Home News Res Publica et Societas Dove è il piccolo Gioele? L’urlo di disperazione del padre: 'Lo amo,...

Dove è il piccolo Gioele? L’urlo di disperazione del padre: ‘Lo amo, dovete trovarlo!’

Arrivano i Cacciatori di Sicilia, un’unità speciale dei Carabinieri, di stanza a Sigonella, creata per la ricerca dei grandi latitanti di Cosa Nostra. Ma stavolta si tratta di ritrovare il piccolo Gioele, 4 anni, figlio di Viviana Parisi, la dj torinese (da tempo trasferitasi nel Messinese), morta sotto un traliccio dell’alta tensione. In queste ore stanno arrivando a Caronia anche tre cani molecolari. E un geologo forense, specializzato nella ricerca di corpi sottoterra.




Ricerche del piccolo Gioele
Ricerche del piccolo Gioele (teleclubitalia.it)

Dopo dodici giorni di ricerche si perlustrano i pozzi. È lì che si pensa – come aveva suggerito la veggente Rosemary (‘Il bambino è coperto d’acqua’) – possa essere finito il corpicino di Gioele. Arrivano anche i fratelli e i cugini di Daniele Mondello, marito di Viviana e padre del bambino, e parte la polemica. «Le ricerche sono scattate in ritardo e ancora oggi non si capisce perché i soccorritori non siano usciti all’alba e abbiano atteso le nove». Daniele però zittisce le controversie: «Amo mio figlio, aiutatemi a trovarlo».

Il procuratore di Patti, Angelo Cavallo spiega che le immagini, catturate a Sant’Agata di Militello da tre telecamere di videosorveglianza di negozi, riprendono il «bambino vivo, in quel momento era in macchina tranquillo». Gioele, quindi, era vivo a Sant’Agata di Militello e potrebbe esserlo stato fino al momento dell’incidente nella galleria. In uno dei filmati – racconta chi lo ha potuto visionare – si vedere chiaramente il bambino nell’abitacolo dell’Opel Corsa della mamma. Le immagini coprono gran parte dei 22 minuti di buco (dalle 10,30 alle 10,52) certificato dall’ingresso e dall’uscita dal casello autostradale di Sant’Agata (probabilmente dopo aver fatto benzina, ma senza pagare pedaggio: un altro mistero perché aveva soldi e bancomat). Ed è per questo che Cavallo si spinge ad ammettere che «siamo ragionevolmente sicuri che al momento dell’incidente la signora fosse ancora con il figlio».

L’ultimo buco è quello dalle 10,52 (ora del nuovo ingresso sulla A20) alle 11,07, ora dell’incidente nella galleria di Pizzo Turda. Quindici minuti durante i quali il piccolo era certamente in auto: ma respirava ancora? A detta di una famiglia di settentrionali, presenti sulla piazzola all’uscita della galleria, Gioele era ancora in vita. Non è un particolare da poco. I quattro componenti della famiglia – il padre quasi calvo, abbronzato e di corporatura robusta, indossava una maglietta arancione, la donna sui 45 anni, un vestito blu – sono svaniti nel nulla. Potrebbero sciogliere un dubbio investigativo importante: Gioele stava bene, era in vita e camminava da solo? O la madre lo teneva in braccio già cadavere mentre si dirigeva verso la boscaglia?

In questo secondo caso Viviana non avrebbe potuto percorrere i due chilometri fino al traliccio in cui ha trovato la morte e si sarebbe disfatta del corpo prima. Ma Gioele viene infatti descritto come un ‘piccolo colosso’: difficile pensare che potesse restare in braccio per un tratto così lungo e impervio. In serata l’ultima ipotesi degli inquirenti: il bimbo potrebbe essere morto nell’incidente e Viviana potrebbe aver sepolto il corpo e poi essersi suicidata. E mentre i soccorritori scandagliano i pozzi e gli anfratti, anche lungo la scarpata che porta verso il mare, si stanno concludendo gli esami sulla Opel Corsa. Da un primo riscontro, emergerebbero elementi «di oggettivo interesse investigativo»

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità

I nostri social

305,083FansLike
19,124FollowersFollow
9,776FollowersFollow
1,990SubscribersSubscribe

News recenti

Vangelo di oggi, 1 Ottobre 2020

Leggi e medita il Vangelo di Giovedì 1 Ottobre 2020. Lettura...

Vangelo del giorno - Giovedì, 1 Ottobre 2020 Lettura e Commento al Vangelo di Giovedì, 1 Ottobre 2020 - Lc 10,1-12: "La vostra pace scenderà...