Donatore privato paga intervento alle due gemelline siamesi unite dalla testa. Finalmente separate ed in salute!

La loro storia era diventata di dominio mondiale: Safa e Marwa Ullah, gemelle siamesi unite per la testa e con i vasi sanguigni fusi insieme, avevano bisogno di un’operazione chirurgica da record per separarsi e sopravvivere.

.

E’ stata una vera e propria maratona, durata 50 ore, con cui i medici britannici hanno separato le due gemelline di 2 anni affette da una rarissima malformazione.

Le varie operazioni delle bambine

Safa e Marwa erano nate con un cesareo. I medici hanno sottoposto le bambine a una serie di interventi al Great Ormond Street Hospital di Londra. Ora gli operatori hanno dimesso le bimbe. I chirurghi hanno utilizzato la realtà virtuale per creare una replica della loro anatomia. Il team ha usato anche una stampante 3D per creare modelli e fare pratica. Un ‘allenamentò per consentire ai chirurghi di lavorare con precisione.

Durante il primo intervento i chirurghi hanno separato i vasi delle bambine e poi hanno inserito un elemento di plastica fra le teste, per tenere separati cervello e vasi. L’operazione più importante è quella che ha permesso ai chirurghi di ‘costruire’ due nuovi teschi, impiegando anche degli espansori per consentire alla loro pelle di allargarsi e arrivare a coprire la testa.


Intervento di separazione: 50 ore sotto i ferri grazie ad un donatore privato

Alcune operazioni minori hanno seguito l’intervento di separazione, pagato da un donatore privato, e necessarie per consentire alle bimbe una vita indipendente. In tutto le piccole hanno subito oltre 50 ore di operazione. «Siamo in debito con l’ospedale e lo staff e vorremmo ringraziarli per tutto quello che hanno fatto – ha detto la mamma Zainab Bibi – Siamo molto emozionati per il futuro»

Il Gosh ha dimesso le bimbe il 1 luglio scorso. Ora vengono sottoposte a una fisioterapia quotidiana per la riabilitazione. «Siamo lieti di essere stati in grado di aiutare Safa, Marwa e la loro famiglia – commentano il neurochirurgo Noor Ul Owase Jeelani e il chirurgo craniofacciale David Dunaway – È stato un viaggio lungo e complesso per loro». Il Gosh «è davvero uno dei pochi ospedali al mondo con le infrastrutture e l’esperienza necessarie per eseguire con successo un simile intervento», concludono i medici. 

Da Leggo.it

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni con il cuore, senza interessi economici o politici, solo perché il cuore ci chiama a farlo. CI DAI UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome