HomeNewsFinis MundiDonna incinta rimane vittima di un incidente ma un 'angelo' la salva

Donna incinta rimane vittima di un incidente ma un ‘angelo’ la salva

Una donna incinta e suo figlio sono vittime di un incidente stradale. Il video del loro salvataggio è virale. Oggi vogliamo raccontarvi la storia di un uomo che si è trovato nel posto giusto al momento giusto.
Stiamo parlando del trentaseienne Keith B Ezell, infermiere,diventato protagonista di un video virale.

L’eroica impresa di un infermiere che ha salvato una donna incinta e suo figlio ancora in grembo


Mentre si recava al lavoro l’uomo ha assistito a un brutto incidente che ha visto coinvolta una giovane donna.Notando la gravità della situazione Ezell si è lanciato subito in azione per soccorrere la sconosciuta, come ha testimoniato la sua amica Danielle Nicole che ha pubblicato il video su Facebook.
La donna, incinta, era svenuta e la persona che guidava la macchina ha iniziato ad urlare “Non respira più“. L’infermiere è subito intervenuto, l’ha sdraiata a terra e le ha praticato la manovra di rianimazione intervallata con la respirazione bocca a bocca per 4 minuti nel tentativo di salvare lei e il suo piccolo.

“Questo è il mio amico e collega Keith B. Ezell che è stato colto mentre salvava questa donna, il suo bimbo non ancora nato dopo aver assistito a un incidente con assistenza minima” ha scritto la donna il cui filmato ha sorpassato i 260 mila Like ed ha ottenuto più di 200 mila condivisioni.

L’uomo è riuscito a salvare mamma e figlio praticando la rianimazione fino al sopraggiungere dei soccorsi, ma non è rimasto lì ad attendere i ringraziamenti. Appena i medici sono intervenuti, prima di portare via la donna, hanno confermato che c’era battito.
.

.




“Ora devo davvero andare al lavoro” ha detto Ezell davanti alla telecamera. Dopotutto il suo lavoro è proprio quello di salvare delle vite.

Keith ha poi successivamente chiamato l’ospedale dove ha avuto conferma che la mamma e il suo bambino erano fuori pericolo.

Fonte: www.universomamma.it

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Iscriviti alla newsletter gratuita