Home News Terra Sancta et Oriens Francesco ai siro-cattolici: fede coraggiosa di fronte a disumanità

Francesco ai siro-cattolici: fede coraggiosa di fronte a disumanità

Francesco ai siro-cattolici: fede coraggiosa di fronte a disumanitàVicinanza e incoraggiamento ai tanti cristiani che, soprattutto in Siria e Iraq, stanno sperimentando una disumanità che costringe alla fuga: sono i sentimenti espressi da Papa Francesco durante l’incontro con la comunità cattolica siro-antiochena, riunita a Roma per il suo Sinodo, che si è svolto fuori dal territorio patriarcale a causa della guerra. A guidare la delegazione siro-cattolica, il patriarca Ignace Youssif III Younan.

Al centro del discorso del Papa la drammatica situazione delle comunità cristiane in Medio Oriente:

“Tramite voi, posso far giungere il mio saluto alle vostre comunità sparse nel mondo, ed esprimere il mio incoraggiamento in particolare a quelle dell’Iraq e della Siria, che vivono momenti di grande sofferenza e di paura di fronte alle violenze”.

Il Sinodo dei siro-cattolici ha cercato di rispondere ai “bisogni impellenti” di questa Chiesa e “alle attese spirituali dei fedeli”. In particolare, ha discusso la riforma della Divina Liturgia, per permettere un nuovo slancio di devozione. “Questo lavoro – ha sottolineato il Papa – ha richiesto un intenso approfondimento della Tradizione e molto discernimento, sapendo quanto l’assemblea dei fedeli è sensibile al grande dono della Parola e dell’Eucaristia”:

“La difficile situazione nel Medio Oriente ha provocato e continua a provocare nella vostra Chiesa spostamenti di fedeli verso le Eparchie della diaspora, e questo vi mette di fronte a nuove esigenze pastorali”.

E’ una duplice sfida – ha osservato il Papa – “da una parte, rimanere fedeli alle origini; dall’altra, inserirsi in contesti culturali diversi operando al servizio della salus animarum e del bene comune. Questo movimento di fedeli verso Paesi considerati più sicuri impoverisce la presenza cristiana in Medio Oriente, terra dei profeti, dei primi predicatori del Vangelo, dei martiri e di tanti santi, culla degli eremiti e del monachesimo”. Tutto ciò – ha affermato – richiede che ci siano pastori e fedeli “coraggiosi, capaci di testimoniare il Vangelo nel confronto, a volte non facile, con persone di etnie e religioni diverse”:
“Tanti sono fuggiti per mettersi al riparo da una disumanità che getta sulle strade popolazioni intere, lasciandole senza mezzi di sussistenza. Con le altre Chiese cercate di coordinare i vostri sforzi per rispondere ai bisogni umanitari sia di quanti restano in patria, sia di coloro che si sono rifugiati in altri Paesi”.

Papa Francesco esorta, infine, la Chiesa siro-cattolica a proseguire il suo “ministero di speranza” al servizio di questa antica comunità cristiana.

Servizio di Sergio Centofanti

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

306,044FansLike
20,431FollowersFollow
9,829FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

Novena alla Madonnina di Civitavecchia

Invoca la Madonnina di Civitavecchia: 5° giorno della novena di preghiera,...

Invoca nella tua vita la cara Madonnina di Civitavecchia Recita la preghiera di novena alla Madonna che ha pianto lacrime di sangue a Civitavecchia Novena -...