre buono che provvede sempre i suoi figli di quanto hanno bisogno, così come proposta dalla liturgia domenicale, suggerisce a Papa Francesco una riflessione su un tema a lui molto caro. La Divina Provvidenza, afferma all’inizio, “è una delle verità più confortanti” della fede. Eppure, realisticamente, il Papa riconosce pure che le parole con le quali il Vangelo parla del Dio provvidente “potrebbero risultare astratte e illusorie” per quelle “tante persone che vivono in condizioni precarie, o addirittura nella miseria che offende la loro dignità”:

“Ma in realtà sono più che mai attuali! Ci ricordano che non si può servire a due padroni: Dio e la ricchezza. Finché ognuno cerca di accumulare per sé, non ci sarà mai giustizia. Dobbiamo sentire bene, questo, eh? Finché ognuno cerca di accumulare per sé, non ci sarà mai giustizia. Se invece, confidando nella provvidenza di Dio, cerchiamo insieme il suo Regno, allora a nessuno mancherà il necessario per vivere dignitosamente”.

Una folla di migliaia di persone al riparo degli ombrelli ascolta dalla Piazza Papa Francesco scavare ancora più a fondo, al bivio dove la generosità cristiana si stacca dalla mentalità attenta solo al proprio benessere. “Un cuore occupato dalla brama di possedere è un cuore vuoto di Dio”, dice il Papa, ed è per questo, soggiunge, che “Gesù ha più volte ammonito i ricchi, perché è forte per loro il rischio di riporre la propria sicurezza nei beni di questo mondo”:

“In un cuore posseduto dalle ricchezze, non c’è più molto posto per la fede: tutto è occupato dalle ricchezze, non c’è posto per la fede. Se invece si lascia a Dio il posto che gli spetta, cioè il primo, allora il suo amore conduce a condividere anche le ricchezze, a metterle al servizio di progetti di solidarietà e di sviluppo, come dimostrano tanti esempi, anche recenti, nella storia della Chiesa. E così, la Provvidenza di Dio passa attraverso il nostro servizio agli altri, il nostro condividere con gli altri”.

E qui, il Papa ritrova la battuta di spirito che fa pensare:

“Sapete? Il sudario non ha tasche! E’ meglio condividere, perché noi portiamo in Cielo soltanto quello che abbiamo condiviso con gli altri”.

Certo, ammette ancora Papa Francesco, questa strada indicata da Gesù “può sembrare poco realistica rispetto alla mentalità comune e ai problemi della crisi economica”. Ma “se ci si pensa bene – assicura – ci riporta alla giusta scala di valori”, come Gesù stesso dice quando afferma: “La vita non vale forse più del cibo e il corpo più del vestito?”:

“Per fare in modo che a nessuno manchi il pane, l’acqua, il vestito, la casa, il lavoro, la salute, bisogna che tutti ci riconosciamo figli del Padre che è nei cieli e quindi fratelli tra di noi, e ci comportiamo di conseguenza Questo lo ricordavo nel Messaggio per la Pace del primo gennaio: la via per la pace è la fraternità: questo andare insieme, condividere le cose insieme.

Dopo i saluti del pos-Angelus, Papa Francesco ha rivolto un pensiero all’imminente inizio della Quaresima, un cammino – ha ribadito – “di lotta contro il male con le armi della preghiera, del digiuno, della misericordia”:

“L’umanità ha bisogno di giustizia, di riconciliazione, di pace, e potrà averle solo ritornando con tutto al cuore di Dio, che ne è la fonte. Anche tutti noi abbiamo bisogno del perdono di Dio. Entriamo nella Quaresima in spirito di adorazione a Dio e di solidarietà fraterna con quanti, in questi tempi, sono più provati dall’indigenza e da conflitti violenti”.

Fonte: Radio Vaticana

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome