Home News Corpus et Salus Foto del marito morto / Eva Holland, la forza che vince il...

Foto del marito morto / Eva Holland, la forza che vince il male è quella di ogni giorno

Foto del marito morto / Eva Holland, la forza che vince il male è quella di ogni giornoLa foto di Eva Holland con i dei due figli piccoli, accanto alla bara del marito Mike Settles morto per overdose a 26 anni, ha fatto il giro del mondo. Ma più importanti della foto, credo, sono le parole con cui ha motivato il suo gesto estremo: “Se non decidi di guarire ogni singolo giorno, questo – cioè morire di droga – è l’unico modo per uscirne”. Non siamo al festival del macabro ma siamo in piena verità. Ci abitueremo anche a questo come ci siamo abituati a darci del tu tra sconosciuti, a sdoganare parolacce nel parlare quotidiano e a squartare per gioco intere popolazioni in un videogioco? Ci abitueremo alla morte fotografata su una spiaggia tra i profughi e nelle bare tra i parenti? Io non voglio perdermi la lezione di una donna che conosce l’amore della sua vita al liceo, se lo vede portare via per una dipendenza atroce come quella dall’eroina e reagisce con estrema forza: “So che molti saranno sconvolti dal fatto che io ne parli così apertamente. Ma nascondere i fatti non fa altro che ingigantirli. La dura, difficile verità è che l’eroina uccide. Forse pensi che non accadrà mai a te ma era quello che pensava anche Mike.”
Conosco poche madri che portano il figlio al pronto soccorso per vedere i feriti da incidente di motorino, gli ubriachi da sabato sera, o come sono i ragazzi non dopo il primo spinello ma all’ultimo buco.
Non so se è un buon metodo, ma Eva Holland lo sceglie e usa il linguaggio che i giovani preferiscono: un’immagine e un post sotto dove si dice che l’eroina uccide e che per questo è meglio non provare neppure le sue sorelline minori, visto che il marito aveva iniziato con degli analgesici.
Nel mondo della droga sbagliare una volte è sufficiente. Con Instagram e Facebook Eva dice che non controlliamo tutto, anzi quasi nulla, e poi il male è appiccicoso e fa inciampare di brutto.
E poi, la cosa più bella, che per vivere bisogna decidere di guarire ogni singolo giorno. Ogni singolo giorno. Quanto è vero questo. E vale per tutte le dipendenze, non solo per la droga. Un programma di riabilitazione, anche il più sofisticato e costoso fallisce sempre se non decidi di fare la piccola cosa che puoi fare. Fosse solo scendere dal letto, uscire di casa, e fare un passo che ti porta verso la vita. Perché il male grande è fatto di tanti mali piccoli. Come il bene. Che non è mai grande. Solo piccolo. Un piccolo gesto, un piccolo sorriso, un piccolo passo. Una piccola guarigione ogni singolo giorno.

Di Don Mauro Leonardi

Articolo tratto da IlSussidiario.net

Sostieni Papaboys 3.0

Anche se l’emergenza Coronavirus ha reso difficile il lavoro per tutti, abbiamo attivato a nostre spese la modalità di smart working (lavoro da remoto) per stare vicino ad ognuno di voi, senza avere limitazioni di pubblicazione, con informazione e speranza, come ogni giorno, da 10 anni. CI PUOI DARE UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,924FansLike
17,739FollowersFollow
9,715FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

Morti carbonizzati due giovani romani: aereo ultraleggero precipita e prende fuoco...

Un ultraleggero è caduto presso la scuola di volo Crazy Flay di Nettuno. È accaduto questa mattina intorno le 10.40 e sono intervenuti i vigili...