Home Diocesis PAPABOYS CAMPANIA Diocesi Pompei, Mons. Caputo: ieri il Papa ci ha commosso. Lo aspettiamo

Diocesi Pompei, Mons. Caputo: ieri il Papa ci ha commosso. Lo aspettiamo

3madonna-del-rosario-di-pompei1CAMPANIA – POMPEI – “Siamo pieni di cristiana letizia nel momento in cui le diciamo: ‘benvenuto a Pompei!’, città di Maria e terra legata, fin dalla fondazione, alla Santa Sede. Lei, primo e più diretto collaboratore di Papa Francesco, viene a rinnovare il legame tutto speciale con i pontefici e ad aprire idealmente anche al Papa ‘venuto dall’altra parte del mondo’, la strada che ha già condotto San Giovanni Paolo II e Benedetto XVI in pellegrinaggio al Santuario della Vergine del Rosario”. Così monsignor Tommaso Caputo, arcivescovo prelato di Pompei, si è rivolto al segreterio di Stato cardinale Pietro Parolin, che oggi celebra la Messa e presiede la recita della Supplica alla Madonna di Pompei. “Vogliamo esprimere – con più forza che mai – l’amore che Pompei prova per la Chiesa e per il Papa”, ha affermato il presule. “Ieri – ha aggiunto – Papa Francesco ci ha commosso con il suo invito alla Chiesa tutta ad elevare la preghiera della Supplica alla Madonna del Rosario di Pompei e con l’annuncio della venuta tra noi di vostra eminenza”. “Le mie parole – ha spiegato – sono l’eco di una comunità ecclesiale che sente di vivere, pur tra tante difficoltà, un momento importante della propria vita e della propria storia. Sono l’eco di tutti i presenti”, tra i quali ha ricordato i numerosi vescovi presenti alla celebrazione.

“Siamo riuniti qui – ha rammentato monsignor Caputo – per la celebrazione della santa Messa e per la recita della Supplica, la preghiera che potremmo definire specchio dell’anima e della spiritualità del fondatore: una tenera invocazione che, in questo giorno, unisce in unico coro milioni di fedeli in ogni parte del mondo. Questa preghiera, nella quale sono raccolti i desideri e le speranze di tutti gli uomini, è un inno alla fede ed alla pace, alla quale è consacrata anche la facciata stessa del nostro santuario”. Il presule ha rivolto un pensiero anche alle “decine di migliaia di pellegrini sono giunti qui da tutta Italia e dall‘estero. Molti di loro, in segno di devozione, sono arrivati qui a piedi, anche con pellegrinaggi di tre giorni”. Il Santuario, “centro della spiritualità del santo Rosario”, “è anche una realtà pulsante di carità verso gli ultimi e gli emarginati”. Bartolo Longo volle fare di Pompei “la cittadella dell‘amore fraterno, il luogo per offrire solidarietà e riparo agli esclusi e agli ‘ultimi della fila’” e oggi “continuiamo ad accogliere orfani, figli di detenuti, vittime del disagio familiare e sociale, ragazzi sfruttati o provenienti da nazioni in guerra o in grave sottosviluppo”. Infine, una richiesta: “Dica al Santo Padre Francesco che lo amiamo, che preghiamo ogni giorno per lui e che lo aspettiamo al più presto qui a Pompei!”.

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,916FansLike
19,887FollowersFollow
9,816FollowersFollow
2,330SubscribersSubscribe

News recenti

Preghiera alla Madonna di Pompei, 24 Agosto 2020

Ogni Giorno Una lode a Maria, 29 novembre 2020. Preghiera alla...

Ogni Giorno Una lode a Maria, 29 novembre 2020. Preghiera alla Regina delle Vittorie O Santissima Vergine Maria, Regina Delle Vittorie, alza il Tuo scudo crociato...