E’ bruciata la casa: bimbo di 5 anni morto, il fratello si getta dalla finestra

E’ bruciata la casa: bimbo di 5 anni morto, il fratello si getta dalla finestra. E’ successo vicino a Portenone

Semplicemente non sapevano che era in casa. È la ragione per cui nessuno dei soccorsi è stato avvertito – dunque intervenuto – e il piccolo è morto intossicato dalle fiamme e bruciato dalle ustioni. I suoi due fratelli, di 27 anni, gemelli, avevano appena fatto in tempo asfuggire alle fiamme: il primo ad accorgersi dell’incendio ha riportato solo una intossicazione da fumo; il secondo, che dormiva, si è svegliato appena in tempo e, preso dal panico, si è lanciato dal primo piano: varie fratture e intossicazione.

casa bruciata morto bimbo di 5 anni

È il tragico bilancio di un incendio divampato in una abitazione di migranti del Burkina Faso in un piccolo centro del pordenonese.

Il piccolo aveva cinque anni – riferisce il quotidiano on line Leggo – come è stato confermato dai soccorsi in serata. Sulla sua età si erano diffuse notizie diverse ma infine le autorità hanno accertato che aveva 5 anni. A segnalare la sua presenza nell’abitazione è stata la madre dei tre, che era fuori al momento in cui si sono manifestate le fiamme. Rientrando, ha visto i due figli più grandi e non il piccolo e ha lanciato l’allarme. A quel punto coraggiosamente un vigili del fuoco si è lanciato tra le fiamme che ormai si erano propagate all’intera casa e ne è uscito poco dopo portando con sé il piccolo.

casa bruciata morto bimbo di 5 anni
Lo ha trovato sotto il letto perché, resosi conto del pericolo, non ha avuto la lucidità o forse la possibilità di uscire dalla casa e, come fanno i bambini, ha ritenuto che quella di sistemarsi sotto il letto fosse una posizione e un luogo protettivo. Non è invece servito: quando il vigile lo ha portato all’esterno aveva praticamente già smesso di respirare. Inutili sono stati i tentativi di rianimarlo da parte dei primi soccorsi; anche quelli successivi e più appropriati hanno avuto lo stesso esito. Così l’elicottero atterrato per portarlo in ospedale è dovuto tornare alla base vuoto perché il piccolo burkinabé era morto. A causarne il decesso sarebbero state più causa: l’inalazione di tanto fumo e anche ustioni provocate dalle fiamme. Il vigile del fuoco che è andato a prendere in casa è rimasto intossicato e, come i due gemelli, è stato ricoverato in ospedale. Le condizioni dei tre non sono gravi, e nessuno dunque è in pericolo di vita. La famiglia è molto nota nel piccolo centro, dove vive da anni e dove è perfettamente integrata. Il fratello che dormiva lavora di notte e si stava preparando per affrontare un nuovo turno di lavoro; così il suo gemello, che invece il turno di notte lo aveva concluso da poche ore e dunque stava riposando. Il padre, invece, è momentaneamente assente perché in visita da parenti, in Africa. Fino a questo momento non sono state ancora accertate con precisione le causa che hanno innescato le fiamme, ma i vigili del fuoco di Pordenone, intervenuti con tre squadre (da Spilimbergo, Maniago e Pordenone) hanno ipotizzato che possa essersi trattato di un fatto accidentale. Sul posto sono intervenuti anche carabinieri e due ambulanze

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni, con il cuore, senza interessi economici o politici, semplicemente perché il cuore ci chiama a farlo. E ci mettiamo passione, costanza, ed anche quel pizzico di professionalità che deve contraddistinguere i cristiani. Ecco perché siamo “missionari di parabole antiche e sempre nuove: chiamati ad esserci, ed a stare anche vicini ad ognuno di voi”.

Un numero sempre maggiore di persone legge Papaboys.org senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente. Soprattutto quando si parla di cristianesimo.

Purtroppo il tipo di informazione che cerchiamo di offrire richiede molto tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire tutti i giorni i costi quotidiani di Papaboys.org ed abbiamo deciso di chiedere proprio a te che leggi di essere per noi, proprio Provvidenza.

Puoi aiutarci a continuare questa missione sempre meglio e con maggiore spessore ed incisività? L’unica cosa che non possiamo garantirti è aumentare il cuore che ci mettiamo per fare questo lavoro, perché fino ad oggi ce lo abbiamo messo davvero tutto! Ma con un po’ di sostegno in più, possiamo essere davvero più incisivi, per te, e per tutti coloro che ci seguono (quasi 2.000.000 di lettori ogni mese!)

Inviaci il tuo contributo, quello che vuoi, e che puoi. E che Dio ti benedica!

Grazie
Daniele Venturi
Direttore Papaboys.org

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €15.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome