Home News Res Publica et Societas E' mafia capitale. Cioè: uno schifo caput mundi

E’ mafia capitale. Cioè: uno schifo caput mundi

Man Behind BarsROMA LADRONA – Sono oltre cento gli indagati dalla Procura di Roma nell’ambito dell’inchiesta sui legami tra criminalità e affari nella Capitale. Trentasette, invece, sono le misure cautelari firmate dal gip Flavia Costantini: 29 in carcere e otto agli arresti domiciliari.

In cella sono finiti, tra gli altri, l’ex esponente dei Nar Massimo Carminati, il direttore generale dell’Ama Giovanni Fiscon, l’ex ad di Ente Eur Riccardo Mancini, l’ex ad di Ama Franco Panzironi, l’ex capo di gabinetto della giunta Veltroni, Luca Odevaine, e il responsabile della Cooperativa 29 giugno Salvatore Buzzi.

Tra gli indagati figurano l’uomo d’affari Gennaro Mokbel, il commercialista Marco Iannilli e l’ex sindaco di Roma, Gianni Alemanno.

Le accuse Le perquisizioni hanno riguardato il Campidoglio e la Regione Lazio. Il gip contesta all’ex primo cittadino della Capitale il reato associazione a delinquere di stampo mafioso.

Gli inquirenti hanno proceduto anche alla perquisizione della sua abitazione.

mafia-lazio-clan-latina-roma-387td6w52I carabinieri del Ros stanno acquisendo documenti dagli uffici della Presidenza dell’Assemblea Capitolina e di alcune commissioni della Regione Lazio.

Complessivamente gli indagati sono accusati di reati che vanno dall’associazione per delinquere di tipo mafioso all’estorsione, dall’usura alla corruzione, dalla turbativa d’asta alle false fatturazioni, al trasferimento fraudolento di valori e al riciclaggio.

Le infiltrazioni nella politica

Al centro delle indagini ci sono le infiltrazioni dell’organizzazione che farebbe capo all’ex Nar Massimo Carminati nel tessuto imprenditoriale, politico ed istituzionale della città, attraverso un ramificato sistema corruttivo finalizzato ad ottenere l’assegnazione di appalti e finanziamenti pubblici dal Comune di Roma e dalle aziende municipalizzate, con interessi anche nella gestione dei centri di accoglienza degli immigrati.

Contestualmente la Finanza sta eseguendo un decreto di sequestro di beni riconducibili agli indagati, emesso dal tribunale di Roma, per un valore di oltre 200 milioni di euro.

La “cupola”

L’inchiesta della Procura ha di fatto smantellato una “cupola” tra politica, mafia ed ex pezzi dell’eversione di destra e della criminalità che costituiva una holding di affari sporchi nella Capitale. In carcere sono finite 29 persone mentre otto sono state poste ai domiciliari. Gli arrestati sono: l’ex Nar e Banda della Magliana Massimo Carminati, l’ex ad di Ente Eur Riccardo Mancini, l’ex vicecapo di gabinetto del Campidoglio Luca Odevaine, l’ex ad dell’Ama Franco Panzironi, l’ex dirigente del servizio giardini del Comune di Roma Claudio Turella e il dirigente dell’Ama Giovanni Fiscon. E ancora in carcere Riccardo Brugia, Roberto Lacopo, Matteo Calvio, Fabio Gaudenzi, Raffaele Bracci, Cristiano Guarnera, Giuseppe Ietto, Agostino Gaglianone, Salvatore Buzzi, Fabrizio Franco Testa, Carlo Pucci, Sandro Coltellacci, Nadia Cerrito, Claudio Caldarelli, Carlo Maria Guarany, Emanuela Bugitti, Alessandra Garrone, Paolo Di Ninno, Pierina Chiaravalle, Giuseppe Mogliani, Giovanni Lacopo, Claudio Turella, Emilio Gammuto, Giovanni De Carlo. Ai domiciliari sono finiti invece: Patrizia Caracuzzi, Emanuela Salvatori, Sergio Menichelli, Franco Cancelli Marco Placidi, Raniero Lucci, Rossana Calistri, Mario Schina.

640x344_1417543528078_rainews_20141202190405821

Indagato anche il capo dell’anticorruzione 

E c’è anche il responsabile della direzione Trasparenza del Campidoglio, Italo Walter Politano, fra gli indagati nell’inchiesta “Mondo di Mezzo” della Procura di Roma.

E’ accusato di associazione di stampo mafioso. A quanto si apprende verrà subito rimosso dal suo incarico.

Alemanno: “Io estraneo ai fatti”  L’ex primo cittadino Alemanno, commentando l’inchiesta che lo vede indagato per associazione mafiosa ha detto che dimostrerà la sua “totale estraneità a ogni addebito e da questa incredibile vicenda” e che ne uscirà “a testa alta”. “Chi mi conosce – ha aggiunto – sa bene che organizzazioni mafiose e criminali di ogni genere io le ho sempre combattute a viso aperto e senza indulgenza”.  Pignatone: “Organizzazione mafiosa Mafia Capitale”

“Alcuni uomini vicini all’ex sindaco Alemanno sono componenti a pieno titolo dell’organizzazione mafiosa e protagonisti di episodi di corruzione. Con la nuova amministrazione il rapporto è cambiato ma Carminati e Buzzi erano tranquilli chiunque vincesse le elezioni”.

Lo ha detto il procuratore di Roma Giuseppe Pignatone durante la conferenza stampa a seguito dell’ondata di arresti avvenuti nella Capitale. “A Roma non c’è un’unica organizzazione mafiosa a controllare la città. Ci sono diverse organizzazioni mafiose.

Oggi abbiamo individuato quella che abbiamo chiamato Mafia Capitale, romana e originale, senza legami con altre organizzazioni meridionali, di cui però usa il metodo mafioso”, ha anche detto Pignatone. – Fonte: Rainews24

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,853FansLike
19,406FollowersFollow
9,779FollowersFollow
2,330SubscribersSubscribe

News recenti

Coronavirus: i dati delle ultime 24 ore

Coronavirus. Italia: nelle ultime 24 ore 16.079 contagi e 136 morti

Coronavirus: ecco il bollettino sui contagi e le vittime In Italia, nelle ultime 24 ore, ci sono stati 16.079 contagi e 136 morti COVID-19 - Secondo...