Disperato per il lavoro e la separazione. L’ultima lettera del papà, poi il suicidio

Le urla strazianti della madre hanno scosso l’intero quartiere. Preghiamo per questo povero uomo e per la sua famiglia che rimane ad affrontare la vita.

Carabinieri

E’ stato il padre il primo a soccorrerlo: l’ha liberato dal cappio che gli stringeva il collo e ha tentato lui stesso di rianimarlo, disperatamente, in attesa dell’arrivo del 118. Anche i soccorritori hanno eseguito per oltre mezz’ora il massaggio cardiaco. Tutto inutile.

Non ha più ripreso a battere il cuore del 38enne (M.M.), padre di una bimba piccola e operatore nel settore della ristorazione, che ha deciso di farla finita nel modo più drammatico.

La tragedia si è consumata ieri sera in corso Carlo Alberto. Sono stati i genitori, commercianti del Piano, ad effettuare la scoperta.

Sono tornati a casa, dove il figlio era tornato a vivere dopo la recente separazione dalla moglie, e l’hanno trovato agonizzante nel giardino di casa. Il papà con grande freddezza ha provato a rianimarlo. Uno, due, tre massaggi al petto: tutto inutile.

Il 38enne era già morto, come ha constatato anche il personale del 118 e della Croce Gialla, subito intervenuto. Mentre lungo corso Carlo Alberto in tanti si sono radunati davanti al portone, richiamati dalle grida di disperazione che provenivano dall’appartamento, sono sopraggiunti i carabinieri per le indagini. Il giovane papà avrebbe lasciato un messaggio per spiegare i motivi del gesto estremo.

Gli inquirenti non hanno dubbi: era depresso per la recente separazione ed era disoccupato, dopo aver fatto la stagione estiva in uno chalet al mare. E probabilmente non ha resistito all’idea di allontanarsi dall’adorata bimba. Così ha deciso di arrendersi al dolore, togliendosi la vita.

Redazione Papaboys (Fonte www.sostenitori.info)

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome