Home Diocesis PAPABOYS PIEMONTE Diocesi Vercelli, Mons. Arnolfo: un clima di piena libertà

Diocesi Vercelli, Mons. Arnolfo: un clima di piena libertà

Vescovo-Marco-2PIEMONTE – VERCELLI – “Un clima di piena libertà. Il Papa ha messo tutti a nostro agio. E quindi non c’era nessuna soggezione ad intervenire”. A raccontare al Sir cosa è successo ieri pomeriggio nell’Aula del Sinodo dopo l’intervento del Papa in apertura della 66ª Assemblea plenaria dei vescovi italiani, è monsignor Marco Arnolfo, neo-arcivescovo di Vercelli, alla sua prima esperienza a Roma ad una assemblea della Cei. Dopo il discorso del Santo Padre, i vescovi hanno preso la parola e sono andati avanti a “raffica” fino alle 19 e un quarto: “Ognuno – racconta mons. Arnolfo – aveva a disposizione solo due minuti, poi il microfono veniva spento. Quindi tutto si è svolto in maniera estremamente incalzante”. Alla fine “il Papa è andato via sereno, con il sorriso sul volto, salutando tutti i vescovi, ad uno ad uno. Si ricordava di tutti con una memoria di ferro e a ciascuno ha rivolto una parola particolare”. “Nelle domande e negli interventi che sono seguiti – fa sapere l’arcivescovo -, è emersa la situazione di una Chiesa molto umana, anche molto fragile, fatta di peccatori. Sono quindi emersi i diversi problemi che si vivono nella varie comunità. Il Papa ha risposto con molta franchezza, con molto equilibrio, con molta sincerità. Veramente da padre, da pastore”.

“Ciascuno – racconta mons. Arnolfo – ha portato la propria esperienza. È emersa chiaramente l’espressione di una Chiesa viva, incarnata. Non una Chiesa disincarnata che vive lontano ma una Chiesa che è calata nelle diverse problematicità e situazioni di fragilità legate al lavoro, al problema della disoccupazione, alla vita quotidiana, ai tanti nostri fratelli e sorelle che sono provati nella sofferenza, alla politica che deve essere l’espressione più alta della carità, che conduce tutti ad occuparsi della vita comune con giustizia e verità”. Al cuore dei vescovi sta “la preoccupazione di una Chiesa che è chiamata ad essere sempre più una Chiesa dei poveri, la Chiesa di quelli che fanno fatica, di quelli che sono provati”. Cosa vi ha chiesto il Papa? “Ha lanciato l’augurio a vivere nella gioia. Nella gioia della presenza del Risorto che ci accompagna. E Lui che vuole continuare ad annunciare il Vangelo e a portare la lieta notizia. Significa quindi infondere speranza, infondere negli altri fiducia”. Riguardo alle riforme e al nuovo che avanza, “ci potrà essere qualcuno non pienamente d’accordo – ammette il vescovo -. D’altronde anche il Papa ha detto che nella Chiesa e nella Conferenza episcopale bisogna discutere con molta franchezza. Diceva: non veniamo qui a far salotto. Si viene per affrontare i problemi veri che chiedono passione, la stessa passione di Cristo. Si può quindi intervenire anche con idee diverse ma sempre con questa carità e la finalità comune di far trionfare la Chiesa di Cristo”. Fonte: Agensir

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,915FansLike
17,749FollowersFollow
9,749FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

Santa Teresina del Bambin Gesù

Se l’ansia vuole impadronirsi di te, invoca Santa Teresina. Preghiera della...

Se l’ansia vuole impadronirsi di te, invoca Santa Teresina. Preghiera della notte tra il 5 ed il 6 agosto 2020 Preghiera potente per sconfiggere ansia...