Home Testimonium Festa liturgica di oggi 31 Maggio 2020. Visitazione della Beata Vergine Maria

Festa liturgica di oggi 31 Maggio 2020. Visitazione della Beata Vergine Maria

Pubblicità

Oggi ricordiamo la Visitazione della Beata Vergine Maria

Visitazione della Beata Vergine Maria
Visitazione della Beata Vergine Maria (Non di Solo Pane)

Pubblicità

La Visitazione della Beata Vergine Maria è una festa liturgica che si celebra il 31 Maggio; essa ricorda la visita che Maria fece ad Elisabetta, sua parente, subito dopo avere ricevuto l’annuncio che sarebbe diventata Madre di Gesù per opera dello Spirito Santo.

LEGGI: Oggi è la Domenica di Pentecoste. STORIA E SIGNIFICATO

La visita ad Elisabetta

Pubblicità

L’evento è narrato dal solo Vangelo di Luca (1,39-56) e non ha paralleli né richiami in altri pass; nell’Annunciazione (Lc 1,26-38) Dio chiese per mezzo dell’arcangelo Gabriele la disponibilità di Maria a generare un figlio, il Cristo; all’obiezione di Maria (“non conosco uomo”) l’angelo spiegò che la concezione sarebbe stata frutto dello Spirito Santo che sarebbe sceso su di lei e indicò a Maria come segno la maternità di sua cugina Elisabetta, già al sesto mese di gravidanza, nonostante la sua sterilità e anzianità (Lc 1,36-37). Il Vangelo secondo Luca racconta quindi che Maria si recò “in fretta” da Nazaret in Galilea a trovare Elisabetta in Giudea (Lc 1,39-45.56).

Quando Maria giunse nella casa di Zaccaria, Elisabetta percepì di trovarsi di fronte alla donna che portava in grembo il Cristo, ed espresse un cantico di lode, oggetto del quale è la credente Maria e il figlio che ella portava in seno (Lc 1,42). Inoltre si rivolse a Maria chiamandola con l’appellativo pasquale di madre del mio Signore (Lc 1,43) e proclamò beata Maria per aver creduto alle parole del Signore (Lc 1,45).

Il Magnificat

Maria espresse il ringraziamento a Dio attraverso il Magnificat, di seguito il testo meraviglioso che tutti conosciamo:

L’anima mia magnifica il Signore

e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore 

perché ha guardato l’umiltà della sua serva.

D’ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata. 

Grandi cose ha fatto in me l’Onnipotente

e Santo è il suo nome:

di generazione in generazione la sua misericordia

si stende su quelli che lo temono.

Ha spiegato la potenza del suo braccio,

ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;

ha rovesciato i potenti dai troni,

ha innalzato gli umili;

ha ricolmato di beni gli affamati,

ha rimandato i ricchi a mani vuote.

Ha soccorso Israele, suo servo,

ricordandosi della sua misericordia,

come aveva promesso ai nostri padri, 

ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre.

Gloria al Padre e al Figlio

e allo Spirito Santo.

Come era nel principio, e ora e sempre

nei secoli dei secoli. Amen.

Narra quindi Luca che Maria rimase con Elisabetta circa tre mesi, cioè fino alla nascita di Giovanni.

Visitazione della Beata Vergine Maria
Visitazione della Beata Vergine Maria

La festa

La festa della Visitazione della Beata Vergine Maria fu istituita nel 1389 con un decreto redatto da papa Urbano VI ma promulgato, dopo la sua morte, dal successore Bonifacio IX, per chiedere dalla Madonna la fine del grande scisma d’Occidente. E nel 1441 il sinodo di Basilea confermò la festa. Nel calendario romano era stata fissata alla data del 2 luglio, perché in tale giorno era già celebrata dai Frati Minori francescani fin dal 1263.

Secondo alcuni teologi, sarebbe stato logico collocarla in un giorno immediatamente successivo a quello dell’Annunciazione (il 25 marzo), ma questo avrebbe significato inserirla nel tempo di Quaresima. Il 2 luglio si giustificava col fatto che, essendo Maria rimasta per tre mesi da Elisabetta ad Ain Karim (all’epoca distava circa 8 km da Gerusalemme e attualmente ne è un quartiere), in Giudea, come narra il Vangelo di Luca (1,56); tale data cadeva esattamente otto giorni dopo la nascita di Giovanni Battista, in coincidenza cioè con il termine del periodo trascorso da Maria presso la cugina.

La riforma del calendario liturgico ha preferito spostare la festa della Visitazione all’ultimo giorno di maggio, situandola tra l’Annunciazione e la nascita del Battista: così si adatta meglio alla narrazione evangelica. Inoltre, essa conclude il mese tradizionalmente dedicato dalla devozione popolare alla Vergine.

La Visitazione è chiamata anche la festa del Magnificat perché Maria si rende conto delle grandi cose compiute in Lei dall’Onnipotente ed il suo «d’ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata» è per noi un invito a ricorrere alla sua intercessione e a renderci degni della misericordia di Dio che «si stende su quelli che lo temono».

La storicità della visitazione, come anche degli eventi relativi alla nascita del Battista e della sua parentela con Gesù, è attualmente discussa. (Fonte it.cathopedia.org)

Redazione Papaboys

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,916FansLike
17,749FollowersFollow
9,749FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

La rubrica dedicata a Giovanni Paolo II, 11 Luglio 2020

Le frasi più belle di Giovanni Paolo II: il Papa indimenticabile....

La rubrica dedicata a San Giovanni Paolo II Pensieri e parole di Giovanni Paolo II per te ogni mattina... LE FRASI DA LEGGERE OGGI "Ricco non è...