Home News Pax et Justitia E sia la luce... Se la scienza unisce cristiani e musulmani

E sia la luce… Se la scienza unisce cristiani e musulmani

funes-300x200Interessantissimo il convegno internazionale che si sta per aprire a Castel Gandolfo,  “L’astronomia nel cristianesimo e nell’islam”, frutto di una sinergia davvero singolare tra la Specola Vaticana e l’Ambasciata dell’Iran presso la Santa Sede.

La tre giorni, che comincerà domani e si concluderà il 15 gennaio, vedrà protagonisti scienziati delle due fedi monoteiste e sarà caratterizzata da un lungo filo rosso, il tema della luce.

L’ONU ha infatti deciso di dichiarare il 2015 anno internazionale della luce per celebrare il centesimo anniversario delle equazioni di Einstein sulla relatività. Certamente l’iniziativa, voluta dal direttore dell’Osservatorio Vaticano, padre José Funes, ha delle pontenzialità incredibili su molti fronti.

Sarà l’occasione per sviluppare il dialogo interreligioso, per dare spazio alla preghiera (sono stati previsti infatti ogni giorno due momenti di preghiera, alle 12 e alle 17) e per sfatare un vecchio tabù illuminista sulla presunta inconciliabilità tra fede e scienza. Come ha sottolineato padre Funes in un’intervista ad Avvenire, l’osservazione della volta celeste ha una grandissima importanza nella storia dell’Islam e anche nell’occidente si deve ad un Papa, Gregorio XIII, nientemeno che la riforma del calendario ancora oggi usato in tutto il mondo. Tra l’altro padre Funes è un gesuita simpatico da seguire con attenzione.

Nel 2008 rilasciò una strepitosa intervista all’Osservatore Romano nella quale, per la prima volta, affrontò temi legati alla fantascienza, tipo l’esistenza degli alieni, presentando un punto di vista cattolico davvero intrigante. In quella memorabile uscita il religioso spiegò inoltre che la teoria del big-bang e dell’evoluzione non è necessariamente in contrasto con la fede nella creazione biblica. “Come astronomo – sostenne – posso dire che dall’osservazione delle stelle e delle galassie emerge un chiaro processo evolutivo. Questo è un dato scientifico. Anche qui io non vedo contraddizione tra quello che noi possiamo imparare dall’evoluzione, purché non diventi un’ideologia assoluta, e la nostra fede in Dio. Ci sono delle verità fondamentali che comunque non mutano: Dio è il creatore, c’è un senso alla creazione, noi non siamo figli del caso”. Lo steso concetto è stato formulato recentemente da Francesco, causando non poche reazioni nel mondo scientifico.

di Antonio Marguccio per http://pontifexoptimusmaximus.blogspot.it/

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,941FansLike
19,967FollowersFollow
9,825FollowersFollow
2,330SubscribersSubscribe

News recenti

Preghiera a San Francesco

Inizia il nuovo mese in compagnia di San Francesco: ecco la...

Oggi, 1 Dicembre, invoca l'aiuto di San Francesco San Francesco aiutaci a superare le difficoltà con umiltà e letizia.. Preghiera a San Francesco O Serafico San Francesco,...